Senegalese aggredisce la ‘matrigna’

15-12-2014

SANTA CROCE SULL’ARNO. Un giovane di 22 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Santa Croce sull’Arno con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. L’altra sera i carabinieri, su richiesta di alcuni vicini di casa spaventati dalle richieste di aiuto della donna, sono intervenuti nell’appartamento dove abita una famiglia di senegalesi.

Una donna, di circa 30 anni, era stata aggredita dal giovane figlio del suo compagno, un muratore senegalese di 48 anni che per ragioni di lavoro si assenta da casa per lunghi periodi.

Il giovane, stando alle accuse, per motivi banali e comunque legati alla difficile convivenza con l’attuale compagna del padre, si era scagliato contro la “matrigna” nel corso di una violenta lite e l’aveva ferita alla testa e al collo. Tanto che la donna è stata trasportata all’ospedale di Empoli con un’ambulanza e poi inserita nel percorso previsto dal codice rosa, un particolare protocollo che scatta nei casi di violenze. Per lei, che è madre di un bambino di 2 anni e mezzo, sarà ora cercata una struttura in grado di accoglierla fino a quando non saranno superate le attuali difficoltà. E soprattutto con lo scopo di metterla al riparo da altri aggressioni.

Il ragazzo è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Ai carabinieri infatti la vittima dei maltrattamenti, stando a quanto è stato spiegato, ha raccontato di essere già stata picchiata altre volte dal giovane e sempre durante i periodi di assenza del genitore. Una storia difficile da ricostruire. Finora la donna avrebbe tenuto per sé il suo segreto anche se in altre occasioni, come risulta dai referti medici, si era rivolta al pronto soccorso per farsi medicare senza rivelare ai medici le ragioni di quelle ferite. Ora la verità è emersa in modo drammatico.

http://iltirreno.gelocal.it/pontedera/cronaca/2014/12/14/news/picchia-la-compagna-trentenne-di-suo-padre-1.10498671

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Pisa

RSS Feed Widget

Lascia un commento