Reati e propensione al crimine

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppOknotizieCondividi
Reati commessi da mmigrati in relazione al totale delle tipologia di reato

Reati commessi da immigrati in relazione al totale delle tipologia di reato

Questi dati sono ufficiali, elaborati dal ministero degli interni su numeri delle questure. Purtroppo, le statistiche dei crimini commesse da stranieri divisi per tutte le tipologie di reato, sono aggiornate al 2006.
E’ comunque chiaro, vedendo il continuo crescere della presenza di stranieri sul totale dei detenuti, che le percentuali di crimini commessi da immigrati andrebbero aggiornati al rialzo.

In basso, gli stessi numeri corredati a fianco da quella che è la propensione degli immigrati a commettere ogni singolo reato rispetto agli italiani.

330214_562930637093149_1311263636_oAd esempio. Nel 2006, gli immigrati erano il 5% della popolazione – oggi sono circa il 7,5% – ma commettevano il 39% degli stupri. Ovvero circa 8 volte la loro incidenza sulla popolazione generale. Un dato che si deve confrontare con il 95% degli italiani che commettevano il 61% delle violenze, con una incidenza quindi di circa 0,7 volte la loro presenza.

Si evidenzia quindi una propensione degli immigrati allo stupro, circa 12 volte superiore a quella degli italiani. Significa che una donna, incrociando per strada un immigrato, ha 12 volte più probabilità di incrociare un potenziale stupratore.

Per gli altri reati vale lo stesso procedimento. Numeri e dati. Non chiacchiere.

 

STUPRIIMMIGRATI

 

E che ci sia una correlazione evidente tra reati ed immigrazione – in questo caso parleremo di stupro – lo conferma il grafico a sinistra. Al crescere dell’immigrazione, cresce il numero degli stupri commessi. I dati sono fermi al 2008, ultimo anno in cui il Viminale ha rilasciato cifre ufficiali, ma quelle ufficiose degli ultimi anni confermano, anzi aggravano la correlazione.

I numeri degli stupri del grafico rispetto a quelli delle violenze sessuali delle due tabelle precedenti, non coincidono perché includono una casistica più ampia – esempio molestie – rispetto alla “violenza sessuale” stricto sensu.

 

3 comments on “Reati e propensione al crimine

  1. marco56 scrive:

    Ma non bisogna dire queste cose! Non siate razzisti! Gli immigrati sono indispensabili. Ci pagheranno le future pensioni. Già oggi fanno i lavori che gli tagliani non vogliono fare (furti, stupri, droga, accattonaggio, commercio esentasse, omicidi, ecc.). Forniscono “nuovi” tagliani (quelli del posto, rovinati dalla disoccupazione e dalla tassazione più alta del mondo, consapevolmente non prolificano più), per il ripopolamento di un territorio già tra i più popolati (con quali risorse vivranno i futuri tricoloriti? Chiedetelo ai Verdi). Possibile che non riusciate a capire l’alta politica intrapresa dai delinquenti che ci governano? Ha ragione “Repubblica”: certi siti bisognerebbe chiuderli perchè non facilitano l’integrazione (emblematico il caso di Kabobo: colpa delle vittime e nostra!).

  2. enrica scrive:

    Mi indigno di fronte alla spazzatura schifosa che pubblicate. Alimentate razzismo e xenofobia, siete uomini bassi, se così vi si può definire…il vostro non è un pensiero patriottico, ma razzista e ignorante.
    Documentatevi prima di dire castronerie.

  3. flavio56 scrive:

    E’ ora di finirla di fare i FINTI buonisti, bisogna esserci andati in africa per capire di cosa stiamo parlando ed io ci sono andato in Missione parecchie volte, bisogna lasciarli dove sono, NON sanno cosa sia la civiltà, non sanno fare niente altro che dire che in Italia non c’è lavoro, loro stanno tutto il giorno ad oziare e l’unica cosa che serve per vivere è andare a prendere l’acqua ma lo fanno le donne e i bambini loro Oziano e lo fanno anche da noi…..Ora basta puntare il dito a priori senza sapere e il sapere è cosa per pochi!!!!!!!!!

Lascia un commento