Tre anni di pestaggi alla convivente: arrestato marocchino

19-12-2014

Verona – Tre anni vissuti in un incubo. Quello “scatenato” dal convivente di 35 anni che non si limitava a cercare di sottomettere al suo volere la donna ma su di lei si accaniva con offese e botte. In manette, alla fine, è finito un cittadino marocchino, che ora si trova in carcere a Montorio con l’accusa di maltrattamenti aggravati nei confronti di quella che ormai è diventata la sua ex compagna, una connazionale di 27 anni.
La loro storia, come ha spiegato il dirigente della Squadra mobile di Verona, Roberto Della Rocca, era cominciata nel 2011. In quell’anno infatti la donna arrivò in Italia ed era stata ospitata da alcuni parenti in provincia di Rovigo. Lui era invece da un po’ di tempo residente nel Veronese. Si erano conosciuti quasi per caso ed era cominciata una relazione.

La ragazza non poteva certo sospettare quando sarebbe accaduto di lì a poco. Una volta che decise di trasferirsi a Verona, infatti, ci fu la svolta terribile, in casa. Un’escalation di violenza, condita da sospetti, minacce, insulti infine le botte. E tutto questo mentre la donna si apprestava a partorire. Un figlio non era riuscito a portare gioia in famiglia. Anzi, l’uomo era arrivato a picchiarla anche dopo pochi giorni dalla nascita del bimbo.
Alla fine una denuncia è bastata ad allontanare l’uomo a cui è stato contestato anche lo stalking.
http://www.veronasera.it/cronaca/verona-convince-trasferirsi-lui-vivra-tre-anni-incubo-botte-insulti-minacce-coltello-19-dicembre-2014.html

RelatedPost

EVIDENZA, Verona

RSS Feed Widget

Lascia un commento