Scontri etnici in carcere: sette “migranti” rinviati a giudizio

18-10-2013

Biella 18 ottobre 2013 – Sette detenuti, di cui tre albanesi e quattro africani, sono stati rinviati a giudizio, a seguito di una rissa scoppiata, nel 2008, tra le mura del carcere. In quel periodo erano quasi all’ordine del giorno gli screzi, tra i reclusi di etnie diverse. Da una parte gli slavi, dal carattere violento, che tendono a mettere sotto i nord africani, e in mezzo gli italiani, a fare da cuscinetto. Impossibile tenerli insieme, nelle stesse celle, e sono continui i cambiamenti di posto. E’ il 26 gennaio quando due gruppi di affrontano, prima che gli agenti della Penitenziaria possano intervenire. Quasi tutti i coinvolti, ripoteranno ferite e lesioni guaribili in pochi giorni. A distanza di cinque anni, Denis Pope, 35 anni, Gjergji Lazaj, 32, Gentian Halili, 38, tutti albanesi, e Sadok Mekini, 30 anni, tunisino come Mohammad Jaber, 36, insieme a Mbaye Gueye, 43, senegalese, e Makhfi Mourad, 34, marocchino, sono stati tutti rinviati a giudizio, per rissa e lesioni personali aggravate. Il processo si aprirà l’11 marzo del 2015.

http://www.newsbiella.it/2013/10/18/leggi-notizia/argomenti/cronaca-5/articolo/rinviati-a-giudizio-per-la-rissa-in-carcere.html#.UmFuE_nxoXW

ARTICOLI CORRELATI

Biella, Crimini Immigrati

RSS Feed Widget

Lascia un commento