Integrazione: sequestrata e torturata per 15 giorni in uno scantinato

30-04-2013


Firenze, 30 aprile 2013 – Ha sequestrato  per 15 giorni una donna in uno scantinato, picchiandola e provocandole un trauma cranico e la frattura di una costola, finché la donna, un’invalida senzatetto di 53 anni, è scappata e ha chiamato la polizia. E’ stato arrestato il barbone romeno di 42 anni con le accuse di estorsione sequestro di personalesioni personali e maltrattamenti in famiglia.
Secondo quanto emerso, per evitare che la donna fuggisse, l’uomo dormiva davanti alla porta dello scantinato, occupato abusivamente, che bloccava con una catena fissata da un lucchetto. ma la notte del 18 aprile la donna è riuscita a fuggire sfilando la chiave dalla tasca dei pantaloni dell’uomo, che dormiva dopo essersi ubriacato. Poi è salita su un autobus ed è arrivata alla stazione ferroviaria Santa Maria Novella, dove ha chiesto aiuto agli agenti della Polfer.

Soccorsa dai medici del 118, ha riportato 20 giorni di prognosi per un trauma cranico, vari ematomi e la frattura di una costola. Dai controlli medici, sono emersi segni pregressi di altre fratture alle costole, che il compagno le aveva provocato nei mesi scorsi. Secondo il racconto della donna, le violenze andavano avanti dal 2011: l’uomo, alcolizzato, la picchiava e le estorceva tutto il denaro della pensione di invalidità, circa 300 euro al mese, che poi usava per comprare da bere. In un caso la donna, in preda alla disperazione, aveva tentato di suicidarsi tagliandosi le vene.

Picchia e sequestra la compagna per due settimane in uno scantinatoLa Repubblica Firenze.it

tutte le notizie (2) »

Questo accade “nell’altra città”, quella parte abbandonata a se stessa da un’amministrazione inerte.

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati

RSS Feed Widget

Lascia un commento