Costringe moglie e neonato a chiedere elemosina

21-04-2015

Nel corso del normale e quotidiano servizio di controllo e presidio del territorio una pattuglia della Polizia Locale è intervenuta nel centro di Frascati nei confronti di una giovane nomade, che insieme al suo bambino di pochi mesi, era costretta ad elemosinare in pieno centro. L’episodio è avvenuto qualche giorno fa e grazie al pronto intervento della Polizia Locale è stato individuato il padre del bimbo e compagno della donna, che aveva lasciato la madre a mendicare, mentre lui si aggirava per la città. Con il supporto dei servizi sociali il bimbo, in buone condizioni di salute, è stato affidato ai parenti, mentre il padre è stato denunciato per sfruttamento di minori. Prosegue in questo modo a 360° l’impegno della Polizia Locale a tutela delle fasce più deboli della popolazione al fine di scongiurare sintomi di degrado e forme di aggressione, anche indirette.

«La deplorevole abitudine di utilizzare minori per richiedere elemosina e indurre in tenerezza e compassione i passanti deve essere censurata e non consentita sul nostro territorio – dichiara la Comandante della Polizia Locale Barbara Luciani -. Nonostante le difficoltà legate anche alla carenza di risorse umane, cerchiamo di presidiare il più possibile il territorio di Frascati, per evitare che simili episodi possano accadere. Inoltre nel fine settimana sono proseguite le attività in collaborazione con la Polizia di Stato. Due pattuglie miste hanno infatti controllato prima i veicoli in transito per scongiurare l’abuso di alcool alla guida e poi i giovani e giovanissimi frequentatori dei locali del centro».

http://www.ilcaffe.tv/articolo/13013/costringeva-compagna-con-bebe-ad-elemosinare-in-centro-nomade-denunciato

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Roma

RSS Feed Widget

Lascia un commento