Category: Roma

Roma, Africano esige di fare la spesa gratis: commercianti pestati

L’aggressore, un senegalese di 21 anni è stato arrestato dalla polizia per il reato di lesioni gravi. Mentre in piazzale Tiburtino, il titolare di un bar che si trova proprio di fronte al luogo dove ogni sera si radunano i migranti, sarebbe stato aggredito da un profugo ubriaco. La denuncia il Comitato dei cittadini stazione Tiburtina.

“Il commerciante era nel suo negozio. Come ogni sera si sono concentrate centinaia di persone attratte dalla somministrazione dei pasti, i piu’ stranieri ubriachi, parcheggiatori abusivi o migranti africani senza documenti che girano per l’area. L’esercente – spiega una nota del comitato attraverso la propria pagina Facebook ufficiale – si e’ messo sulla soglia del suo negozio e ha scattato una foto col cellulare alla folla davanti a lui. Questo non e’ andato giu’ ad uno di questi sbandati, in evidente stato di ubriachezza, che lo ha attaccato brutalmente al viso infierendo su di lui anche una volta messo a terra”.

Sul posto, prosegue il Comitato nella nota, “sono accorsi i carabinieri nonche’ l’esercito e auspichiamo che questo criminale venga al piu’ presto identificato e arrestato. Il commerciante e’ stato portato via in ambulanza e speriamo possa rimettersi al piu’ presto. Come Cittadini chiediamo da anni un’ordinanza che vieti il consumo di alcolici in strada e la vendita ad asporto su tutta l’area attorno la Stazione Tiburtina. Inoltre e’ evidente che la Questura debba urgentemente intervenire per vietare l’attivita’ di somministrazione di pasti fuori dalla Stazione da parte di queste associazioni”.

“Non e’ davvero piu’ possibile tollerare – conclude il Comitato – una concentrazione di circa quattrocento persone problematiche tutte le sere che ormai quotidianamente si rendono protagonisti di risse e aggressioni. Non siamo piu’ liberi di uscire o di tornare di casa. Non possiamo invitare nessuno a casa nostra. Siamo come agli arresti domiciliari. Stiamo raccogliendo delle firme. Il Questore intervenga, non aspetti il morto”.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/06/23/news/roma_aggredisce_commerciante_a_monti_arrestato_21enne-168894045/

Roma, derubavano turisti al Colosseo: presa baby gang dei rom

Hanno pazientemente seguito gli spostamenti della loro vittima designata, una turista giapponese di 30 anni, che stava ammirando il Colosseo da largo Agnese e, giunto il momento propizio, l’hanno letteralmente circondata e presa d’assalto riuscendo a sfilarle il portafogli dalla tasca.
Quello che le 6 ladruncole non potevano sapere era che a poca distanza da loro la scena era controllata da una pattuglia di Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro in servizio antiborseggio che è immediatamente intervenuta. Le ragazzine ,«di orgine rom e residenti in un noto campo nomade della Capitale», spiega il comandante interinale della compagnia San Pietro, Luca Gino Iannotti, sono state fermate mentre la refurtiva è stata interamente recuperata e restituita alla legittima proprietaria.
Tre delle borseggiatrici sono risultate di età compresa tra i 14 e i 15 anni: per le altre complici, invece, è stato necessario attendere gli esiti delle visite antropometriche eseguite dai sanitari dell’ospedale “Santo Spirito” che ne hanno stabilito un’età presunta tra i 14 e i 16 anni.
Le giovani, ma esperte, ladre sono state tutte accompagnate nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli dove rimangono a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Dovranno rispondere di furto aggravato in concorso.

http://ilmessaggero.it/roma/cronaca/babygang_rom_colosseo-2519063.html

Bengalese tenta di stuprare ragazzina italiana mentre torna a casa

E’ in stato di fermo, piantonato dalla polizia in ospedale, un bengalese di 28 anni accusato di aver tentato di violentare una ragazzina di 16 anni che rientrava a casa due notti fa a Roma nel quartiere Montesacro.

La ragazzina, una scout, ha raccontato di essere stata aggredita alle spalle dall’uomo che voleva violentarla e per difendersi ha estratto dalla borsa un coltellino ferendolo a una gamba. Il suo racconto sarebbe stato considerato attendibile dagli investigatori. Sulla vicenda indaga il commissariato Fidene.

http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2017/06/22/tenta-stupro-16ennelei-lo-ferisce_3388655f-493a-4132-99e4-1e8c7d96d52f.html

Sfregiata dal marito islamico: “Non mettere il sari o ti uccido”

Le passava il coltello sulle guance e con rabbia la minacciava. “Oggi ti ammazzo”.

Altre volte le premeva sul viso il cuscino fino quasi a farla soffocare. “Non devi parlare con nessuno”, le intimava. Ma a farlo imbestialire più di tutto era quando la moglie indossava il “sari”, l’abito che le donne bengalesi indossano per tradizione. E, quando la sorprendeva a farlo, la riempiva di botte fino a mandarla in ospedale. Questo incubo è durato anni, ma è stato interrotto ieri con la condanna a due anni e sette mesi di Rabiul Islam Mamum, 36 enne originario del Bangladesh e di fede islamica.

Come racconta il Messaggero, Rabiul Islam Mamum non voleva che la moglie indossasse il “sari”. Preferiva piuttosto i jeans aderenti e le scarpe col tacco, come fanno le donne occidentali, piuttosto che lasciarle vestire l’abito tradizionale del Bangladesh. E così per almeno due anni l’ha riempita di botte e le ha fatto vivere un vero e proprio incubo trasformando la loro casa nella periferia romana in una sorta di carcere. I due abitavano a Torpignatara. Ogni sera la donna veniva pestata senza che potesse cambiare nulla. “Se parli con qualcuno – la minacciava Rabiul Islam Mamum – ti ammazzo”. Il 26 giugno dell’anno scorso, poi, la situazione gli è sfuggita di mano. Tornato a casa dal lavoro, come ricostruito dal Messaggero, il 36enne bengalese butta la moglie sul letto e prova a soffocarla con un cuscino.

“Mi ha messo un cuscino in faccia – ha raccontato la donna in tribunale – voleva soffocarmi”. Fortunatamente riesce a divincolarsi e a scappargli. “Oggi ti ammazzo”, le urla il marito. Che, poi, afferra un coltello, e glielo punta in faccia. La taglia profondamente e la donna finisce in ospedale. È l’ennesima volta che la donna fa questa fine, ma quel giorno decide di denunciarlo e di affidarlo alla giustizia italiana. Le accuse sono pesantissime: maltrattamenti in famiglia, stalking e lesioni personali. Si becca due anni e sette mesi, un po’ meno dei tre chiesti in Aula dal pm Filomena Angiumi.

http://www.ilmessaggero.it/pay/edicola/roma_islam_marito_picchia_moglie-2513274.html

Rom, bastonate a moglie e neonato

Campo via Salviati: salvata una donna con i figli in braccio dalle botte del marito

Erano impegnati nei consueti controlli all’interno della baraccopoli di via Salviati quando, attirati dalle grida, gli agenti della Polizia Locale del Gruppo SPE (Sicurezza Pubblica Emergenziale) hanno salvato questo pomeriggio una donna di 30 anni e i suoi due figli, uno di 1 anno ed un neonato di appena 6 giorni di vita, dalle bastonate inferte dal marito. L’uomo, un cittadino straniero di 40 anni, si è dato alla fuga ed è attivamente ricercato dai ‘caschi bianchi’.

Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/cronaca/bastonate-moglie-campo-via-salviati-mamma-neonato.html

Roma, rapina violenta con morsi e pestaggio: arrestati egiziani


Roma: rapina violenta con morsi e pestaggio, arrestati egiziani
Un dente rotto ed un morso sul braccio per difendersi da una violenta rapina in via Giolitti; la Polizia di Stato, dopo 24 ore di indagini e ricerche, ferma due egiziani. La rapina – scrive il Messaggero – è avvenuta poco prima di mezzanotte del 25

altro »

Roma, Fontana di Trevi, Immigrato molesta turista e aggredisce poliziotti


Il Messaggero
Roma, Fontana di Trevi, molesta turista e aggredisce poliziotti …
Il Messaggero
Durante un servizio di vigilanza a Fontana di Trevi, domenica pomeriggio alcuni poliziotti sono intervenuti per bloccare M.R., romeno di 31 anni, il quale poco …
Fontana di Trevi, aggredisce turista e prende a calci i poliziotti …Il Tempo
Fontana di Trevi: molesta una ragazza e agredisce i poliziottiAffaritaliani.it

tutte le notizie (6) »

Roma, Turista aggredita e scippata da egiziano

Colle Oppio: turista scippata ed aggredita, arrestato 18enne

Ha reagiato allo scippo, poi l’aggressione a calci e pugni, fortunatamente senza nessuna conseguenza. Vittima una turista francese di 35 anni, presa di mira da un malvivente mentre si trovava nel parco del Colle Oppio. A finire in manette è stato poi un 18enne egiziano, senza fissa dimora e con precedenti, bloccato dai carabinieri della Stazione Roma Piazza Dante, coadiuvati dai colleghi dell’8° Reggimento Lazio, impegnati nei controlli antidegrado nelle aree monumentali della Città Eterna.

PAURA MA NESSUNA CONSEGUENZA – La vittima ha tentato di divincolarsi dal malvivente, ma è stata preso a calci e pugni. L’intervento dei Carabinieri ha consentito di bloccare il 18enne e di riconsegnare la refurtiva alla vittima che, per fortuna, non ha riportato lesioni. Il neo maggiorenne è stato poi accompagnato in caserma in attesa del rito direttissimo.

Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/cronaca/aggressione-turista-scippo-colle-oppio.html

Vigile accoltellato da un giovane musulmano a Velletri


Castellinews.it
L’ex vigile Giorgio D’Urso accoltellato da un giovane egiziano; è …
Castellinews.it
d’urso accoltellato velletri egiziano E’ ancora un giallo sulle cause dell’aggressione dell’ex vigile Giorgio D’Urso, noto cittadino veliterno, aggredito da un giovane egiziano poche ore fa. In azione gli agenti di Polizia del Commissariato di Velletri

Milano, ubriaco e nudo irrompe in scuola, bimbi terrorizzati: poi picchia i carabinieri

Ubriaco entra in una scuola di Pioltello, poi picchia i carabinieri: arrestato

Prima ha danneggiato le auto in sosta in via Roma. Poi, in preda a un delirio dovuto all’alcol, ha cercato di scavalcare il cancello di una scuola di via Milano. Quindi, dopo essere stato respinto, è entrato nel cortile di un’altra scuola – l’elementare “Salvo D’Acquisto” di via Togliatti – e, non contento, ha aggredito con calci e pugni i carabinieri che cercavano di fermarlo.

Pomeriggio di paura quello di giovedì a Pioltello, teatro del personalissimo show di un giovane marocchino visibilmente ubriaco.

 

L’uomo, poco dopo l’una, ha iniziato a prendere calci alcune macchine parcheggiate in strada. Quando è arrivato in via Milano, stando a quanto finora ricostruito dai carabinieri, ha cercato di entrare in una scuola scavalcando la recinzione, ma è stato respinto dalle insegnanti, che hanno subito dato l’allarme. In pochi attimi, però, il nordafricano è arrivato in via Togliatti, dove ha fatto “irruzione” nel cortile dell’istituto elementare, tra i bimbi e le maestre che erano all’esterno del plesso per la ricreazione.

Le docenti hanno subito portato i bimbi al sicuro nelle classi e proprio in quel momento sono arrivati due equipaggi dei carabinieri della compagnia di Cassano d’Adda e della polizia locale di Portello. Neanche la vista dei militari, però, ha tranquillizzato l’ubriaco, che – a torso nudo – si è immediatamente scagliato contro gli uomini in divisa, colpendoli con calci e pugni.

Fortunatamente, dopo una breve colluttazione e non senza fatica, i carabinieri sono riusciti a bloccare e ammanettare l’uomo, che è rimasto contuso e che è stato arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

I quattro militari aggrediti, invece, sono finiti tutti in ospedale, ma hanno riportato solo ferite lievi e le loro condizioni non destano alcuna preoccupazione.

 

Potrebbe interessarti: http://www.milanotoday.it/cronaca/ubriaco-scuola-pioltello.html