Razzia borse in piazza e picchia ragazza che lo blocca

08-07-2015

SABBIADORO – Strattonata e gettata a terra, viene soccorsa dai passanti che cercano anche di fermare, invano, l’autore del gesto. Il fatto è accaduto domenica notte, seguito dall’arresto del responsabile, un 26enne ‘austriaco’, già processato ieri mattina per direttissima. Tutto si è svolto in pochi minuti, attorno alla mezzanotte di domenica, in piazzale Marcello D’Olivo, a Pineta, dove era in corso uno spettacolo di animazione. Una delle protagoniste dello spettacolo, una 21enne di Pordenone, si è accorta che un uomo stava armeggiando fra le borse degli animatori, lasciate in un gazebo adiacente al palco. E mentre l’uomo si stava allontanando con le due borsette, la giovane è intervenuta, cercando di riprenderle. L’austriaco, a quel punto, ha spinto con forza la giovane, che è caduta a terra. Nel dileguarsi, l’uomo è anche passato sopra il corpo della ragazza.
Soccorsa da alcune persone che stavano assistendo allo spettacolo, comprensibilmente sotto choc, la giovane è riuscita comunque a raccontare quanto accadutole.
Immediata è stata la richiesta di intervento dei carabinieri, con l’arrivo di una pattuglia della stazione di Lignano, impegnata in un servizio di controllo del territorio.
I carabinieri hanno notato l’uomo in fuga, lo hanno raggiunto e bloccato, trovandolo ancora in possesso delle due borsette sottratte alla 21enne pordenonese, che fortunatamente non ha avuto bisogno di ricorrere alle cure mediche, nonostante l’aggressione subita. Il 26enne austriaco è risultato anche in stato di ebbrezza alcolica.
Informato dai militari della stazione di Lignano, il Pm di turno ha quindi disposto l’arresto dell’austriaco, a quanto pare in riviera come turista, che ha passato la notte nella camera di sicurezza della caserma dei carabinieri. Il processo si è svolto ieri mattina: l’uomo ha patteggiato ed è stato condannato a un anno e 4 mesi, oltre al pagamento di una multa di 300 euro.

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2015/07/07/news/tenta-di-fermare-il-ladro-e-viene-aggredita-1.11740285?refresh_ce

Grazie a Schengen ci ‘scambiamo’ anche i criminali.

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Pordenone

RSS Feed Widget

Lascia un commento