Profugo mendicante alla Coop ferisce Carabiniere

25-03-2017

CORREGGIO. «Riguardo al ventiduenne nigeriano che domenica a Correggio, opponendosi all’identificazione dei carabinieri, ha causato il ferimento di uno di questi, è giusto che si sappiano aspetti che nessuno ha rivelato – dice Andrea Nanetti, ex consigliere comunale del Pdl a Correggio –. Il “gentiluomo” in questione, come quasi tutti i “mendicanti recidivi” nel parcheggio Coop, anche se disoccupato non ha problemi di sostentamento, in quanto risulta profugo (presunto) perciò è già mantenuto dai contribuenti. Esattamente come l’altro nigeriano arrestato sempre a Correggio dai carabinieri lo scorso 4 gennaio, mentre spacciava droga a un minorenne».
«Risulterebbero entrambi ospitati da una nota cooperativa sociale reggiana – prosegue Nanetti – quindi, visto che queste coop sono pagate, possibile che non controllino i loro ospiti? Nel parcheggio di piazzale Finzi il problema degli accattoni molesti è anche stato oggetto, circa due anni fa, di una petizione della Lega Nord, indirizzata all’amministrazione comunale, ma pare rimasta inascoltata. Sicché, ultimamente oltre all’accattonaggio dilagante, abbiamo pure il susseguirsi di furti e spaccate».
L’ex consigliere comunale del Pdl afferma che «questi “gentiluomini” reagiscono violentemente ai militari; allora, figuriamoci con persone ben più deboli. Credo sia urgente ripristinare la legalità».
«Va detto che il Comune non può fare miracoli – argomenta Nanetti – però basta andare in altri supermercati, come l’Esselunga a Soliera e, si vede che, essendoci vari vigilanti (permanenti) nel parcheggio, hanno risolto il problema. Quindi, affinché Coop si decida ad assumere anch’essa dei vigilanti fissi all’esterno, che cos’altro deve succedere?»

http://gazzettadireggio.gelocal.it/reggio/cronaca/2017/03/23/news/l-aggressore-e-un-profugo-alla-coop-servono-vigilanti-1.15078658?ref=fbfre

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Reggio Emilia

RSS Feed Widget

Lascia un commento