Category: Milano

Marocchino ammazza un uomo con l’auto e scappa: senza patente

Si è costituto il pirata della strada che ieri sera era alla guida di una Bmw che ha travolto una Fiat 600 provocando la morte di un uomo di 60 anni e il ferimento della moglie di 59 anni a Corsico (Milano). Si tratta di un cittadino marocchino di 32 anni, regolare in Italia, che nel pomeriggio si è presentato in caserma dai carabinieri a Corsico.

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/01/17/pirati-strada-incidente-corsico-uomo-si-e-costituito_ef81c4ee-313b-42fa-bd2c-9ac9661faf40.html

L’uomo ha spiegato di non essersi fermato a prestare soccorso in quanto senza patente. Il 32enne si trova ora in caserma dove lo sta sentendo l’autorità giudiziaria. (ANSA).

Bengalesi sfasciano auto e motorini in sosta a Milano

https://www.today.it/citta/ragazzini-spaccano-auto.html

Due uomini, un 27enne e un 23enne, entrambi cittadini del Bangladesh ed entrambi con precedenti – sono stati arrestati lunedì sera a Milano con l’accusa di danneggiamento aggravato in concorso dopo aver “spaccato” quattro auto e un motorino che erano parcheggiati in strada. Teatro del loro folle tour vandalico è stato viale Corsica, all’altezza di via Negrolì a Milano.

Lì, per motivi che neanche loro stessi hanno saputo spiegare, i due si sono divertiti a danneggiare quattro macchine e uno scooter staccando gli specchietti retrovisori e colpendo la carrozzeria dei veicoli. A dare l’allarme alla polizia, pochi minuti prima della mezzanotte, è stato un tassista che si è trovato a passare di lì ed ha assistito allo “spettacolo”.

Quando sono stati fermati dagli agenti, i due stranieri avevano in mano un’accetta e un coltello con lame di trenta centimetri, ma fortunatamente non hanno opposto resistenza e si sono lasciati ammanettare. I vandali sono anche stati denunciati per il possesso delle armi.

Locali italiani chiusi, migranti organizzano party a base di droga

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/01/11/party-con-droga-a-milano-un-arresto_62fdb931-2e39-4a0a-90e9-7c49dcb3e893.html

Sarebbe stato già fuorilegge aver organizzato un festino in zona rossa e in piena notte di coprifuoco, ma una dozzina di giovani, a Milano, ha pensato bene di inserire nella serata anche lo sballo da droghe, facendo organizzare il tutto a uno spacciatore, che è stato arrestato, mentre i partecipanti sanzionati per la violazione delle norme anti covid.
E’ accaduto l’altra notte in un loft di una palazzina in via Oslavia, dove un 23enne con precedenti per spaccio, J.E., di origine marocchina, ha affittato uno studio di registrazione e ha rifornito i presenti di cocaina, marijuana, ketamina, hashish ed Md.

La polizia, arrivata a causa di più telefonate che alle 4 del mattino protestavano per il baccano (probabilmente i partecipanti speravano nell’insonorizzazione della stanza di registrazione) ha sequestrato 11 involucri di droga e oltre mille euro in contanti.
Così per il 23enne è scattato l’arresto mentre per i ragazzi e le ragazze, tutti tra i 21 e i 32 anni, residenti a Milano e in provincia, sono state emesse sanzioni non essendo stato possibile segnalare in Prefettura gli assuntori, nessuno dei quali era stato inequivocabilmente colto sul fatto.

Immigrati attaccano coppia, tentano di fare lui a pezzi con un’ascia: italiano gli stacca il dito a morsi

https://www.fanpage.it/milano/lite-in-strada-stacca-il-pollice-a-morsi-ad-un-uomo-che-cerca-di-ucciderlo-con-unascia/

Una lite violentissima e decisamente “pulp”, quella avvenuta nella serata a Milano, in viale Umbria, una delle circonvallazioni della città. Protagoniste quattro persone. La rissa è iniziata in un appartamento ed è finita per strada con l’intervento provvidenziale polizia locale e pronto soccorso per portare i feriti in ospedale.

In base a una prima ricostruzione della polizia locale, due stranieri, di 27 e 28 anni, hanno aggredito una coppia poco prima delle 18. L’uomo della coppia aggredita si sarebbe difeso e da lì è partita una violentissima colluttazione durante la quale quest’ultimo ha letteralmente staccato con un morso il pollice a uno degli avversari e colpito l’altro. I quattro a questo punto sono usciti lungo la strada. Uno dei quattro che non era rimasto ferito alla mano ha preso un’ascia dal baule del suo scooter e ha cercato di di colpire l’italiano.

Prima di sferrare il colpo è stato però provvidenzialmente bloccato dagli agenti di una pattuglia dei vigili urbani. I due stranieri sono stati portati in ospedale in codice giallo, mentre gli italiani al Comando della vigilanza per chiarire l’episodio. La posizione dei quattro è al vaglio degli investigatori.

Ospita due migranti: massacrata e stuprata

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/01/05/stuprata-picchiata-e-rapinata-a-milano-due-arrestati_ac99e471-9518-4634-b600-4b65c8574bbc.html

(ANSA) – MILANO, 05 GEN – Due marocchini di 24 e 25 anni sono stati arrestati per aver stuprato, rapinato e picchiato con numerosi pugni al volto e al corpo una loro connazionale di 34 anni il primo settembre scorso nella sua casa a Milano, dove la donna li aveva ospitati dopo che i tre avevano passato una serata assieme in un locale. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal gip Guido Salvini nelle indagini della Squadra Mobile e del pm Bianca Baj Macario.

Massacrata dal marito islamico

https://www.fanpage.it/milano/donna-aggredita-nella-notte-a-corsico-soccorsa-con-ferite-a-testa-collo-e-braccia/

Una donna di 32 anni è stata soccorsa questa notte a Corsico, nel Milanese. È stata trovata riversa a terra con ferite e contusioni alla testa, al collo e agli arti. Ne è emerso un quadro drammatico, una storia di violenze domestiche che duravano da mesi.

Donna aggredita nella notte a Corsico: soccorsa con ferite a testa, collo e arti

La donna, che stando alle prime informazioni emerse sarebbe rimasta vittima di un’aggressione, è stata soccorsa attorno alle 3 di notte di oggi, domenica 27 dicembre, in via Milano a Corsico, nell’hinterland a sud del capoluogo lombardo. Secondo quanto riportato da Areu (Azienda regionale emergenza e urgenza) la 32enne è stata trasportata in ambulanza in codice giallo al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo di Milano, da cui è stata dimessa con prognosi di 21 giorni per “trauma cranico commotivo” con ferite al volto.

A trovare la donna sul pianerottolo di fronte alla sua abitazione, riversa a terra con evidenti segni di violenza sul volto ed in stato confusionale, sono stati i carabinieri di Corsico, intervenuti per una segnalazione al 112 di una lite in famiglia.

Denunciato il compagno per maltrattamenti e lesioni

I militari hanno quindi raccolto la testimonianza della donna, che a denunciato di essere stata picchiata dal compagno, ubriaco, nel corso di una lite per futili motivi. L’uomo è un cittadino marocchino di 28 anni con precedenti per guida in stato di ebrezza e spaccio, l’avrebbe colpita ripetutamente con calci e pugni, sbattendole la testa contro il muro dopo averla afferrata per il collo. La donna è riuscita a divincolarsi e uscire sul pianerottolo per chiedere aiuto.

Una storia di violenza durata oltre un anno

L’uomo è stato denunciato per il reato di maltrattamenti in famiglia e di lesioni personali gravi. Dalle dichiarazioni della vittima è venuta a galla una storia di violenze durate oltre un anno. Già nel novembre del 2019 l’uomo l’aveva colpita con un oggetto di vetro causandole una ferita lacero-contusa, quindi a giugno, durante una lite, l’aveva percossa e aveva danneggiato l’interno dell’abitazione. Fatti mai denunciati della 32enne per paura di ritorsioni da parte del compagno.

Africano spacca bottiglia in testa a ragazza

Via Quarenghi, colpita alla testa con una bottiglia di vetro da un borseggiatore: arrestato

stata prima strattonata e poi colpita in testa con una bottiglia di vetro. Tutto per la sua borsa e il suo smartphone. Questo il violento tentativo di rapina subito da una giovane donna nei giorni scorsi vicino al centro commerciale Bonola di via Quarenghi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno arrestato l’aggressore.

In manette un ragazzo ghanese di 28 anni, senza fissa dimora, nullafacente, con pregiudizi di polizia. La vittima, una 29enne, è stata aggredita dal giovane rapinatore che inizialmente voleva portarle via la borsa e in seguito – dopo averla colpita violentemente alla testa – si è impossessato del suo smartphone, per poi darsi alla fuga.

A causa di una ferita lacerocontusa alla testa la ragazza è stata trasportata in codice giallo all’ospedale San Carlo di Milano. Le immediate ricerche hanno permesso ai militari di individuare e bloccare, nelle immediate vicinanze, il rapinatore, che è stato trovato in possesso del cellulare sottratto alla ragazza. Il 28enne, dopo le  formalità di rito, è stato condotto in carcere a San Vittore.“

Potrebbe interessarti: https://www.milanotoday.it/cronaca/donna-aggredita-centro-bonola.html

Africano assalta brutalmente passanti alla stazione – VIDEO

Milano Cadorna, folle minaccia i passanti nella fermata metro con una bottiglia: arrestato

Minacciava i passanti con una bottiglia di vetro in mano e quando sono intervenuti gli addetti alla sicurezza di Atm ha cercato di intimorirli frantumando la bottiglia e continuando a brandirla come un’arma. Alla fine, per fortuna, si è ‘limitato’ a colpire con un pugno in faccia uno degli uomini della security, senza gravi conseguenze. Fino all’arrivo della polizia e all’arresto.

Serata di pazzia per un nigeriano di 28 anni all’interno del mezzanino della fermata metro Cadorna, in centro a Milano. Tra le 20.30 e le 21 di lunedì, il ragazzo ha dato vita ad un triste spettacolo prendendosela prima con i vari passanti e poi con il personale dell’Azienda trasporti milanesi. Ad avere la peggio è stato un 35enne, un uomo della security, soccorso dal 118 e trasportato in codice verde al Fatebenefratelli per le conseguenze di un pugno in faccia.

Il 28enne è stato arrestato, come comunica la questura, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il personale Atm, infatti, nelle sue funzioni lavorative è considerato pubblico ufficiale. A scatenare l’attimo di follia potrebbe essere stata una discussione tra il 28enne, con un precedente simile, e un passante. Ma non è del tutto chiaro. Il nigeriano, che possiede un regolare permesso di soggiorno, è finito in carcere.

In mattinata un uomo era stato arrestato dagli agenti della polfer nella fermata di Lambrate. Era stato sorpreso durante una rapina ai danni di una donna, strattonata e trascinata per un cellulare. “

Potrebbe interessarti: https://www.milanotoday.it/cronaca/folle-metro-cadorna-arrestato.html

Senegalese manda 4 persone in ospedale

https://www.milanotoday.it/cronaca/aggressione-duomo-metro-atm-polizia.htm

Follia mercoledì pomeriggio nella metropolitana Duomo di Milano, teatro dello “spettacolo” di un ragazzo di 22 anni – cittadino del Senegal, senza precedenti alle spalle – che ha mandato in ospedale quattro persone ed è poi finito in manette.

Lo “show” è iniziato verso le 18.30, quando il 22enne è sceso da un treno della linea gialla, la M3, e si è avviato verso l’uscita. Lì ha incontrato i controllori dell’Atm, che lo hanno sorpreso senza biglietto e hanno cercato di fermarlo. Per nulla intenzionato a lasciarsi identificare e multare, il giovane ha scavalcato i tornelli e si è poi scagliato contro gli addetti colpendoli con calci, pugni e uno zainetto che aveva con sé, e al cui interno nascondeva 5 cellulari. All’arrivo dei vigilantes e di una pattuglia della Polmetro, il ragazzo ha aggredito anche loro, che alla fine – non senza fatica – sono riusciti a immobilizzarlo e ammanettarlo.

Pesante il bilancio dell’aggressione: un agente scelto della polizia, di 40 anni, è finito al Policlinico, due dipendenti Atm – 34 e 52 anni – sono stati portati alla clinica Città Studi e un terzo collega, 33 anni, è finito anche lui al pronto soccorso del Policlinico. Ad avere la peggio sono stati proprio i dipendenti della società di trasporto pubblico, che hanno riportato ferite serie alla testa e al volto. La serata del 22enne è invece finita in cella: deve rispondere delle accuse di resistenza, minaccia e lesioni a pubblico ufficiale. Accertamenti sono in corso anche sui telefoni che aveva nello zaino.

Dal coordinamento Rsu del gruppo Atm si sono subito detti “sconcertati dagli epidosi di follia avvenuti ai danni dei lavoratori, colpevoli solo di aver fatto in maniera zelante il proprio dovere. A loro va tutta la solidarietà perché questi lavoratori sono costretti a lavorare in uno scenario sociale fortemente cambiato e aggravato dal momento che stiamo vivendo. La sicurezza – hanno sottolineato i sindacalisti – è un atto imprescindibile che le istituzioni devono garantire mettendo in campo ogni azione possibile a garanzia dei cittadini e di chi è impegnato in prima linea durante il proprio lavoro”.“

Immigrato la trascina per terra davanti a poliziotti

Milano Lambrate, scippa e trascina una donna davanti ai poliziotti in borghese: arrestato

Strattona e trascina una donna per rubarle il cellulare. Peccato per lui che la scena venga notata dai poliziotti in borghese che pattugliano la metropolitana di Milano. Il fatto è accaduto, infatti, all’interno della fermata Lambrate, sul mezzanino. Gli agenti lo hanno inseguito e arrestato.

È successo poco dopo il mezzogiorno di lunedì. A riferire l’accaduto è la questura. A quanto pare l’uomo, un marocchino 29enne, ha strappato di mano il cellulare a una ragazza peruviana di 26 anni. La giovane, però, non si è data per vinta e si è aggrappata al malvivente con tutta la forza che poteva. Il 29enne non si è fatto molti problemi ha strattonarla e trascinarla nel tentativo di liberarsi.

La scena, avvenuta sulla banchina, è stata notata dal personale della polfer che viaggiava su un treno in arrivo. In breve, i poliziotti erano addoso al nordafricano. L’uomo, irregolare, è risultato non avere precedenti penali. L’accusa per lui è quella di rapina. La vittima ha riportato qualche piccola contusione ma ha rifiutato le cure mediche. 

Nella serata di lunedì, a dare ‘spettacolo’ in un’altra fermata della metro, è stato un 28enne. A Cardorna per diversi minuti ha minacciato i passanti con una bottiglia di vetro e poi si è scagliato con un pugno contro un addetto alla sicurezza di Atm. È stato arrestato anche lui.“

Potrebbe interessarti: https://www.milanotoday.it/cronaca/rapina-metro-lambrate.html?fbclid=IwAR0guEzZ_QQ-3FWeVfS1LgSN76TK07YgEi7ra6JLoiGlFFlwoNYsB0ooomY