Tag: sua casa

Milano: egiziano “regolare” si masturba davanti ai bambini

Milano 07 agosto 2013 – Un egiziano di 38 anni è stato arrestato dai carabinieri di Corsico per atti osceni e corruzione di minorenni dopo essere stato visto masturbarsi in un parco dove c’erano anche bambini. 

L’uomo è incensurato e regolare, e ha da perso poco il lavoro. Secondo il racconto dei militari, sono state alcune mamme, mentre portavano i figli a giocare in giardino di via Verdi, ad avvisare le forze dell’ordine dello strano comportamento dell’uomo. Era sempre con un cappotto nonostante ci fossero oltre 30 gradi, e teneva le mani sull’inguine. Quando qualcuno lo notava, poi, sia bambini che genitori, si scopriva e mostrava i genitali, e continuava a toccarsi.

Il pietoso “canovaccio” si è svolto anche martedì, sotto gli occhi dei carabinieri, presenti con un appostamento. L’uomo è stato colto sul fatto. Processato per direttissima, è stato rilasciato, essendo incensurato e non essendo stato trovato nella sua casa materiale pedopornografico. Ha l’obbligo di firma due volte al giorno.

http://corsico.milanotoday.it/maniaco-sessuale-corsico.html

 

Notte da incubo per il sindaco: sequestrato e picchiato da immigrato

 
Lozio. Ha rimediato calci e pugni senza poter reagire per via di un coltello puntato alla gola, e a distanza di molte ore dalla terribile avventura non riesce a spiegarsi il motivo della brutale aggressione. Parliamo del sindaco di Lozio, Antonio Giorgi, il quale nella notte tra domenica e ieri è stato assalito, sostanzialmente preso in ostaggio e malmenato da un immigrato di origine romena nella sua casa in localitĂ  Camerata, alle porte del paese.  «Erano circa le tre e mezza – racconta direttamente il primo cittadino – quando ho sentito dei rumori al piano di sotto, talmente forti che mi hanno svegliato». Il padrone di casa si è messo le ciabatte e ha sceso le scale in legno esterne all’abitazione su tre piani, poco lontana dalla strada provinciale che sale da Malegno e con una sola altra abitazione nelle vicinanze.  Ed è proprio all’esterno che è avvenuta l’aggressione: il cittadino dell’Est residente a Gianico ha afferrato brutalmente Giorgi, gli ha puntato un coltello da cucina alla gola, probabilmente preso dal bed&breakfast di proprietĂ  della famiglia del sindaco che si trova al primo piano dello stabile, e lo ha riempito di calci e pugni provocandogli contusioni su tutto il corpo e alcuni graffi sulle braccia poi medicati nell’ospedale di Esine.  «Non potevo muovermi, non potevo nemmeno difendermi da quella stretta – ha raccontato Giorgi -. Avevo un coltello puntato dritto alla gola». Passata la paura, il sindaco spiega di conoscere il suo aggressore: «Ci siamo visti alcune volte, due o tre in tutto;  è un uomo che abita a Gianico ma non abbiamo mai avuto contrasti. Non capisco come mai sia successo tutto questo».  Un tentativo di furto andato male o una deliberata aggressione? «La mia casa è sempre aperta e forse lui lo sapeva», prosegue il primo cittadino. Che poi ricorda di aver sentito il suo aggressore, che pure parla bene l’italiano, usare solo la sua lingua mentre lo colpiva. Tutto è terminato solo con l’arrivo dei carabinieri allertati da un vicino e amico della vittima svegliato dalle urla. Quando i militari di Borno sono arrivati Giorgi era ancora nelle mani dell’aggressore, che nel frattempo si era però lasciato sfuggire di mano il coltello. L’uomo è stato fermato e ieri a Brescia c’è stata la conferma dell’arresto: il processo è stato fissato al 30 maggio.

Incastrato dal caffè, latitante arrestato al bar del tribunale – La Nazione


La Nazione

Incastrato dal caffè, latitante arrestato al bar del tribunale
La Nazione
Ieri mattina a un latitante algerino di 47 anni, esperto in rapine e furti in auto, entrare al bar del Tribunale di Massa per un caffè è costato davvero caro. L'uomo era evaso dagli arresti domiciliari, che stava scontando nella sua casa della Spezia
Prende caffè al bar del tribunale Massa, arrestato latitanteLa Repubblica Firenze.it
Latitante entra al bar del tribunale, arrestatoIl Reporter
Caffè al bar del tribunale: latitante arrestatoLettera43
OggiNotizie –Julie News –Citta della Spezia
tutte le notizie (9) »

Marocchino spacciatore di coca, in casa aveva 25 dosi pronte

Pusher della cocaina, in casa aveva 25 dosi pronte per essere
gonews
Ieri sera, giovedì 21 marzo, alle 18.30, hanno arrestato un marocchino di 36 anni, M.M., residente a Vinci, pregiudicato. L’uomo è accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti essendo state trovate nella sua casa 25 grammi di  

ROM: SE NE PARLERA’ DI NUOVO AL QUARTIERE S.PAOLO – Legnanonews


Legnanonews

ROM: SE NE PARLERA' DI NUOVO AL QUARTIERE S.PAOLO
Legnanonews
(m.t.) – La vicenda della signora anziana, che ha lasciato la sua casa vicina ai campi Rom di S.Paolo e oggi non piĂą agibile, ha suscitato varie reazioni tra i nostri lettori. Di seguito ecco due lettere tra quelle arrivate in redazione (oltre ad

Sindaco ospita rom e scoppia polemica – ANSA.it


ANSA.it

Sindaco ospita rom e scoppia polemica
ANSA.it
Sindaco ospita rom e scoppia polemica (ANSA) – MACERATA, 7 GEN – E' sicuro del fatto suo il sindaco di Civitanova Marche Tommaso Claudio Corvatta, al centro delle polemiche per aver ospitato in una casa di proprieta' una famiglia rom della Romania di
Arriva la roulotte per i rom ospitati dal sindaco Corvatta: “Rifarei tutto”Cronache Maceratesi
Il sindaco che presta la sua casa ai RomGiornalettismo
Civitanova, sindaco ospita a casa i rom: «C'è un problema umanitario»Il Messaggero
Il Resto del Carlino –Lettera43 –L’indiscreto
tutte le notizie (11) »