Tag: stampanti

Discarica di materiale elettrico depredata da africani: rubano e spediscono in Africa

SUZZARA 18 agosto 2013 –  E adesso, a protezione della recinzione che circonda la discarica di via Donella a Suzzara, gestita da Tea, gli addetti hanno posizionato delle reti metalliche di letti. Questo per rinforzare la rete tagliata in più parti da ignoti di origine africana che quasi ogni notte si intrufolano all’interno dell’area per rubare motori di frigoriferi, televisori, forni, materiale elettrico, batterie e, dove possibile, anche oggetti in rame od ottone. Le telecamere di videosorveglianza che controllano l’ingresso della discarica per evitare visite sgradite o che qualcuno depositi materiali in orari impossibili servono a poco o niente. I furti sono continui e gli addetti non sanno più a che santo votarsi per impedire che uomini di colore saltino i muretti di recinzione, non solo di notte ma anche nelle pause pranzo, pur di portare via ciò che a loro fa comodo per racimolare qualche soldo. Pare sia nata una vera e propria organizzazione che si avvale della manovalanza di alcuni disperati che forniscono compressori, batterie e quant’altro, da spedire poi in container in alcune zone dell’Africa nera. Quasi ogni giorno, gli addetti alla discarica, devono mettere ordine nell’area dedicata alla raccolta di computer, stampanti, televisori, elettrodomestici che vengono sparsi a terra da ignoti che selezionano con cura quanto serve da portare via.

http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2013/08/18/news/suzzara-continuano-i-furti-alla-discarica-comunale-1.7599421

Ladri in manette a Centocelle e a Casal Bruciato

Due persone sono state arrestate dalla Polizia nel pomeriggio di ieri, mentre stavano tentando, in due distinti episodi, un furto in abitazione ed un furto di una moto di grossa cilindrata.

Nel primo caso, in via dei Castani, in tre stavano caricando su un furgone tutto il materiale elettronico trafugato da un ufficio, ma sono stati notati da un cittadino che ha avvertito il “113”.

La volante, subito sopraggiunta, ha intercettato il furgone mentre si stava allontanando dal posto.

Immediatamente, alla vista della Polizia, si è innescato il tentativo di fuga da parte dei ladri ed il conseguente inseguimento degli agenti.

A questo punto i tre, numericamente superiori, hanno giocato la carta della “dispersione”, abbandonando il mezzo e dividendosi in tre direzioni diverse per sfuggire alle manette.

Gli agenti sono riusciti a raggiungere e bloccare C.C., cittadino rumeno di 32 anni, rinvenendo e successivamente restituendo tutta la refurtiva – computer, monitor, stampanti e quant’altro era stato sottratto – al proprietario, felice soprattutto per aver recuperato la sua banca dati.

Le indagini, che proseguono, cercheranno di identificare le due persone fuggite.

L’altro arresto riguarda un cittadino straniero L.C. 31enne che stava tentando di rubare una moto di grossa cilindrata parcheggiata nella zona di via di Casalbruciato.

Un cittadino, però, ha notato la scena ed ha chiamato il “113”.

La volante intervenuta ha acciuffato l’uomo, che vistosi scoperto ha tentato inutilmente di fuggire, reagendo agli agenti.

Risponderà invece di tentato furto e di resistenza a pubblico ufficiale.

[