Tag: pronti

Arrestato a Faenza moldavo di 39 anni con 600 euro falsi pronti per … – Faenzanotizie.it


Ravenna24ore

Arrestato a Faenza moldavo di 39 anni con 600 euro falsi pronti per
Faenzanotizie.it
I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Faenza, nella tarda serata di ieri hanno arrestato in flagranza del reato di "spendita di banconote false" un cittadino moldavo classe 1974, avente residenza anagrafica a Faenza
Si presenta dai Carabinieri, poi si innervosisce: aveva 600 euro falsiRavennaToday

tutte le notizie (4) »

Rapina a centro massaggi cinese Presi autori, pronti per altro colpo – PadovaOggi

Rapina a centro massaggi cinese Presi autori, pronti per altro colpo
PadovaOggi
L'ARRESTO. Decisiva la notizia giunta agli inquirenti dell'imminente ritorno in cittĂ  dei due sospettati. I militari della stazione di Albignasego in collaborazione con quelli del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Abano Terme, nel
Rapina a un centro estetico nel padovano, arrestatigonews

tutte le notizie (2) »

I nomadi pronti al trasloco Tornano in Santa Giustina – Gazzetta di Modena

I nomadi pronti al trasloco Tornano in Santa Giustina
Gazzetta di Modena
Procedono i lavori per il trasferimento di sette nuclei familiari di nomadi dalla zona adiacente il cimitero, in via Galvani, nell'area di Santa Giustina. Lunedì si terrà un tavolo di confronto in cui verrà fatto il punto sulla conclusione dei lavori e

Salerno: Polizia arresta tre nomadi all’interno di un appartamento … – Salernonotizie.it


Salernonotizie.it

Salerno: Polizia arresta tre nomadi all'interno di un appartamento
Salernonotizie.it
Salerno: Polizia arresta tre nomadi all'interno di un appartamento, erano pronti a svaligiarlo. L'intensificazione dell'attivitĂ  della Polizia di Stato di contrasto ai reati contro il patrimonio, e in particolare ai furti in abitazione, tipologia di

altro »

Torino, immigrati marciano su cittĂ  e occupano anagrafe: “Lavoro e casa o sarĂ  il caos”

Torino, 19/04/2013 – Una cinquantina di aspiranti “profughi” ha occupato poco prima delle 12,30 la sede dell’anagrafe centrale a Torino in via della Consolata. Cartelli, striscioni e un coro ritmato: lavoro, casa, residenza. Chiedono il riconoscimento dei propri diritti, promettono di proseguire l’occupazione a oltranza. L’anagrafe ha di fatto interrotto il servizio ed è stata presidiata in forze dalla polizia.

L’assessore all’Anagrafe, Stefano Gallo, ha parlato ai clandestini che chiedono il diritto alla residenza per poter trovare un lavoro e accedere a tutti i servizi sanitari: «Ho concordato con il coordinatore della segreteria del sindaco di indire la prossima settimana un incontro con una delegazione di immigrati. Insieme all’assessore alle Politiche sociali Elide Tisi cercheremo di affrontare le due questioni residenza e casa», ha detto loro. Secondo le prime ipotesi la riunione potrebbe esserci già martedì o mercoledì pomeriggio. Dopo aver parlato con l’assessore, gli immigrati hanno spiegato che sono pronti a occupare l’anagrafe, interrompendone i servizi, finché non saranno ascoltati.

Il gruppo si è poi spostato in corteo lungo via della Consolata, corso Regina e piazza della Repubblica dove hanno consegnato agli immigrati che bivaccano ai bar e al mercato di Porta Palazzo volantini contenenti le loro richieste. Il corteo si è poi sciolto in corso Regina angolo via XX settembre. L’appuntamento è alle 16 all’ex villaggio olimpico per l’assemblea pubblica degli immigrati d’Europa.

http://www.lastampa.it/2013/04/19/cronaca/profughi-occupano-l-anagrafe-centrale-fIGktpRNxfIbCQks83oXQM/pagina.html

Padova, immigrati in piazza: “dovete continuare a mantenerci”

I "nuovi italiani"

Padova, 26/02/2013 – Circa cinquanta sedicenti profughi, spalleggiati da alcuni italiani di “Razzismo Stop”, stanno occupando l’area antistante il municipio di Padova. Si tratta di sub-sahariani che si trovavano in Libia durante la guerra del 2011 e che preferirono raggiungere l’Italia anzichè tornare nei rispettivi paesi d’origine. Evidentemente erano stati informati circa i privilegi di cui avrebbero potuto godere in Italia. Il 28 febbraio febbraio finiscono i fondi destinati all’emergenza “Nord Africa”, ufficialmente terminata il 31 dicembre scorso, e quindi non potranno essere piĂą mantenuti a spese dei contribuenti, cosa che avveniva da oltre un anno. La prefettura ha assicurato una buonauscita di 1.200 euro, sempre a carico dei contribuenti,  per chi decide di andarsene via dall’Italia. Per coloro che resteranno sono state promesse delle borse lavoro. Gli immigrati protestano per la poca chiarezza circa il loro futuro e perchè temono che i privilegi di cui hanno goduto finora possano venir meno. Alcuni si sono posizionati con delle coperte perchè intendono passare la notte sotto Palazzo Moroni. La polizia è costretta a presidiare l’area.

http://voxnews.info/2013/02/26/padova-immigrati-in-piazza-poche-certezze-sui-nostri-privilegi/

 

Ancona: prelevata dall’auto e trascinata in casa abbandonata per essere stuprata

Ancona, 6 febbraio 2013 –  E’ il pomeriggio di lunedì, una ragazza 29enne – dipendente di un’azienda della Baraccola – si trova in uno dei parchi di Montedago, quello a cui si accede da via San Gaspare.

Al momento di lasciare il luogo per risalire a bordo della sua auto, parcheggiata in una zona priva di illuminazione, sarebbe stata aggredita da due uomini col volto travisato. Con la minaccia dei coltelli – sempre stando al suo racconto – i due l’avrebbero costretta a seguirli.

LA GIOVANE non ha saputo fornire dettagli approfonditi sui due aggressori, a parte che non erano italiani. I due tipi sarebbero riusciti a portarla dentro la casa abbandonata, senza porte e finestre, lei gettata a terra e i polsi legati dopo una violenta colluttazione per sfuggire ai suoi aguzzini. Il suo racconto è proceduto tra le lacrime, passando attraverso il momento più drammatico. I due, infatti avrebbero iniziato a calarsi i pantaloni, pronti a disporre del corpo della ragazza. Istanti terribili. Poi i latrati di un cane molto vicino, rumori sospetti, tali al punto da convincere i due aggressori a rivestirsi in grande fretta, lasciarla a terra e allontanarsi. Con fatica l’anconetana sarebbe riuscita a slegarsi. Infreddolita e terrorizzata si è poi accorta di una perdita di sangue che l’avrebbe fatta svenire. Quando è tornata in sé, sempre all’interno della casa diroccata, ha capito che era molto tardi. A piedi ha raggiunto la sua auto e poi ha deciso di denunciare l’aggressione subita. à.

http://www.ilrestodelcarlino.it/ancona/cronaca/2013/02/06/841579-ragazza_ospedale.shtml

Presa banda di spacciatori e ladri acrobati

Velletri (RM) – Arrestata banda di ladri acrobati

30/01/2013 ore 12:15 I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Velletri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 4 giovani romeni ritenuti responsabili di una serie di furti in appartamenti e in esercizi commerciali. Gli arrestati, tutti di circa 20 anni e senza un lavoro stabile, erano dediti a commettere furti nel centro di Velletri nelle ore notturne e pomeridiane, approfittando dell’assenza dei proprietari degli immobili. Si organizzavano circondando gli obiettivi e ponevano dei “pali” pronti ad avvisare dell’eventuale sopraggiungere delle forze dell’ordine, mentre i compari si introducevano negli immobili attraverso finestre o infissi che raggiungevano arrampicandosi sulle grondaie dei palazzi. Le indagini, durate alcuni mesi e svolte nel secondo semestre 2012, hanno permesso di riscontrare l’attivitĂ  incessante della banda e di arrestare in flagranza di reato alcuni dei suoi componenti, che per sfuggire ai controlli si avvalevano anche di documenti falsi. Le indagini hanno verificato come i quattro, parallelamente all’attivitĂ  di furto sistematico, abbiano in diverse occasioni gestito anche un piccolo giro di spaccio nei confronti di coetanei di Velletri.

Comando Provinciale di Roma 

http://www.carabinieri.it/Internet/Cittadino/Informazioni/ComunicatiStampa/2013/Gennaio/20130130_121500.htm