Tag: percezione

Milano violenta: anziana aggredita e scippata

ANZIANA SCIPPATA VIA NOVARA MILANO, STAVA CARICANDO LA SPESA NEL PARCHEGGIO DI UN SUPERMERCATO

L’immigrata cercava vittime occupate a stipare la spesa in auto; per sua sfortuna è intervenuto un cittadino in difesa della vittima

Stando ai dati riportati dalla Questura, i furti con strappo, nel 2012, sono stati 1.971, 164 al mese e 5 al giorno; quelli con destrezza, 25.517 (2.126 al mese e 70 al giorno). Numeri che se presi da soli, probabilmente, possono anche dire poco, soprattutto se rapportati ad una popolazione 1.350.267 abitanti e  riducendo così la questione a mera matematica.

Provando però a figurarsi mentalmente queste persone, messe in un’ipotetica fila, di modo da avere la giusta percezione del loro numero, allora lo spavento, il disagio, la rabbia, l’umiliazione da loro provati in quel violento deprecabile istante, assumono sicuramente un significato diverso, dando la giusta sensazione riguardo l’emergenza criminalità nel capoluogo lombardo.

Tanto per non rovinare la media giornaliera, proprio domenica pomeriggio, nel parcheggio di un mini-market di via  Novara, una donna di 72 anni – gli anziani, si sa, sono sempre le vittime preferite dagli scippatori, – proprio mentre stava caricando la spese in auto, è stata avvicinata dauna 32enne peruviana che, approfittando del fatto che fosse distratta, le ha sottratto la borsa.

Fortunatamente per la 72enne, però, ad assistere alla scena c’era un 42enne italiano che, prontamente, ha bloccato l’extracomunitaria. Allertato quindi il 112, la sudamericana, all’arrivo dei  militari, è stata prontamente arrestata.

Alla luce di quanto sopra, viene spontaneo domandarsi a che pro la giunta arancione abbia bocciato per ben tre volte la richiesta da parte dell’opposizione di istituire una commissione preposta unicamente alla sicurezza della città.

Negare la necessità di un presidio costante del territorio significa non riconoscere l’urgenza primaria di quella che è la metropoli destinata ad ospitare, da qui a due anni, un evento di portata mondiale come l’Expo 2015.

 

Di seguito i dati della Questura di Milano sui reati compiuti nel 2012 nella nostra città:

– furti in abitazione, 21.591 (1800 furti al mese e 60 al giorno).

– furti in auto in sosta, 28.165 (2347 al mese e 78 al giorno)

– furti con destrezza, 25.517 (2.126 al mese e 70 al giorno)

– furti con strappo, 1.971 (164 al mese e 5 al giorno)

– furti in negozio 25.517 (2126 colpi al mese e 70 al giorno).

– rapine, 4.936 (411 al mese e 14 al giorno).

– rapine in pubblica via, 2.621 (218 rapine al mese e 7 al giorno).

– stupri, nei primi 4 mesi del 2012 aumentati rispetto all’anno precedente del 45,7%.

– raddoppio della presenza dei rom

 

http://www.cronacamilano.it/cronaca/35916-anziana-scippata-via-novara-milano-stava-caricando-la-spesa-nel-parcheggio-di-un-supermercato.html

Extracomunitari vampiri dell’Inps: rubano i soldi dei nostri anziani

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Un buon vitalizio ai danni dello Stato italiano, tredicesima compresa, senza neanche la fatica di andare a riscuoterlo. La Compagnia carabinieri di Castiglione delle Stiviere ha smascherato una maxi-truffa gestita da immigrati, che ricevevano l’assegno sociale destinato ai piĂą bisognosi senza averne diritto. Le indagini hanno riguardato circa 100 soggetti che risultavano residenti nel Mantovano e che percepivano un assegno mensile fra i 170 ed i 440 euro per anzianitĂ  e basso reddito o disabilitĂ  fisiche. Tredici di questi, però, non ne avevano alcun diritto, essendo da tempo rientrati ai loro paesi d’origine e continuando invece a riscuotere per delega o su comodo accredito bancario, l’assegno mensile.
L’operazione durata da aprile a settembre ha portato i carabinieri a denunciare alla Procura della Repubblica di Mantova i 13 soggetti scoperti, incriminati per il reato di truffa continuata ai danni dello Stato. Inoltre sono state segnalate le anomalie all’Inps di Mantova, per il blocco dei pagamenti che, secondo la legge, devono cessare qualora la residenza effettiva e la dimora abituale in Italia vengano meno per oltre 30 giorni continuativi. Complessivamente e’ stata contestata ai soggetti l’indebita percezione di 30mila euro nell’arco dei sei mesi in esame.
La complessa attività d’indagine svolta dalla compagnia castiglionese ha preso in esame un centinaio di posizioni grazie alla sinergia con le sedi Inps di Castiglione delle Stiviere e di Mantova. L’indagine si è svolta letteralmente “sul campo” con accertamenti alla presenza dei beneficiari degli assegni e attraverso l’esame dei passaporti e dei visti di ingresso ed uscita per verificare l’effettiva presenza in Italia dei percettori dell’assegno. L’Inps, oltre a bloccare i pagamenti, ha anche avviato le pratiche per il recupero delle somme illecitamente percepite che, da prime stime, ammonterebbero a diverse centinaia di migliaia di euro.
L’assegno sociale è un sussidio erogato dall’Inps (mediamente 429 euro al mese per 13 mensilitĂ ) a cittadini con particolari difficoltĂ ’ economiche. Non servono contributi versati, basta aver compiuto 65 anni, essere residente in Italia e non avere altri redditi.
Possono averne diritto anche gli extracomunitari, o i loro parenti prossimi, residenti in Italia da almeno 10 anni. Da tempo, alcuni cittadini stranieri presentavano domanda di ricongiungimento di familiari al fine di fare arrivare in Italia genitori o parenti anziani in modo da potere ottenere i benefici della legge, attingendo alle casse italiane. Il ricongiungimento e’ possibile se il residente nel nostro Paese si fa carico di mantenere il parente. Il problema è che in alcuni casi, questi arrivavano in Italia e dopo una permanenza minima, presentavano domanda con i requisiti previsti dalla legge per ottenere l’assegno sociale. Alla prima riscossione i ”bisognosi” se ne tornavano però nel loro Paese, senza comunicarlo a nessuno, continuando ad incassare l’assegno sociale che veniva versato automaticamente sul conto corrente del parente rimasto in Italia.

Inserisci Link e Articolo: http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2013/01/02/news/stranieri-vampiri-dell-inps-incassano-anche-in-patria-1.6286420

Avviene grazie ad una legge del governo Prodi che in realtĂ  permetteva la pensione anche ai residenti da un solo giorno, poi emendata dal successivo governo che allunga i termini di residenza minima ad almeno 10 anni. Non basta, il provvedimento vĂ  cancellato.