Tag: imposto

Clandestini bloccano strada, sassaiola contro agenti: vogliono tredicesima di 500€

Circa 200 extracomunitari ospiti del Cara di Mineo, in provincia di Catania, hanno occupato questa mattina all’alba la strada statale Catania-Gela, bloccando il traffico. Per protestare contro il ritardo, dopo l’ottenimento dello status di asilo, nella consegna del denaro per poter partire. Tafferugli si sono verificati tra alcuni degli immigrati e la polizia all’ingresso dell’abitato di Palagonia. Da un gruppo di dimostranti è partita una sassaiola contro i mezzi delle forze dell’ordine, che hanno risposto con il lancio di lacrimogeni. Gli immigrati hanno scagliato grosse pietre anche contro alcuni giornalisti.

Nel Cara vivono circa 4.000 profughi clandestini, ma a protestare sono soltanto quelli ai quali è imposto l’obbligo di soggiorno, che sono approssimativamente 350. Tra i motivi del loro malcontento, anche il fatto di non aver ricevuto il pagamento dell’indennità di 500 euro prevista per la loro particolare condizione.
Nei giorni scorsi, uno dei profughi clandestini del Cara, un ragazzo di 21 anni, si era suicidato.

Problemi questa mattina anche al Cie di contrada Milo nel Catanese. Il ventenne senegalese Mass Ndiaye ha tentato la fuga ed è stato arrestato. Lo straniero aveva chiesto ai carabinieri di parlare con personale del Centro per motivi suoi personali, quindi ha cercato di imboccare uno dei corridoi che portano fuori ma è stato trattenuto dai militari e ha reagito colpendo uno di loro con un pugno in faccia. Ha poi impugnato uno strumento trasformato in rudimentale coltello ma è stato immobilizzato prima che potesse usarlo. Adesso è accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

http://www.si24.it/2013/12/19/i-migranti-del-cara-di-mineo-occupano-la-statale-chiedono-i-soldi-per-poter-andare-via/24227/

Non bastano loro 45€ al giorno, vogliono la ‘tredicesima’, o definitela come vi pare, ma la sostanza è questa. Di una cosa potete stare certi: non andrà in onda al Tg2.

Romeno dà fuoco alla moglie prostituta: voleva smettere

MILANO, 26 LUG – Un romeno di 48 anni è stato arrestato dai carabinieri, a Milano, per aver dato fuoco alla moglie e al suo nuovo compagno che voleva affrancarla dallo stato di prostituta imposto dal coniuge. I due sono ricoverati in condizioni gravi ma non in pericolo di vita. La donna, romena di 31 anni, ha ustioni di secondo e terzo grado sul 40% del corpo, con deturpazione del viso che richiederanno due anni di terapie. L’uomo, marocchino di 38 anni, ha ustioni di secondo grado sul 18% del corpo.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2013/07/26/Uomo-fuoco-moglie-prostituta_9077771.html

Terni, la polizia arresta uno spacciatore di eroina tunisino. La droga … – Umbria 24 News

Terni, la polizia arresta uno spacciatore di eroina tunisino. La droga
Umbria 24 News
Multato con 320 euro l'uomo che la ospitava, anche lui peruviano 31 enne, regolare in Italia. Arresto In un altro episodio gli agenti della Volante hanno arrestato un 29 ternano, pluripregiudicato. L'uomo ha violato l'obbligo, imposto dal tribunale di

altro »

Racket degli abusivi: Bengalesi chiedevano il pizzo


VeneziaToday

Chiedevano il pizzo ad altri commercianti di souvenir e li
Il Gazzettino
VENEZIA – La polizia ha arrestato nove commercianti del Bangladesh, titolari di botteghini di souvenir allo scalo turistico Tronchetto del porto di Venezia, che avevano imposto un pizzo ai connazionali, pretendendo con metodi violenti la consegna di
Pizzo a commercianti bengalesi, nove connazionali arrestatiCorriere della Sera

tutte le notizie (8) »