Tag: casa dove

Marocchino minaccia inquilini con l’ascia: ai domiciliari nello stesso palazzo!

L’episodio che aveva scosso l’intero quartiere intorno alle case Aler di via Marsala 64, risale al primo pomeriggio del 26 luglio. La lite era iniziata nei garage tra il 38enne italiano e il maggiore dei fratelli marocchini. Inizialmente erano volati calci e pugni. A quel punto erano intervenuti il padre dell’italiano, di 64 anni, e il fratello dell’altro, 26enne. Quest’ultimo brandendo un’ascia aveva colpito alla gamba il trentottenne. A quel punto era iniziata la fuga del ferito e l’inseguimento a piedi degli altri. L’italiano 64enne aveva invece in mano una sprangacon la quale aveva colpito il ventiseienne alla testa lasciandolo in un lago di sangue. Prima che arrivassero i carabinieri, nel parcheggio davanti alla scuola Collodi, il marocchino ha cercato di disfarsi dell’ascia, gettandola nel cortile, mentre l’anziano correva in casa a prendere una pistola scacciacani per finire l’opera. Ma lì era stato arrestato insieme agli altri.

feriti erano stati soccorsi e portati in ospedale. I carabinieri inizialmente avevano contestato il tentato omicidio per l’uomo armato di ascia e le lesioni gravissime per gli altru, ma alla fine il reato contestato è stato quello di rissa aggravata. Tre dei protagonisti della vicenda erano rimasti in carcere alcune settimane e poi inviati ai domiciliari. Proprio in quella casa dove le vecchie ruggini sono maturate in tanti anni e dove adesso rimarranno per un bel po’.

Negli stessi appartamenti, a piani diversi di quel palazzo di via Marsala dove lo scorso 26 luglio era scoppiata una rissa a colpi di ascia. I giudici hanno ridotto a rissa un episodio di violenza inaudita, dettata da vecchi rancori tra vicini e che  

Madre e figlie aggredite e picchiate in casa: per 80€

PESCARA – Tre donne, cioè madre e due figlie, sono state rapinate in casa, ieri sera, a Montesilvano (Pescara), da due stranieri con il volto coperto da passamontagna e con tute scure addosso, uno dei quali armato con pistola.

Il bottino è stato piuttosto magro, per la coppia di malviventi, cioè 80 euro presi da una borsa, ma le tre donne se la sono vista brutta, come hanno riferito successivamente ai carabinieri che si stanno occupando delle indagini, coordinati dal capitano Enzo Marinelli.

Le ricerche dei rapinatori in fuga non hanno avuto esito positivo.

I due malviventi si sono presentati in via Torrente Piomba verso le 22.30, quando una prima donna, 31 anni, stava rientrando a casa, dopo aver lavorato nella tabaccheria di famiglia.

Mentre era sul portoncino della villetta a schiera i rapinatori l’hanno minacciata alle spalle e l’hanno fatta entrare in casa dove c’erano la sorella di 22 anni e la madre di 63.

I malviventi hanno immobilizzato le tre utilizzando fascette da elettricista e la madre è stata anche messa a tacere con del nastro adesivo, che le hanno applicato sulla bocca.

Le sorelle sono state condotte al piano superiore dell’abitazione, in camera da letto. I banditi hanno chiesto che venisse aperta la cassaforte ma le vittime hanno spiegato che non sarebbe stato possibile, considerato che le chiavi della cassetta sono state rubate durante un furto avvenuto in passato.

I malviventi hanno provato a insistere usando le maniere forti e hanno schiaffeggiato le giovani donne, colpendo la giovane in testa con il calcio della pistola e spruzzando dello spray al peperoncino sul volto della più grande.

Mentre la madre della due era sola al piano sottostante è riuscita a liberarsi, ha raggiunto il balcone e ha cominciato a urlare chiedendo aiuto.

A quel punto i due, in difficoltà, sono fuggiti dopo aver prelevato 80 euro da una borsa. Nella corsa hanno perso il caricatore della pistola, lungo la strada, recuperato dai carabinieri che parlano di un’arma a salve.

Le vittime hanno lanciato l’allarme al 112 e le più giovani sono state medicate in ospedale.

Indagini in corso da parte dei militari dell’Arma per rintracciare la coppia, che sarebbe composta da abruzzesi.

Perugia: il pieno di droga per rovinare tanti giovani

Centro, arrestati tre tunisini per spaccio e detenzione cocaina

Non solo casolari abbandonati o appartamenti normali trasformati in veri market della droga e dello spaccio, ora anche le singole camere – per studenti – sono diventati dei rifugi per spacciatori. La scoperta è stata fatta dai Carabinieri della Stazione di Perugia – Fortebraccio, nei giorni scorsi, che dopo un’attenta analisi di alcuni movimenti sono risaliti in una casa dove hanno arrestato tre albanesi che avevano affittato una stanza nella struttura condivisa con altre persone risultate estranee ai movimenti illegali.

I tre avevano fatto il pieno di cocaina per rifornire i giovani e meno giovani in occasione delle varie feste di carnevale del centro storico. La perquisizione domiciliare ha fatto emergere 50 grammi di cocaina molto materiale da taglio e per il confezionamento della sostanza. Gli stranieri sono stati portati al Carcere di Capanne.

http://www.perugiatoday.it/cronaca/centro-storico-scoperto-laboratorio-cocaina-casa-studenti.html

Albanese regolare nascondeva droga nel passeggino

TREVISO – Aveva nascosto un chilo e 200 grammi di cocaina nel passeggino all’interno del quale trasportava il figlio di pochi mesi: in manette è finito un albanese, operaio edile di una ditta del Coneglianese.
L’immigrato era sospettato dai carabinieri di essere uno dei pusher di rilievo nel traffico di cocaina anche fuori provincia. Dopo settimane di appostamenti, i militari, raccolti elementi di prova, hanno deciso ieri sera di compiere un blitz nella casa dove l’albanese vive con la moglie. Nella perquisizione dell’appartamento gli investigatori hanno trovato nel passeggino, nella camera del figlio, 88 ovuli pieni di cocaina per un peso complessivo di 1,2 chili.

http://www.gazzettino.it/nordest/trento/operaio_pusher_nascondeva_la_cocaina_nel_passeggino_del_figlio_di_pochi_mesi/notizie/249038.shtml

Tentato omicidio, catturato Romeno

Rumeno tenta di uccidere connazionale – Arrestato dalla Polizia

Un muratore rumeno 24enne, incensurato, si trova in carcere con la pesante accusa di “tentato omicidio” ai danni di un connazionale 33enne che si trova tuttora ricoverato, con prognosi riservata, presso l’Ospedale Civile Maggiore di Verona. Ad arrestarlo sono stati i poliziotti delle Volanti della Questura scaligera, misura che nella tarda mattinata di oggi è stata convalidata dall’Autorità Giudiziaria la quale, nel contempo, ha altresì disposto la custodia cautelare in carcere dell’aggressore. Quanto ai fatti essi risalgono alle serata di venerdì scorso; teatro della vicenda il quartiere Stadio dove, per motivi tuttora sconosciuti, i due connazionali si sono azzuffati e ad avere la peggio è stato il rumeno 33enne, attinto da sei fendenti, provocati sicuramente da un oggetto appuntito e che, a dire dell’aggressore, tratterebbesi di un chiodo, arnese del quale, però, l’uomo non è stato in grado di indicare il luogo dove l’ha abbandonato. A chiamare la Polizia alcuni passanti che hanno assistito alle fasi della violenta lite e grazie ai quali la Polizia, seppure in presenza di una targa parziale, è riuscita a risalire dapprima all’autovettura utilizzata dall’aggressore per dileguarsi, dopo aver lasciato a terra la vittima e, quindi alla sua identità ed abitazione. Ulteriore particolare che ha permesso di inchiodare il rumeno arrestato è che l’auto in questione presentava un vetro in frantumi; circostanza descritta e che ha avuto immediato riscontro. Grazie a tutti gli indizi e testimonianze rapidamente raccolte dai poliziotti l’uomo è stato dagli stessi agenti raggiunto a casa dove ha ammesso le proprie responsabilità, tant’è che il Procuratore della Repubblica di turno Ottaviani, stante la gravità della situazione, ha interrogato l’uomo negli Uffici della Questura, alla presenza del difensore di fiducia, cristallizzandone la confessione.  Pubblicato il: 28 January 2013

http://questure.poliziadistato.it/Verona/articolo-6-673-51365-1.htm