Tag: Carabiniere

Evade da domiciliari e aggredisce agente: già libero

Macerata – Torna libero Guillermo Yuri Ubillus Calle, l’ubriaco arrestato in via Cassiano da Fabriano, per aver aggredito un carabiniere. Ieri l’arresto è stato convalidato, ma il peruviano, difeso dall’avvocato Cecchetti, è stato rimesso in libertà. Peraltro, era già evaso dai domiliciari.

http://www.ilrestodelcarlino.it/macerata/carabiniere-aggredito-peruviano-macerata-1.497279

Fa mordere agenti dai suoi cani: arrestata romena

PERUGIA – Un carabiniere al Pronto soccorso per il morso di un cane, un
altro per un pugno e un poliziotto che ha avuto bisogno di farsi medicare perché ha ricevuto una testata. È il bilancio del venerdì
notte in piazza IV Novembre.

Ha colpito con un pugno al volto un carabiniere e con una testata un poliziotto, entrambi intervenuti per una lite, in piazza IV
Novembre, a Perugia, fra un gruppo di persone per questioni riguardanti i cani che tenevano al guinzaglio, uno dei quali ha
morsicato un militare: la responsabile, una rumena di 40 anni, è stata arrestata.

http://www.giornaledellumbria.it/article/article162103.html

Tenta di sedare una rissa in un bar, – Corriere della Sera


Il Giorno
Tenta di sedare una rissa in un bar,
Corriere della Sera
Un carabiniere è stato accoltellato alla gola, venerdì sera, durante una lite in un bar a Carugate, nel Milanese. Il militare, che non era in servizio, aveva cercato di sedare una rissa tra due uomini che litigavano, e in quel frangente è stato colpito
Cerca di sedare una rissa, carabiniere accoltellato alla golaIl Giorno
Interviene per fermare rissa in un barLa Stampa
Carabiniere fuori servizio accoltellato alla gola nel milanese per Leggo.it
Il Messaggero –Rai News –Lettera43
tutte le notizie (13) Â»

Padova: nigeriano tenta di sgozzare carabiniere

PADOVA 2 gennaio 2014 – Un nigeriano di 27 anni ha tentato di accoltellare ieri sera un maresciallo dei carabinieri. Il fendente era diretto alla gola ma per fortuna non ha ferito in modo grave il militare, che è stato comunque difeso dai colleghi. La pattuglia dei carabinieri era intervenuta in via Testi, alla guizza, per una lite familiare. Ma nel corso dell’intervento la situazione è degenerata e si è rischiato il peggio. Il nigeriano è stato arrestato, in attesa di essere processato.

http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2014/01/02/news/tenta-di-accoltellare-alla-gola-un-carabiniere-arrestato-un-nigeriano-1.8395538

Pandino, albanese arrestato per furto in abitazione. Individuato ed … – Crem@ on line


Crem@ on line

Pandino, albanese arrestato per furto in abitazione. Individuato ed
Crem@ on line
Pandino, albanese arrestato per furto in abitazione. Individuato ed inseguito da un carabiniere fuori Pandino – Ieri sera verso le 18 i carabinieri del nucleo radiomobile di Crema hanno arrestato R.M., albanese incensurato di 22 anni residente a Milano

“Sono ‘migrante’, devi darmi la tua auto”: e aggredisce autisti

Ferma le auto per strada e al rifiuto di farlo salire inveisce contro conducente e veicolo: inseguito dai militari aggredisce anche loro

Gualdo Tadino, rumeno aggredisce carabinieri: inseguimento per strada e Tso
E’ accaduto a Gualdo Tadino nella serata di ieri.

Alcuni particolari In località Gaifana un rumeno di 35 anni è in stato di agitazione in mezzo alla carreggiata e ferma un veicolo chiedendo di salire a bordo. Ma al rifiuto della persona alla guida inveisce contro di lei e contro l’automobile. Ma ai fatti assiste un carabiniere in divisa che scende dall’auto per accertarsi dei fatti.

L’evoluzione Il militare viene anch’egli aggredito dal rumeno mentre quest’ultimo riesce a fermare un altro veicolo e darsi così alla fuga in direzione di Gualdo Tadino. Intanto il carabiniere si mette al suo inseguimento e chiama rinforzi. In breve tempo l’uomo è bloccato. Ma aggredisce anche i tre carabinieri che lo fermano.

Il fermo Trattenuto dai carabiniei l’uomo continua a esercitare violenza fino al punto che i militari hanno chiesto l’ausilio di personale medico che dopo una visita decidono per un Tso, trattamento sanitario obbligatorio, mentre per lui sarà celebrato il rito direttissimo in tribunale a Spoleto.

http://www.umbria24.it/gualdo-tadino-rumeno-aggredisce-carabinieri-inseguimento-per-strada-e-tso/212477.html

Clandestino nigeriano tenta di sgozzare carabiniere

Bologna 12 settembre 2013 – E’ successo a Maddalena di Cazzano, frazione di Budrio (Bologna). L’uomo, un nigeriano, ha detto di voler parlare con un magistrato. I militari hanno avvisato la Procura e la situazione è in itinere. Il carabiniere è stato portato in ospedale. Il carabiniere ferito è stato sottoposto ad un intervento e il profondo taglio al collo è stato suturato. Non è in pericolo di vita: è ancora in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. Il fendente ha staccato di netto un pezzo del mastoide ed è entrato nel collo per circa 10 centimetri, è passato a soli 8 millimetri dalla giugulare. ”Auguriamo una pronta guarigione al coraggioso carabiniere che ha cercato di bloccare l’uomo. Per il resto tutto si è risolto con grande tranquillità”, ha detto il procuratore aggiunto Valter Giovannini.

IL FERMO. Un uomo transita su una bicicletta con uno zaino sulle spalle. Dopo qualche centinaio di metri, tentano di fermarlo ma il ciclista iniziava ad offenderli. Una volta bloccato, lo invitano ad esibire un documento di riconoscimento, ma a tale richiesta dei Carabinieri, l’uomo cominciava ad agitarsi. Privo di documenti, riprende ad inveire con frasi ingiuriose e poi a spintonare un militare che colpisce con una manata. I militari richiedono ausilio alla centrale operativa che in breve tempo fa confluire un’altra pattuglia. Tutti i militari indossavano per cautela il giubbetto antiproiettile, non sapendo cosa contenesse lo zaino e insospettiti dall’aggressività dell’uomo. Alle intimazioni di farsi accompagnare in caserma, il nigeriano estrae un coltello dalla tasca dei pantaloni ed aggredisce i due militari più vicini che riescono a schivare i colpi. Il Maresciallo della Stazione di Budrio, intervenuto per cercare di bloccare l’aggressore, viene colpito prima al busto, dove per fortuna la lama incontra il giubbetto antiproiettile, poi al collo, subito sotto l’orecchio. Gli altri militari in soccorso del collega tentano di bloccare l’aggressore che però lancia fendenti col coltello, riuscendo a divincolarsi e ad allontanarsi per i campi. Scattato l’allarme, sul posto altre pattuglie, per cinturare l’area ed impedire la fuga. Il fuggitivo è stato accerchiato e fermato sul margine della via Pozzo. L’uomo ha ancora il coltello a serramanico e minaccia di far del male a sé e agli altri se qualcuno si fosse avvicinato.

TRATTATIVE. Da Bologna arriva il personale del Reparto Operativo, compreso un militare negoziatore, con l’intento di instaurare un rapporto con l’uomo per impedire che nuocesse ancora. Il nigeriano, circondato dai Carabinieri, inizia un estenuante colloquio con il negoziatore il quale lo invita ripetutamente a non peggiorare la sua situazione. Purtroppo, lo stato psichico dell’uomo è estremamente instabile, dichiarandosi convinto di essere perseguitato da tutte le forze dell’ordine e chiedendo di parlare con un magistrato. Visto che dopo oltre due ore di trattativa sotto il sole l’uomo insisteva con le sue richieste di essere ascoltato da un magistrato, dalla Procura di Bologna interviene il Procuratore Aggiunto Valter Giovannini, poco dopo le 16. Superate le prime diffidenze, l’uomo abbassa le difese e mostra di voler aderire alle condizioni imposte dal Procuratore Aggiunto di posare il coltello, che ripiega nel manico, e lo zaino. Non decidendo, però, di arrendersi definitivamente, spossato anche per il caldo oltre che per l’estenuante trattativa, avendo anche perso di lucidità, viene bloccato e reso inoffensivo dai militari. L’uomo, che ha numerosi precedenti per clandestinità e resistenza a PU, è stato portato a Medicina ed è stato arrestato per tentato omicidio, a disposizione della Procura della Repubblica (il Sostituto di turno è il Dr. Di Giorgio). E’ accusato di tentato omicidio.

http://www.bolognatoday.it/cronaca/budrio-maddalena-cazzano-accoltella-carabiniere.html

Non ‘auguri’, caro procuratore, ma espulsioni. Effettive, non di carta.

San Giovanni Valdarno: sorpreso a spacciare, arrestato 28enne … – ArezzoWeb.it


ArezzoWeb.it

San Giovanni Valdarno: sorpreso a spacciare, arrestato 28enne
ArezzoWeb.it
I Carabinieri della Stazione di Montevarchi unitamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di San Giovanni Valdarno hanno tratto in arresto un 28enne nigeriano, residente in Valdarno, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, 
share Spacciatore scoperto da carabiniere in libera uscita: arrestato Arezzo Notizie
Sorpreso a spacciare eroina fugge ma viene raggiunto dai ValdarnoPost

tutte le notizie (3) »

Trascinata in bagno e stuprata: catturato clandestino egiziano, si vantava del gesto

Crema 23 agosto 2013 – Un egiziano clandestino di 21 anni arrestato per violenza sessuale. E’ stato bloccato dai carabinieri della compagnia di Crema e si trova ora in carcere. E’ accusato di aver abusato di un’operaia della zona all’interno dei bagni di un bar del Cremasco.
Drammatica la ricostruzione di quanto avvenuto attorno alle 22 del 15 agosto: donna afferrata con forza per un braccio, spinta nell’area toilette e costretta a subire atti sessuali. La vittima della violenza è poi uscita e, dolorante, ha chiesto aiuto ad un’amica, è stata accompagnata nell’ospedale più vicino e indirizzata alla nota clinica milanese Mangiagalli. I militari dell’Arma, allertati, si sono immediatamente attivati in accertamenti e, grazie alle informazioni raccolte durante la notte, hanno rintracciato la mattina dopo (da un artigiano dove aveva cercato lavoro) il nordafricano, che pare abbia raccontato il suo gesto ad un amico addirittura vantandosene. Prima di essere bloccato il 21enne, al momento dell’identificazione, con un pretesto ha tentato di sottrarsi al controllo: ha spinto il maresciallo intervenuto a terra e ha colpito un altro carabiniere al basso ventre. E’ stato sottoposto successivamente a fermo per violenza sessuale, lesioni personali aggravate e resistenza a pubblico ufficiale e portato nella casa circondariale di Cremona. Il tribunale di Crema, valutati gli atti e la richiesta del pm, ha applicato il 19 agosto la custodia cautelare in carcere.

http://www.cremaoggi.it/2013/08/donna-violentata-nei-bagni-di-un-bar-arrestato-21enne-egiziano-clandestino/

Gli trovano cinque dosi di cocaina: ferisce carabiniere per sfuggire … – Monza Today


Monza Today

Gli trovano cinque dosi di cocaina: ferisce carabiniere per sfuggire
Monza Today
Capendo di rischiare l'arresto ha dato in escandescenze ma alla fine è stato comunque bloccato. Redazione 5 agosto 2013. Tweet. L'uomo ha cercato di scappare. In preda alla cocaina ha ferito un carabiniere con un cacciavite cercando di fuggire all
Beccato con la cocaina, aggredisce carabiniere col cacciaviteMBnews

tutte le notizie (4) »