Tag: Brianza

Monza: presa a calci e pugni dall’ex tunisino

Prende a calci e pugni la ex e poi cerca di tagliarsi le vene con un coccio di bottiglia. Sabato sera piazza Cambiaghi, a pochi passi dal centro storico di Monza, è stata teatro di un ennesimo episodio di violenza contro le donne. Un tunisino di 28 anni, residente in Brianza, disoccupato, è stato arrestato dai carabinieri di Monza con l’accusa di stalking. Incapace di accettare la decisione della ex fidanzata di lasciarlo, le ha dato un ultimo appuntamento chiarificatore. Tuttavia, nel giro di pochi istanti, il tunisino è passato dalle parole alle percosse e poi, quando ha visto in terra sanguinante la sua ex ragazza, ha cercato di togliersi la vita con un vetro.

SANGUE A TERRA – L’allarme è stato lanciato da alcuni passanti, allarmati da una scia di sangue per terra. Seguendola, a pochi metri di distanza hanno trovato prima la ragazza, piena di lividi, e poi il ragazzo, con le braccia e i vestiti intrisi di sangue.

PERSECUZIONE – In base alla ricostruzione effettuata dai militari, i due si erano conosciuti più di un anno fa. Dopo un’iniziale frequentazione, avevano deciso di intraprendere una vera e propria relazione sentimentale durata fino a qualche mese fa, quando lei ha interrotto ogni contatto. Il ragazzo, però, non si è rassegnato a perderla e ha iniziato a perseguitarla con telefonate anonime, pedinamenti e minacce. L’ultimo atto è stata l’aggressione che è costata a entrambi il ricovero in ospedale, più l’incarcerazione per lui nella casa circondariale di via Sanquirico a Monza.

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_settembre_23/monza-stalker-picchia-fidanzat-minaccia-suicidio-2223256584304.shtml

Coppie miste.

Brianza, i ladri della mafia dell’Est Nei tattoo la loro storia criminale – Il Cittadino di Monza e Brianza


Il Cittadino di Monza e Brianza

Brianza, i ladri della mafia dell'Est Nei tattoo la loro storia criminale
Il Cittadino di Monza e Brianza
Con il pedigree criminale impresso sulla pelle: sono i tatuaggi quelli che fanno un “soldato” al servizio della mafia dell'Est. Ad esempio molti dei georgiani arrestati per furti in appartamento – decine anche in Brianza – avevano tatuato sul petto un

Usanze africane: pestata a sangue dal marito

Donna Picchiata dal Marito a Mezzago

MEZZAGO – Una donna si è presenta al municipio di Mezzago, in Brianza, dicendo di “essere stata picchiata dal marito”. E’ accaduto sabato mattina, intorno alle 8, come riporta Il Cittadino MB.

La donna, 22 anni di origini camerunensi, è incinta. “Si è presentata qui in lacrime chiedendo aiuto – ha detto un dipendente – e a quel punto io e le mie colleghe abbiamo subito chiamato il 118 e i carabinieri”.

La donna, all’arrivo del personale medico è stata subito medicata per alcune ecchimosi e poi, in compagnia di una assistente sociale, accompagnata all’ospedale di Monza per accertamenti, in particolare sulle condizioni del nascituro. I carabi

“So che la coppia risiede qui da poco e non era seguita dai nostri uffici – ha detto il vicesindaco Giorgio Monti -. Dalle prime informazioni raccolte dall’ospedale mi dicono che sia lei che il bambino stanno bene e probabilmente la donna verrà dimessa in giornata”. 

Potrebbe interessarti: http://www.monzatoday.it/cronaca/donna-picchia-mezzago.html

Picchia e stupra la moglie, arrestato albanese

Merate, 10 giugno 2013 – Maltrattamenti ma anche veri e propri ripetuti episodi di stupro. Per questo un albanese di 48 anni che abita in Brianza è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Merate. La vittima dell’uomo è la moglie che alcuni mesi fa ha chiesto aiuto ai militari, denunciato quanto costretta a subire, specialmente quando il marito si ubriacava.

 

 

altro »

Italiana trucidata in casa dall’ex fidanzato marocchino

Una donna italiana di 47 anni è stata uccisa nella sua abitazione in Viale monte Grappa a Bernareggio (Monza e Brianza). L’omicidio è avvenuto poco prima delle 20. I carabinieri hanno subito interrogato il suo convivente, un uomo di nazionalità marocchina di 45 anni, peraltro presentatosi in caserma spontaneamente, che ha confessato il delitto poco dopo.

La vittima si chiamava Antonia Stanghellini, 47 anni originaria di Cremona, e a ucciderla con un coltello, per motivi ancora da chiarire, è stato Mustafà Hashuani, con cui la donna aveva avuto una relazione. L’uomo si è presentato spontaneamente alla stazione dei Carabinieri che si trova non lontano dal luogo dell’omicidio.
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/articoli/1077983/brianza-donna-uccisa-in-casa-a-coltellateil-compagno-confessa-lomicidio.shtml

Razzie in bar e abitazioni: sgominata banda di albanesi

Una trentina di colpi messi a segno nelle province di Lecco, Como e Monza Brianza

Una trentina di colpi messi a segno tra aprile e luglio nelle province di Lecco, Como e Monza Brianza. Centinaia di migliaia di euro di refurtiva, per non parlare dei danni arrecati a bar e abitazioni private. I Carabinieri della compagnia di Lecco e della Aliquota Radiomobile hanno messo fine alla lunga scia di furti sgominando una banda di albanesi che ha messo a ferro e fuoco mezza Lombardia. Cinque le ordinanze di custodia in carcere emesse dal tribunale di Lecco su richiesta del Pubblico Ministero Paolo Del Grosso nei confronti dei componenti del sodalizio che durante l’estate erano già stati arrestati e poi rilasciati. Ora invece i cinque si trovano in carcere.La complessa indagine era iniziata ad aprile dopo alcune spaccate commesse ai danni di bar della Valsassina. In fasi successive i militari erano riusciti a far scattare le manette ai polsi dei malviventi che ora dovranno rispondere di ben 24 furti commessi in provincia di Lecco (Ballabio, Casargo, Premana, Rogeno, Colle Brianza e Sirtori); in provincia di Como (Sormano, Capiago Intimiano, Montorfano, Orsenigo, Lurago d’Erba, Brenna, Inverigo) e in provincia di Monza Brianza (Besana Brianza e Arcore).

http://www.giornaledilecco.it/notizie/cronaca-nera/lecco-razzie-e-spaccate-in-bar-e-abitazioni-sgominata-banda-di-albanesi-2570349.html

Dopo il Campo Nomadi il mega-centro commerciale cinese

LA GLOBALIZZAZIONE DISTRUGGE LA BRIANZA

 

Concorezzo. Agrate Brianza è un Comune discretamente amministrato. Vivibile, ordinato, servito. Con un piccolo difetto: quello di scaricare sui vicini di casa le situazioni che non vuole vedere, e non vuole affrontare. Succede da anni con il campo nomadi via Lambro, di fatto “regalato” a Cascina Baragioeula di Concorezzo: gli svariati interventi delle Forze dell’ordine, con tanto di arresti di persone ricercate, non ha mai invogliato sindaco e Giunta a intervenire con qualche accorgimento… Ora, per la gioia dei commercianti di mezza Brianza, il Comune di Agrate ha deciso di realizzare un mega centro commerciale cinese su un’ex area industriale, quella dell’ex Uquifa, a due passi da Carugate, nell’area già congestionata dai noti centri commerciali, di arredamento e bricolage. Il Comune (che dall’operazione potrebbe incassare 12 milioni di euro in oneri) sta presentando la variante come a far passare l’arrivo di un “semplice” ingrosso (nella foto via Paolo Sarpi angolo Bramante, la Chinatown di Milano). In Regione Lombardia, però, il consigliere Massimiliano Romeo(Lega Nord) ha guardato un po’ meglio le carte. E la distribuzione degli spazi, su un’area coperta di 20mila metri quadrati, farebbe pensare proprio a un centro commerciale. In Provincia il collega di movimento, Diego Terruzzi, ha già sollevato il caso con un ordine del giorno. Ora tocca al Pirellone. La notizia, ovviamente, ha toccato nel vivo Concorezzo. Il Comune è stato al centro di recente di un violentissimo blitz in un magazzino cinese al Malcantone: cinque feriti per una misteriosa irruzione armata a colpi di mitra. Ma soprattutto Concorezzo è stata al centro di diversi blitz della Finanza con due colossali sequestri in due diversi magazzini: 1,7 milioni di oggetti di cancelleria non a norma (potenzialmente rischiosi per i bambini a cui erano destinati) e migliaia di oggetti contraffatti della nota marca Thune.

“Già nel consiglio provinciale di Monza e Brianza dello scorso giovedì 20 settembre – spiega Romeo – il leghista Diego Terruzzi ha presentato una mozione contraria all’ipotesi di realizzazione di una grande struttura di vendita all’ingrosso sul territorio di Agrate Brianza. Il timore è che questo centro di distribuzione all’ingrosso sia un tentativo di mascherare un vero e proprio centro commerciale, evitando così di sottostare alle normative regionali, nei cui indirizzi si disincentiva l’apertura di nuove medie e grandi strutture commerciali. Da quanto si evince infatti dal progetto, la destinazione commerciale all’ingrosso sembra poco compatibile con i disegni tecnici, che prevedono un agglomerato di piccoli spazi, della dimensione di negozi, molto simile a Grandi Strutture di vendita organizzate in negozi al dettaglio. Corrisponde a verità il fatto che la struttura verrebbe edificata su un’area produttiva dismessa, ma è altrettanto vero che parte di quest’area è attualmente verde.”

“Da segnalare inoltre – conclude Romeo – gli inevitabili problemi di traffico e di concorrenza sleale nei confronti delle attività commerciali del territorio.”

Nell’interrogazione si chiede all’Assessore regionale competente di “verificare che tale nuovo insediamento abbia realmente le caratteristiche per potersi definire ‘all’ingrosso’ e che non sia in realtà una grande struttura di vendita.”

http://www.concorezzo.org/cronaca/agrate-ci-regala-anche-un-centro-commerciale-cinese-674.html

Arrestati due spacciatori in Brianza – LeccoProvincia.it (Blog)

Arrestati due spacciatori in Brianza
LeccoProvincia.it (Blog)
i due venivano tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente nonche', l'albanese, per detenzione illegale di arma. gli arrestati, al termine delle formalita' di rito, sono stati associati presso la casa circondariale di

Inseguimento per le strade della Brianza Arrestati tre ladri di slot – Il Giorno


Il Giorno

Inseguimento per le strade della Brianza Arrestati tre ladri di slot
Il Giorno
I delinquenti, tutti albanesi pregiudicati, sono stati arrestati con una sfilza di accuse: rapina, violenza, resistenza, ricettazione, furto, arnesi da scasso, guida
Presi banditi albanesi: inseguiti a 200 all'oraCorriere di Lecco
I Carabinieri arrestano la “banda delle slot-machine”LeccoNotizie.com

tutte le notizie (4) »

Ventenni rumeni rubano di tutto Arrestati i razziatori della Brianza – Il Cittadino di Monza e Brianza


Il Cittadino di Monza e Brianza

Ventenni rumeni rubano di tutto Arrestati i razziatori della Brianza
Il Cittadino di Monza e Brianza
Ma non hanno fatti i contin con i carabinieri, che li hanno arrestati. Festa della Repubblica al fresco per due giovanissimi romeni che risiedono a Trezzo, nullafacenti e già noti alle forze dell'ordine. Marius Novacovici, 20 anni, e Dumitru Timis,