Tag: baggio

Guerriglia etnica tra rom abusivi e italiani, auto incendiate nella notte


Il Giorno
Baggio, guerriglia tra rom e italiani. Incendiati nella notte auto e
Il Giorno
Lo scontro tra rom e italiani dalle parti di via Quarti va avanti da quasi un anno: pare che nei casermoni popolari all’estrema periferia della città ci sia ormai una guerra strisciante tra i nomadi che hanno occupato abusivamente una parte degli  

Licenza d’uccidere: sgozzi un’italiana e sei immigrato? Sconti metà della pena

Milano, 3 giugno 2013 – E’ stato condannato a 16 anni di reclusione Morad Madloum, giovane marocchino accusato di aver ucciso con 16 coltellate la sua compagna Alessia Simonetta, di 25 anni, il 14 settembre 2012. Lo ha deciso il gup di Milano, Fabio Antezza, nel processo con rito abbreviato. Il pm Giordano Baggio aveva chiesto 30 anni di carcere contestando l’aggravante della crudeltà. Aggravante che, invece, è stata esclusa dal giudice, come aveva chiesto il difensore, l’avvocato Amedeo Rizza. La donna era stata uccisa con una decina di coltellate. L’assassino ha infierito sulla testa, sulla gola e sull’addome. Nella stanza accanto a quello in cui è stato ritrovato il cadavere c’era un bambino di un anno e mezzo che dormiva. Poi il gesto estremo di Morad che era lanciato dalla finestra: ma era sopravvissuto. Oggi la condanna in primo grado.

 

Lei comprende la rabbia degli immigrati.

Lei comprende la rabbia degli immigrati.

http://www.imolaoggi.it/?p=52232&fb_source=message

La vita di una donna, per quanto causa ella stessa del suo male, vale solo “16 anni” ? Questa non è civiltà, questo è il collasso della civiltà. Esiste in Italia un’emergenza: la magistratura. Che è ormai una escrescenza tumorale.

Per dare una certa nozione delle priorità della procura e del tribunale di Milano, Fabio Antezza è lo stesso magistrato che, quando era Gip,  ingabbiò Lele Mora. Ora, a noi Mora non piace, non ci piace tutto quello che rappresenta, ma le proporzioni…

Marocchino picchia 12enne

Un immigrato di 51 anni, marocchino, è stato arrestato dai carabinieri di Milano

Stanno creando una società caotica

Secondo quanto riportato da via Moscova, i militari hanno ricevuto una chiamata lunedì sera da una donna in via Cascina Barocco (zona Baggio), che chiedeva aiuto poichè il marito, operaio, regolare e senza precedenti, stava schiaffeggiando la figlia di 12 anni.

Secondo l’uomo, infatti, la ragazzina “aveva una relazione amorosa” (cosa, dagli accertamenti, rivelatasi non vera) ed era “troppo piccola”. Per questo “meritava di essere punita”. La madre aveva cercato di frapporsi tra il 51enne e la figlia, e anche lei è stata picchiata.

Sembra che il nordafricano fosse ubriaco. Non era la prima volta che episodi simili accadevano in famiglia, ha spiegato la donna: c’erano state almeno altre tre occasioni. Le due donne sono state accompagnare per precauzione in ospedale mentre il marocchino è stato portato via in manette dagli uomini dell’Arma.