Tag: ACCOGLIENZA

Truppe d’invasione: centinaia di clandestini evadono

Fermati 14 dei 94 invasori che erano
fuggiti questa mattina dal centro di
accoglienza di Porto Empedocle, nell’
Agrigentino. Lo riferisce il capo di
Gabinetto della Polizia di Agrigento e
Televideo.

I clandestini, che sono stati riportati
alla tensostruttura dalla quale erano
fuggiti, sono eritrei fermati a poca
distanza da dove si erano allontanati.

E’ la seconda fuga dopo quella di ieri
mattina di 200 ‘migranti’ su 336 soccorsi
dalla Guardia costiera e della Finanza.

Sono truppe di invasione.

Incontro tra mantenuti: il cardinale Vallini tra i rom di via Candoni

Il cardinale Vallini tra i rom di via Candoni
Romasette.it
Creare rapporti di amicizia e collaborazione con la popolazione rom è una sfida che Eva Maruntel, del campo di accoglienza di via Salaria, ha imparato a combattere nel suo lavoro di mediatrice culturale: «Anch'io ero come loro – spiega -; io li vedo

Ostia, il X Municipio fa chiarezza sui ‘centri accoglienza rom’ – RomaToday


RomaToday

Ostia, il X Municipio fa chiarezza sui 'centri accoglienza rom'
RomaToday
Ora è ufficiale: non ci sarà nessun centro accoglienza per i rom nella pineta Acque Rosse di Ostia. Durante il programma 'Foro Romano' su RomaUno, il Presidente del X Municipio Andrea Tassone e l'assessore alle politiche sociali Emanuela Droghei hanno 
LabUr: “Ostia ei rom: come si può pensare di realizzare i 'villaggi Ostia Tv

tutte le notizie (5) »

Nemesi: assessore comunista rapinato da immigrato

Viareggio, rapinato l’ ex assessore provinciale del Pdci , Simonetti mentre di sera consegnanva il ricavato della Festa della Rinascita ad uno sportello automatico, da parte di un rapinatore che gli ha puntato il coltello alla gola. E’ l’ ennesimo gravissimo episodio, di criminalita’ efferata e feroce che sembra aver il controllo della citta’. Possiamo tranquillamente affermare che a Viareggio si e’ perso il controllo del territorio, con una nuova giunta comunale palesemente buonista “alla Pisapia “, tutta slogan pro immigrazione ed accoglienza indiscriminata di clandestini magrebini, pusher, vucumpra’ e vuparcheggia’. D’ altra parte anche le istituzione dello Stato sono ” latitanti ” e pure l’ opposizione di centrodestra in consiglio comunale, che dovrebbe consegnare al ministro Alfano ” un dossier Viareggio ” ed invece non lo fa, essendo ormai un’ opposizione ” ologramma “. Ma questa spirale criminale non combattuta e repressa colpisce non solo l’ immagine , la sicurezza dei cittadina, ma travolge l’ economia della citta’ e in definitiva ” uccide il suo futuro “. Vergogna!

http://voxnews.info/2013/07/08/a-viareggio-la-rapina-con-il-coltello-alla-gola-e-ormai-la-prassi/

Scontri etnici tra ‘profughi’ nel centro di Kabobo: un morto

BARI, 3 LUG – Nuove violenze nel ‘centro per sedicenti profughi di Bari’. Quello che ospitò Kabobo, per intenderci.  Un immigrato curdo di 26 anni e’ stato ucciso la notte scorsa dai suoi ‘colleghi profughi’ in una rissa scoppiata tra gruppi di varie nazionalita’ nel Cara (centro di accoglienza per richiedenti asilo) di Bari. Sul corpo del ragazzo sono state rilevate ferite da arma da taglio e numerose lesioni dovute a percosse. La rissa avrebbe coinvolto gruppi di immigrati curdi, afghani e pachistani. Altri tre curdi hanno riportato ferite lievi ritenute guaribili in massimo dieci giorni.La società multietnica non funziona nemmeno tra mantenuti. Stiamo importando le faide inter-etniche di tutto il mondo.

Pisa: Ospedale di Cisanello in balìa degli immigrati, razzie e aggressioni

Filippeschi, il Sindaco di Pisa

Come riporta il quotidiano La Nazione di oggi, un infermiere in servizio al reparto di Endocrinologia all’ ospedale di Cisanello, la scorsa notte si e’ trovato di fronte a due ladri, che saccheggiavano gli armadietti nella stanza del personale sanitario. Le urla di allarme dell’ infermiere, hanna fatto accorrere dei pazienti che hanno fatto fuggire i due balordi, invano cercati ed inseguiti. E’ quella della sicurezza all’ interno dell’ ospedale di Cisanello una vera e propria EMERGENZA, sottolineata peraltro invano dagli stessi sindacati del personale sanitario, che denunciano l’ assurdita’ che si verifica in questa struttura importante per la sanita’ toscana, dove bande di saccheggiatori possono IMPUNEMENTE, entrare nei locali e strutture ospedaliere , perche’ non vi e’ un’ adeguata sorveglianza agli accessi e un servizio d’ ordine all’interno dei reparti. E gia’ 40 armadietti sono stati saccheggiati in questi giorni. I cittadini pisani, inoltre sottolineano come i le sale d’ attesa del moderno pronto soccorso a Cisanello, sia divenuti, ricovero notturno per balordi ed extracomunitari e il quotidiano La Nazione ha pubblicato foto eloquenti in proposito. Una vergogna, perche’ e’ inammissibile vedere trasformata una struttura d’ eccellenza sanitaria in centro d’ accoglienza clandestini e balordi vari, la cui presenza pono gravissimi problemi di igiene ed ordine pubblico. Anche nell’ex ormai ospedale di S Chiara , ormai in via di dismissione , vi e’ un problema di sicurezza ormai gravissimo: le infermiere che lavorano ancora nei pochi reparti rimasti aperti, sono importunate la sera quando si recano alle proprie auto lasciate ai parcheggi ospedalieri. Balordi ed extracomunitari alcuni giorni fa, hanno minacciato un’ infermiera e la questione e’ stata posta dai sindacati alla direzione sanitaria che ha ” partorito ” una discutibilissima disposizione. Il personale sanitario potra’ parcheggiare all’ interno degli ospedale, ma a partire da due persone a bordo, ed e’ scoppiato di nuovo la polemica….. Anche a Cisanello il problema dei parcheggiatori abusivi e dei molestatori e’ ben lungi dall’ essere risolto e qui appare chiaramente evidente che NON VI E’ ASSOLUTAMENTE VOLONTA’ POLITICA nell’ affrontare e risolvere questo ed altri annosi problemi legati alla sicurezza delle strutture sanitarie pisane.

http://ilmonitoretoscano.blogspot.it/2013/03/bande-di-saccheggiatori-nomadi-prendono.html

Minorenni alla guida e con coltello: Marocchino rintracciato in un “centro di accoglienza”

Uno dei due per paura si accoltella
La Provincia
A bordo dell’auto – una Fiat Punto rossa targata Parma – c’erano due minorenni: un 14enne Minorene un 17enne marocchino. Il più giovane è stato subito tratto in arresto, l’altro è stato individuato e fermato in un centro d’accoglienza della città  

IMMIGRATI: RISSA NEL CENTRO ACCOGLIENZA, 5 ARRESTI A … – AGI – Agenzia Giornalistica Italia


GravinaLife

IMMIGRATI: RISSA NEL CENTRO ACCOGLIENZA, 5 ARRESTI A
AGI – Agenzia Giornalistica Italia
A Gravina di Puglia cinque cittadini stranieri di origine sudanese, sono stati arrestati dalla polizia, colti in flagranza di danneggiamento aggravato, violenza privata e lesioni personali. Gli agenti sono intervenuti nel centro di accoglienza per
Bari: rissa tra immigrati in centro accoglienza, 5 arrestiLiberoQuotidiano.it
Gravina: Tratti in arresto cinque cittadini stranieriGravinaLife
Gravina, rissa in centro accoglienza, arrestati 5 sudanesiStatoQuotidiano.it

tutte le notizie (8) »

Integrazione: rissa tra “profughi” sudanesi nel centro d’accoglienza


StatoQuotidiano.it

IMMIGRATI: RISSA NEL CENTRO ACCOGLIENZA, 5 ARRESTI A
AGI – Agenzia Giornalistica Italia
(AGI) – Bari, 11 lug. – A Gravina di Puglia cinque cittadini stranieri di origine sudanese, sono stati arrestati dalla polizia, colti in flagranza di …
Bari: rissa tra immigrati in centro accoglienza, 5 arrestiLiberoQuotidiano.it
Gravina, rissa in centro accoglienza, arrestati 5 sudanesiStatoQuotidiano.it
Rissa nel centro di accoglienza "Nuovi Orizzonti" alla Murgetta BariToday
Giornale di Puglia
tutte le notizie (8) »

Follie xenofile: “profughi” in hotel? Come in galera…

Leggete questo “articolo” di una delle tante (troppe) associazioni a delinquere di stampo xenofilo e poi, lasciatevi andare ad un’amara risata liberatoria.

Lo stato mentale di chi partorisce una marea simile di sciocchezze deve essere molto critico. Autolesionismo allo stato puro di figli di papà privi di senso morale e affetti da “novantagradismo” congenito.
Come possa qualcuno definire il gozzoviglio di nullafacenti in hotel di lusso come “pena da scontare”, sfugge a qualsiasi comprensione.

ACCOGLIENZA E DIGNITA’ PER I NOSTRI FRATELLI E SORELLE PROFUGHI Ne vediamo tanti di profughi, è vero! E perche ci sono? a causa della guerra della NATO in Libia o mossi dalla spinta di libertà cresciuta con l’ondata rivoluzionaria nel mondo arabo. Sono nostri fratelli e sorelle nell’umanità e hanno diritto ad essere accolti e vivere liberi! Questo invece, lo stato italiano non lo fa; tiene chi è scapppato dal regime di Gheddafi o dalle violenze del nuovo governo libico in alberghi dove l’accoglienza somiglia molto di più ad una pena da scontare. Qualcuno forse dirà: “con tanti problemi, perché spendere altri soldi per la loro accoglienza?” e se fossi te? risponderesti: “non è questa l’accoglienza, dateci il nostro diritto al soggiorno e tutto sarà più semplice e meno costoso”. Chiedono solo di avere un permesso di soggiorno per poter cercare lavoro (e fare concorrenza ai nostri disoccupati), il diritto alla protezione umanitaria che gli spetta perché vittime di guerra(di quale guerra, visto che Libici non ce ne sono e che la guerra libica è finita da un anno?). Invece l’emergenza diviene un grande affare per i proprietari degli hotel, per associazioni che sporcano la solidarietà con la corruzione(associazioni come la vostra), per la protezione civile che in ogni tragedia ( vedi l’Aquila e lo stesso terremoto in Emilia) controlla e specula. Insieme a tanti volontari animati da bontà, al protagonismo dei profughi e rifugiati, con la nostra associazione abbiamo dato vita ad un movimento autorganizzato, e alla sua prima manifestazione nazionale il 14 gennaio scorso a Roma con oltre 10000 persone. Ora riprendiamo l’inizativa: no alla violenza contro i profughi, come avvenuto ad Ottaviano ( NA) dove la protezione civile ha mosso le forze dell’ordine per sgomberarli. E’ necessario il protagonsimo delle persone per bene a fianco dei nostri fartelli e sorelle: accogliamo chi verrà ed impegniamoci per ottenere la protezione umanitaria per tutti quelli che sono già qui.

http://www.a3f.org/it/content/settimana-dellaccoglienza-18-24-giugno-fianco-dei-profughi

Lo Stato non si occupa? Li ospitano con paghetta quotidiana di 46€ al giorno, cosa dovrebbero fare, fornire loro in sacrificio le vostre figlie?
Dove è, il limite della vostra stupidità e del vostro masochismo autolesionista?