Tag: 33 anni

Modavo ubriaco uccide donna e bambino

COSENZA – Due persone, un donna ed un bambino, sono morte ed altre dodici sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto sulla strada statale 106, nei pressi di Villapiana, nel Cosentino. Un camion, per cause ancora in corso di accertamento, si è scontrato con un autobus a bordo del quale viaggiavano i due morti ed i feriti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti della polizia stradale. A bordo dell’autobus viaggiava un gruppo di emigranti calabresi provenienti dalla Svizzera e diretti a Mesoraca (Catanzaro) per trascorrere alcuni giorni di vacanza. L’autista del camion è stato fermato dalla polizia per accertamenti.

Si è barricato nella cabina del camion perchè temeva di essere linciato l’autista del camion, uno straniero bielorusso, che si è scontrato con un autobus sulla strada statale 106, nei pressi di Villapiana. Nell’incidente stradale sono morti un bambino di 12 anni ed una donna di 57 anni.

Subito dopo i soccorsi e dopo aver accertato che c’erano due persone decedute alcune delle persone che erano a bordo dell’autobus si sono dirette verso il camion ma l’autista, temendo di essere linciato si è chiuso a bordo del mezzo. Solamente quando sono arrivati gli agenti della polizia stradale ha deciso di scendere per fornire la sua versione sull’incidente. Undici persone rimaste ferite sono state trasferite negli ospedali di Rossano, Corigliano, Castrovillari e Trebisacce mentre una donna è stata portata con l’elisoccorso a Catanzaro perchè le sue condizioni sono gravi.

Gli agenti della polstrada di Trebisacce hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria l’autista del camion. Si tratta di Valiantisin Skramblavich, 33 anni, bielorusso, il quale è risultato positivo all’alcoltest. Nell’incidente stradale è morta Clelia Andali, di 57 anni, ed un bambino, Leonardo G., di 12 anni. Tra le dodici persone ferite destano particolare preoccupazione le condizioni di una donna, Lucia Castorino, di 57 anni, la quale è stata trasportata dall’elisoccorso nell’ospedale di Catanzaro dove i sanitari si sono riservati la prognosi. Le indagini della polizia stradale sono coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Castrovillari, Maria Sofia Cozza.

http://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/cosenza_bus_camion_incidente/notizie/309317.shtml

Magistrati vergognosi: spara a ladri sorpresi in casa, arrestato

VIETATO DIFENDERSI – Un macellaio di 33 anni, V.O., di Legnaro (Padova) è stato posto in stato di fermo per tentato omicidio dopo che questa mattina ha sparato a uno dei ladri che ha sorpreso nel giardino della sua villa. Il malvivente colpito, un 23enne albanese, è rimasto gravemente ferito alla testa, alla spalla e all’addome e si trova ricoverato in prognosi riservata all’ospedale padovano di Piove di Sacco.

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/articoli/1107671/sorprende-ladri-e-spara-fermato.shtml

Padova: trova ladri in casa e spara, uno quasi morto

PADOVA – Un immigrato di 23 anni è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Padova dopo essere stato ferito alla testa da alcuni pallini esplosi con un fucile da caccia da un commerciante padovano che ha reagito ad un tentativo di furto della sua auto. Il fatto è accaduto all’alba di oggi a Legnaro (Padova). Il commerciante, Walter Onichini, 33 anni, si è svegliato di soprassalto, sentendo dei rumori nel giardino della sua abitazione ed ha sorpreso due ladri mentre gli stavano rubando l’auto. Così ha preso il fucile da caccia ed ha esploso due colpi contro i malviventi ferendone uno alla testa, alla spalla e al fianco. Il commerciante è stato sentito dal pm Orietta Canova.

Secondo una prima ricostruzione, il commerciante di Legnaro (Padova) dopo aver ferito il giovane, ha tentato di prestargli soccorso. Il ferito, un albanese di 23 anni, avrebbe però rifiutato l’aiuto minacciando l’uomo con un cacciavite. Il malvivente sarebbe poi fuggito a piedi, salvo poi cadere a terra privo di sensi dopo circa due chilometri. A trovare il corpo e ad allertare i medici del Suem sarebbe stato un passante. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Padova.

http://www.gazzettino.it/nordest/padova/sorprende_i_ladri_in_giardino_e_spara_colpito_alla_testa_23enne_in_fin_di_vita/notizie/307155.shtml

Spacciatori mimetizzati nei campi Due marocchini arrestati a Cornate – Il Cittadino di Monza e Brianza


Il Cittadino di Monza e Brianza

Spacciatori mimetizzati nei campi Due marocchini arrestati a Cornate
Il Cittadino di Monza e Brianza
Una tecnica usata spesso da due marocchini di 23 e 27 anni, in Italia senza fissa dimora e già noti alle forze dell'ordine. I due, come detto, sono stati arrestati, mentre è stato arrestato un altro nordafricano di 33 anni, che fungeva da palo per i
Pusher di “campagna” in manette: un altro blitz a CornateMBnews
Spaccio nei parchi tra Cornate e Trezzo; ma arrivano le "gazzelle"Monza Today

tutte le notizie (3) »

TERNI: ARRESTATO ALBANESE PER VIOLENZA E RESISTENZA … – Terni in rete


Terni in rete

TERNI: ARRESTATO ALBANESE PER VIOLENZA E RESISTENZA
Terni in rete
Regolare in Italia dal 1993 e con numerosi precedenti, un albanese di 33 anni è stato arrestato perchè, ubriaco, ha infastidito gli avventori di un bar, poi aggredito due poliziotti che hanno riportato delle ferite giudicate guaribili in una settimana

Genova: immigrato lancia panchina sui carabinieri, feriti

Genova 23 giugno 2013 – Vero e proprio gesto di follia a Sampierdarena, in via di Francia. Un uomo di 33 anni, ecuadoriano, non contento di aver dato un cazzotto a un carabiniere, ha proseguito la colluttazione tirando ai militari addirittura una panchina. L’episodio è avvenuto tra la notte di sabato 22 e domenica 23 giugno. Non senza difficoltà i militari sono riusciti a bloccarlo, identificarlo e arrestarlo per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I due carabinieri sono stati poi refertati in ospedale.

Si tratta del secondo episodio del genere in due giorni: nella notte tra venerdì 21 e sabato 22 infatti il custode di un bar del Porto Antico, richiedeva la presenza di una pattuglia dell’Arma, poiché  a dissidio con un cittadino straniero. Sul posto un equipaggio del Nucleo Radiomobile, individuava il soggetto, che  allo scopo di sottrarsi al controllo, si scagliava colpendo con calci e pugni i militari operanti, che lo bloccavano definitivamente dopo una violenta colluttazione.

Identificato in John Fernando R. O. ecuadoriano di 33 anni, è stato tratto in arresto per  “resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate”, nonché deferito in stato di libertà per “oltraggio a Pubblico Ufficiale”. Nell’occorso i militari riportavano lesioni giudicate guaribili 10 e 7 giorni.

http://www.genovatoday.it/cronaca/aggressione-carabiniere-francia-porto-antico.html

 

 

Reagisce ad arresto e scaglia una panchina addosso ai carabinieri – GenovaToday


GenovaToday

Reagisce ad arresto e scaglia una panchina addosso ai carabinieri
GenovaToday
Annuncio promozionale. Identificato in John Fernando R. O. ecuadoriano di 33 anni, è stato tratto in arresto per “resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate”, nonché deferito in stato di libertà per “oltraggio a Pubblico

Ecuadoriano aggredisce e lancia panchina sui carabinieri, arrestato

Tira panchina sui carabinieri, arrestato
ANSA.it
Tira panchina sui carabinieri, arrestato (ANSA) – GENOVA, 23 GIU – Un ecuadoriano di 33 anni, dopo aver dato un cazzotto a un carabiniere, ha tirato una panchina addosso ai militari che cercavano di arrestarlo. E’ successo durante la notte in via di  

Indiano ruba cavallo e chiede soldi per restituirlo

ISOLA CAPO RIZZUTO (CROTONE), 19 GIU 2013 – Un cittadino straniero di nazionalita’ indiana, Singh Jasvider, di 33 anni, e’ stato fermato dai carabinieri a Isola Capo Rizzuto per furto e tentata estorsione. L’uomo ha chiesto la somma di 4.000 euro ad un addestratore di animali del circo ‘Monte Carlo’ di Salerno, fermatosi a Le Castella, per restituirgli un cavallo che aveva rubato nei giorni scorsi. La vittima ha deciso di denunciare l’accaduto ed i carabinieri hanno fermato l’indiano.

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/calabria/2013/06/19/Tenta-estorsione-circo-fermato_8896764.html

Civate. Arrestato marocchino per spaccio di eroina – LeccoNotizie.com


LeccoNotizie.com

Civate. Arrestato marocchino per spaccio di eroina
LeccoNotizie.com
CIVATE – Arrestato e portato nel carcere di Pescarenico E.M.S., marocchino di 33 anni senza fissa dimora, per spaccio di stupefacenti reo, inoltre, di non aver rispettato l'ordinanza del Questore di Lecco di lasciare il territorio italiano
Beccato con 14 grammi di eroina, nei guai un marocchinoGiornale di Lecco (Abbonamento)
Civate, marocchino espulso era rimasto qui a spacciare eroinaCorriere di Lecco

tutte le notizie (3) »