Category: Milano

RAGAZZINO ITALIANO ACCOLTELLATO DA IMMIGRATI

Un ragazzo di 17 anni è stato accoltellato in pieno centro a Rho, comune in provincia di Milano. Ad aggredirlo sarebbero stati alcuni coetanei dopo una lite. I responsabili sono scappati subito dopo. Il 17enne è stato trasportato in codice rosso in ospedale, ma non sarebbe in pericolo di vita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno aperto le indagini.

continua su: https://www.fanpage.it/milano/ragazzo-di-17-anni-accoltellato-dopo-una-lite-trasportato-in-ospedale-in-condizioni-serie/
https://www.fanpage.it/

Assembramento di sudamericani: accoltellamento

Un uomo ferito da una o più coltellate è stato portato con urgenza in ospedale, a Milano, in gravi condizioni. E’ accaduto alla periferia di Milano, dove circa 60 sudamericani stavano giocando a calcio. All’arrivo di una volante gli uomini hanno letteralmente caricato sull’auto il ferito. I poliziotti hanno subito chiamato il 118, che ha trasportato l’uomo al Niguarda. La Squadra mobile è intervenuta nella zona per gli accertamenti necessari.

https://www.google.com/search?q=milano+sudamericani+tgcom&rlz=1C5CHFA_enIT948IT948&oq=milano+sudamericani+tgcom&aqs=chrome..69i57j33i160.4051j1j4&sourceid=chrome&ie=UTF-8

Milano, giovane rapinato e aggredito da 5 con bastoni e tubo di metallo

https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/rapina-aggressione-1.6405591

Brutale aggressione in zona Corvetto a Milano. Tutto è successo nella notte tra lunedì e martedì, all’altezza di piazzale Bologna. Vittima della violenta rapina un 35enne originario dell’Ecuador. Stando a quanto riferito il giovane è stato aggredito da cinque persone con bastoni e un tubo di metallo. Al termine dell’aggressione il gruppo gli ha rubato il cellulare e sottratto un anello che aveva indosso. I malviventi sono stati fermati dal personale del nucleo operativo Pattuglia Mobile di Zona, che hanno arrestato per rapina aggravata in concorso, un colombiano di 23 anni, residente a Milano con precedenti di polizia e un ecuadoregno suo coetaneo, residente sempre nel capoluogo lombardo.

La pattuglia è intervenuta a seguito di una segnalazione di aggressione ai danni del 35enne. Arrivati sul posto i militari hanno notato il gruppo che armato di bastoni di legno, un tubo di metallo e un cacciavite si avvicinava al giovane. Due degli aggressori sono stati fermati mentre gli altri tre si sono dati alla fuga.  La vittima, residente a Milano, ha riferito che i 5 lo avevano avvicinato sottraendogli prima il cellulare, non recuperato, e poi sono tornati ad aggredirlo per farsi consegnare anche l’anello e l’orecchino d’oro che indossava. Gli arrestati sono stati trasferiti nel carcere di San Vittore.  

TUNISINO PESTATO SFASCIA VETRINA

https://primamilanoovest.it/cronaca/aggredito-centro-spacca-vetrina-sasso/

Va nel bosco a comprare cocaina: circondata e violentata dagli spacciatori

https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_maggio_24/lainate-va-bosco-comprare-cocaina-circondata-molestata-spacciatori-armati-prese-tre-bande-0b58d59e-bc79-11eb-abb7-46b8b952d96c.shtml

CINGHIATE ALLE FAMIGLIE CHE RIFIUTANO SIGARETTA A SPACCIATORI

Due famiglie con figli piccoli al seguito sono state aggredite sabato sera nel centro di Legnano, in provincia di Milano. A scatenare la furia degli aggressori, uno dei quali ha colpito una donna con la cintura dei pantaloni, sarebbe stato il rifiuto di offrire loro una sigaretta. I carabinieri hanno fermato uno degli aggressori.

https://www.fanpage.it/milano/rifiutano-di-offrire-una-sigaretta-e-vengono-presi-a-cinghiate-davanti-ai-figli-paura-a-legnano/

Terrorizzavano e rapinavano commercianti a Milano, 8 egiziani

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/05/23/terrorizzavano-e-rapinavano-commercianti-a-milano-8-arresti_a8ef2762-e783-4387-8e3d-d1aabac040e7.html

 Per assicurarsi il controllo del territorio avrebbero terrorizzato i commercianti, in gran parte connazionali, di alcuni quartieri di Milano, con violente aggressioni, rapine, estorsioni, ma ieri la gang è stata fermata. Infatti i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno arrestato 8 persone di origine egiziana, accusati a vario titolo di rapina aggravata, sequestro di persona, lesioni personali aggravate, estorsione, violenza privata e porto di armi od oggetti atti ad offendere.


    La richiesta di misura cautelare in carcere è stata firmata dal gip su richiesta del pm milanese Francesco De Tommasi. Le indagini, condotte dalla Compagnia Carabinieri Milano Duomo, hanno consentito di ricostruire, attraverso la raccolta di testimonianze, riconoscimenti fotografici, nonché l’analisi delle immagini dei sistemi di video sorveglianza e i riscontri in banca dati, non solo l’irruzione da ‘Arancia Meccanica’ dello scorso gennaio in un negozio di via Imbonati, ma anche due episodi di rapina ed estorsione.
    Gli 8 arrestati, quattro dei quali fratelli, risiedono nel capoluogo lombardo o nella provincia di Varese. (ANSA).

Milano, pestato poliziotto e gli rompono un mano

Probabilmente alterati dall’alcol e molesti hanno creato scompiglio alle Colonne di San Lorenzo e, all’arrivo della Polizia, hanno opposto resistenza rompendo anche la mano destra a uno degli agenti intervenuti. Per queste ragioni sono stati arrestati intorno alle undici di ieri sera un 28enne e un 32enne, entrambi algerini, irregolari e con precedenti.

https://www.affaritaliani.it/milano/aggrediscono-un-poliziotto-rompendogli-una-mano-alle-colonne-di-milano-741271.html

I poliziotti sono intervenuti dopo la segnalazione, da parte dei cittadini allarmati dal comportamento dei due. Gli arrestati hanno anche danneggiato la volante dela Polizia che li trasportava in Questura. Il poliziotto con la mano rotta ha riportato 25 giorni di prognosi mentre il collega, intervenuto con lui, quattro per una contusione al gomito.

Immigrati scatenati a Milano dopo il coprifuoco, 4 arrestati

Rissa a Milano dopo il coprifuoco, 4 arrestati

https://tg24.sky.it/cronaca/2021/05/09/covid-oggi-bollettino-9-maggio-live

Quattro sudamericani, 3 donne e un uomo, sono stati arrestati dai carabinieri per una rissa scoppiata a Milano dopo il coprifuoco. Pochi minuti dopo la mezzanotte gli agenti sono intervenuti per la segnalazione di una lite tra almeno 10 persone che si colpivano con calci e pugni in piazza Argentina. All’arrivo delle volanti c’erano ancora i 4 che continuavano a colpirsi a vicenda. Nel corso della concitazione un poliziotto ha riportato una lieve escoriazione. In manette due peruviane di 18 e 20 anni, una 19enne di El Salvador e un messicano di 21 anni. 

Immigrati massacravano anziani a Milano per rapina

Pugni e botte agli anziani rapinati, presi i banditi che vivevano derubando i “deboli”. Sei colpi, tutti con lo stesso modus operandi, tutti contro vittime indifese. Perché così si guadagnavano da vivere. Due uomini sono stati arrestati dalla polizia in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, firmata dal Gip Sara Cipolla, con le accuse di rapina e lesioni personali aggravate in concorso perché ritenuti responsabili di almeno sei blitz messi a segno nell’ultimo periodo nel quartiere di San Siro.

A entrare in azione, secondo le indagini del commissariato Bonola, sarebbero stati un 25enne e un 33enne, entrambi egiziani irregolari in Italia. Insieme a loro ci sarebbe stato anche un terzo uomo, un 28enne al momento ricercato.

Deboli e anziani rapinati

Il lavoro dei poliziotti è iniziato un paio di mesi fa, quando sono iniziati i raid dei banditi, che – mette nero su bianco la Questura – “hanno creato un profondo timore nella collettività”. Nel mirino dei rapinatori finivano sempre persone anziane o “comunque soggetti deboli”, sottolineano gli investigatori, tanto che nel quartiere di San Siro tra gli abitanti si era diffuso un “profondo allarme sociale”.

Il copione dei raid era sempre lo stesso, semplice ma tremendamente efficace. I rapinatori sceglievano la loro vittima e la colpivano con pugni per poi portare via monili d’oro e borse. In due mesi avrebbero portato a termine almeno sei rapine – quelle che vengono contestate nell’ordinanza -, ma i colpi in realtà potrebbero essere di più. Perché – rimarcano gli investigatori – i banditi “avevano trovato nelle rapine ai danni di anziani la loro unica fonte di sostentamento”.

https://www.milanotoday.it