Category: Mantova

Nullafacente armato di mannaia a caccia di italiani

https://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2021/06/28/news/mantova-in-giro-con-una-mannaia-dopo-aver-aggredito-una-donna-pochi-giorni-prima-denunciato-dai-carabinieri-1.40439342

Il 37enne è stato fermato per dei controlli dai militari perché assomigliava all’identikit dell’aggressore che aveva colpito con un pugno una donna alcuni giorni fa28 GIUGNO 2021

MANTOVA. I carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile di Mantova hanno denunciato D.M., extracomunitario 37enne, nullafacente, già destinatario di due provvedimenti di espulsione, per porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere.

L’uomo è stato notato dai militari perché corrispondeva alla descrizione dell’aggressore che giovedì scorso, 24 giugno, in via Trieste a Mantova, intorno alle 18.30, aveva aggredito una donna colpendola con un pugno in faccia.

Dai controlli di rito svolti nella banca dati nonché dalle circostanze di tempo e luogo degli accertamenti, sono emersi i presupposti per procedere alla perquisizione personale. All’interno dello zaino dell’uomo i carabinieri hanno trovato una mannaia. Il 37enne non ha saputo motivare il perché la portasse con sé.L’oggetto è stato quindi sequestrato e all’uomo è stato intimato di lasciare l’Italia.

Procedono intanto le indagini per capire i motivi che hanno spinto lo straniero ad aggredire, apparentemente senza alcuna motivazione, la malcapitata che, dopo avere ricevuto le prime cure del caso, aveva rifiutato l’invito a recarsi in ospedale.

Richiedente asilo ai domiciliari sequestra volontaria

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/lega-e-sequestra-loperatrice-sociale-24-ore-fermato-1941351.html

Migrante stupra due donne alla stazione

Mantova, aggredisce due donne in due mesi: indiano fermato per violenza sessuale aggravata

Mantova sotto choc: un 32enne indiano è stato fermato con l’accusa di violenza sessuale aggravata su due donne. Una brutalità perpetrata a ripetizione: e due casi sconvolgono la tranquilla città lombarda. Due donne abusate. Due violenze sessuali a breve distanza una dall’altra. Due drammatiche vicende che a detta degli inquirenti porterebbero la stessa firma: quella di un indiano 32enne, ora indagato per il reato di violenza sessuale aggravata. Non solo. Durante la perquisizione dell’appartamento in cui viveva, gli agenti hanno trovato un biglietto di sola andata per l’India: l’uomo stava per fuggire.

Mantova, indiano fermato per violenza sessuale su 2 donne

Dunque, gli uomini della squadra mobile della Questura di Mantova hanno arrestato ieri un bracciante agricolo di  32 anni. Un cittadino indiano, incensurato, residente nella provincia di Mantova, indagato per il reato di violenza sessuale aggravata, commessa in due distinti episodi nei confronti di due donne. Il primo fatto risale al 26 ottobre scorso. L’uomo ha pedinato una donna 33enne dalla stazione ferroviaria di Mantova, fino ai Giardini Tazio Nuvolari. Poi, appena la giovane vittima ha imboccato il sottopassaggio, lo straniero, preso da un feroce raptus, l’ha aggredita brutalmente, tentando di violentarla. La ragazza ha sporto denuncia. E scattate le indagini, gli uomini della Questura hanno individuato il presunto responsabile e rintracciato il 32enne indiano. Il quale, seppur a distanza di un mese e mezzo dal fatto, ieri indossava alcuni degli stessi indumenti che aveva addosso al momento della violenza.

Alessandro Gassmann: «Ma vi fa davvero così schifo starvene con i vostri cari a Natale?»

Rai, Franco Di Mare contro Bianca Berlinguer: «Parla senza permesso, indecenti i suoi attacchi»

Le aggressioni sempre nei pressi della Stazione

Condotto negli uffici della Questura per il compimento degli ulteriori atti di indagine, e delle necessarie procedure di polizia giudiziaria, lo straniero però non esce di scena. Infatti, a seguito dei successivi accertamenti effettuati a suo carico, è stato appurato come, sempre il 32enne indiano, sia al centro di un analogo episodio di violenza sessuale commessa nel settembre scorso. Sempre a Mantova. E sempre nei pressi della stazione. Stavolta, però, nei confronti di una donna di 51 anni. Ed è il secondo episodio di violenza imputato all’uomo, per il quale è in atto un altro procedimento penale.

L’indiano fermato con indosso gli abiti del giorno della violenza

Non solo. Nell’abitazione dell’indiano indagato le forze dell’ordine hanno rinvenuto, sequestrato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria gli altri indumenti con i quali l’uomo aveva aggredito le due vittime. Oltre a quelli che indossava nel momento in cui veniva rintracciato. Sempre nel corso della perquisizione nell’appartamento, inoltre, gli agenti hanno trovato anche un biglietto aereo di sola andata per l’India. Cosa che ha fatto presupporre agli inquirenti un imminente e concreto pericolo di fuga a carico dell’uomo. Che, molto probabilmente, stava programmando di sottrarsi alla giustizia italiana lasciando definitivamente il nostro Paese.

Terminato l’iter giudiziario, lo straniero dovrà essere rimpatriato

Per questi motivi, quindi, gli agenti hanno deciso di disporre nei confronti del 32enne un provvedimento di fermo di indiziato di delitto per i due episodi di violenza sessuale aggravata, a seguito del quale l’uomo è stato immediatamente trasferito alla casa circondariale di Mantova. La Procura della Repubblica di Mantova, subito informata dell’accaduto, è intervenuta immediatamente per le iniziative di competenza della autorità giudiziaria, tra le quali gli atti per la convalida del fermo. L’ufficio immigrazione della Questura, su disposizione del questore della provincia di Mantova Paolo Sartori, ha avviato le procedure in modo che, una volta terminato l’iter giudiziario, si possa procedere all’espulsione dell’indiano. E al suo rimpatrio nel Paese di provenienza.

Musulmani decapitano Gesù Bambino: orrore islamico a Mantova – FOTO

Gesù decapitato: 4 islamici i responsabili. I minori individuati e denunciati dai carabinieri

Si tratta di quattro sedicenni di origine marocchina e di religione islamica i responsabili dello sfregio inferto al presepe allestito davanti alla chiesa di San Benedetto nella notte del 29 dicembre. Sono stati i carabinieri ad individuare i responsabili del danneggiamento e quindi a riferire l’esatta dinamica del deplorevole episodio.
La vicenda
La natività allestita dall’associazione locale “Amici della Basilica” è stato oggetto di atti vandalici proprio sulla raffigurazione del Bambin Gesù rappresentata una una bambola. A denunciare l’episodio sono stati dei cittadini che si trovavano all’ingresso di un esercizio pubblico vicino alla chiesa. Questi, infatti hanno visto, nonostante fosse buio., un gruppetto di giovani aggirarsi nei pressi dell’edificio di culto ed a un certo punto a scagliarsi con una rabbia inaudita sul bambolotto e poi, dopo averlo decapitato e rotto braccia e gambe, lo hanno lanciato sul tetto della capanna. Le persone che hanno assistito a questa scena, allibiti della violenza con la quale si erano lanciati sul presepe, hanno prima redarguito i giovani e poi avvertito le forze dell’ordine. Da parte loro i ragazzi non solo non hanno dato spiegazioni a chi chiedeva loro perchè avessero compiuto un gesto simile, ma incuranti di quelle che potevano essere le conseguenze si sono allontanati per recarsi in un bar poco lontano. La mattina del 30 dicembre i militari della caserma di San Benedetto hanno ritrovato poco distante dalla chiesa il bambolotto smembrato con il busto e la testa appesi ad un palo di ferro nell’angolo opposto alla piazza. Rapidissime e mirate le indagini dei carabinieri che, sulla base dei pochi indizi raccolti, sono riusciti a far luce sull’episodio e quindi ad identificare i responsabili: quattro ragazzi di origine marocchina, nati in Italia e di religione islamica, che dopo alcune esitazioni hanno confessato il misfatto.
I giovani sedicenni sono stati infine denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia.

Africano aggredisce autista bus con un bastone

  1. Mantova, aggredisce autista bus con un bastone: fermato senegalese  ilGiornale.it
  2. Viadana: prende a pungi e bastonate il conducente di un pullman, nei guai un 23enne senegalese  La Voce di Mantova
  3. Mantova, 26enne senegalese aggredisce con bastone conducente di bus  Affaritaliani.it
  4. Dopo una lite aggredisce l’autista con un pugno e un bastone  Giornale di Mantova
  5. Visualizza copertura completa su Google News

Carabiniere preso a pugni durante un controllo, in manette un extracomunitario

Carabiniere preso a pugni durante un controllo, in manette un extracomunitario  La Voce di Mantova

POGGIO RUSCO Carabiniere preso a pungni durante un controllo da uno straniero. Il militare è svenuto e quindi soccorso dal 118, l’aggressore è stato.

Immigrato sgozza ragazzo e accoltella bimbo al braccio

L'attacco per strada a Brescia

Posted by Il Giornale on Friday, September 6, 2019

Aggredito da un gruppo di albanesi, cameriere ricoverato

Aggredito da un gruppo di albanesi, cameriere ricoverato al Civile  Bsnews.it

È ora ricoverato agli Spedali Civili di Brescia il 25enne di origini marocchine che nella serata di ieri è stato aggredito da un gruppo di albanesi.

Rapina choc allo chef: imbavagliato da quattro banditi dell’Est

L'incubo dello chef stellato in ostaggio degli stranieri

Posted by Il Giornale on Wednesday, January 23, 2019

Profugo a passeggio con 1 kg di droga

Trovato con quasi un chilo di marijuana.

Posted by La Voce di Mantova on Tuesday, November 13, 2018