Category: Lecco

Violenza in centro: arrestato clochard ucraino per resistenza, lesioni e danneggiamento

https://primalecco.it/cronaca/violenza-in-centro-arrestato-clochard-ucraino-per-resistenza-lesioni-e-danneggiamento/

Pestato da gang multietnica per una sigaretta

https://www.leccotoday.it/cronaca/aggressione-sigaretta-20-novembre-2021.html

MASSACRA ANZIANO A TESTATE: DISTRUGGE AUTO IN TRANSITO

https://www.ilgiorno.it/lecco/cronaca/aggressione-ad-anziana-ragazzo-rompe-a-testate-il-finestrino-dellauto-1.6986440

”I soldi o vi sgozziamo”: branco rapina due ragazzini

https://www.ilgiorno.it/lecco/cronaca/lecco-gemelli-rapinatori-1.6930520

Donna massacrata da branco ragazzini perché si lamenta del rumore

https://www.leccotoday.it/cronaca/aggredita-san-giovanni-6-ottobre.html

Lecco, nigeriano piscia tra i mezzi dei pompieri: picchia i poliziotti

http://www.ilgiornale.it/news/lecco-nigeriano-si-accampa-i-mezzi-dei-pompieri-e-pesta-1630650.html

Stranieri bivaccano nell’area dove sorgerà la nuova caserma dei pompieri e fanno, come nulla fosse, i propri bisogni sui mezzi dismessi dei pompieri.

Uno, poi, diventa violento e aggredisce i poliziotti intervenuti per effettuare un controllo.

La violenza si è verificata a Lecco nel pomeriggio di mercoledì. Dopo alcune segnalazioni sulla presenza di sbandati che dormivano e utilizzavano come bagni le vetture in un’area demaniale, agenti della Squadra volanti della Questura cittadina hanno raggiunto il sito di via Don Giovanni Ticozzi.

All’apparenza, il luogo indicato sembrava deserto e con il cancello chiuso. Ma i poliziotti hanno voluto effettuare una più accurata ispezione. Così, insieme ai Vigili del fuoco, sono penetrati nell’area ed hanno iniziato ad ispezionare con cura sia il piazzale che i veicoli presenti.

All’interno di uno di questi è stato notato uno straniero intento a dormire. L’uomo, un 29enne di origini nigeriane regolare sul territorio nazionale, non ha creato intralcio all’operazione di polizia.

Contemporaneamente, gli agenti hanno visto un’altra persona intenta a scavalcare la recinzione per entrare nell’area privata. Fermato, l’immigrato è stato trovato privo di documenti d’identità e, per questo, accompagnato in Questura per accertamenti.

La vicenda sembrava avviarsi alla conclusione ed, invece, la tensione è salita alle stelle quando il personale dei Vigili del Fuoco ha segnalato l’arrivo di un terzo uomo nell’area che, nonostante la presenza delle forze dell’ordine, si è diretto tra i veicoli rifiutandosi più volte di esibire un documento d’identità.

Con atteggiamento arrogante, l’uomo ha raggiunto un mezzo dei pompieri per prendere i suoi effetti personali allontanandosi, poi, di corsa.

Una volta raggiunto dai poliziotti, lo straniero è diventavo violento e, nel tentativo di fuggire, li ha spintonati colpendone uno al volto con una valigia rigida.

Dopo una violenta colluttazione, con l’aiuto di una volante giunta in supporto, l’aggressore è stato immobilizzato, ammanettato e condotto in Questura.

L’immigrato, un nigeriano di 25 anni, irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato con l’accusa di violenza e resistenza a Pubblico ufficiale. Dopo il processo per direttissima, al giovane è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere in attesa di giudizio.

L’altro soggetto precedentemente fermato, 26enne anch’egli nigeriano, è stato invece denunciato all’Autorità giudiziaria per il reato di ingresso e soggiorno illegale in Italia.

Profugo arrestato per furto subito liberato a Lecco

Chiede asilo e protezione agli italiani ma non ricambia nel migliore dei modi l’accoglienza ricevuta: un 20enne della Guinea, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Colico per furto aggravato. L’uomo era già noto alle forze di Polizia.

http://www.corrieredilecco.it/dettaglio.php?id=ODA3OA==&idc=Mg==&idc2=MQ==&titolo=17954Colico%2C+un+altro+asilante+%22ingrato%22%3A+arrestato+per+furto+%28e+liberato%29

Un altro profugo, peraltro scappato da un paese africano dove non vi sono guerre ma che offre soprattutto lavoro agricolo ai propri cittadini, finisce nei guai dalle nostre parti. Appena l’altro giorno, tre profughi erano stati arrestati a Lecco per aver scatenato una violenta rissa a bottigliate.

Alle 13 circa di ieri, i Carabinieri hanno ricevuto la chiamata di un colichese a cui era stata appena rubata la propria bicicletta lasciata all’esterno dell’ufficio postale di Colico. Immediatamente allertati i militari già in servizio di controllo del territorio, il ladro è stato individuato poco distante dal luogo del furto ancora in sella alla bicicletta.

L’asilante è stato bloccato ed arrestato dopo un breve inseguimento e la refurtiva riconsegnata al legittimo proprietario. Nella mattinata odierna l’africano è stato condotto presso il Tribunale di Lecco per il giudizio direttissimo a seguito del quale il giudice ha convalidato l’arresto compiuto dai militari, ma ha rimesso il libertà il reo.

Profugo senza biglietto picchia capotreno e guardia giurata

Ha aggredito un capotreno che gli ha chiesto il biglietto e una guardia giurata intervenuta per difendere il controllore

Ad aggredire il capotreno e la guardia giurata è stato un richiedente asilo politico

Lecco, lancia sassi contro i treni: scoperto e denunciato immigrato

A tirare le pietre contro il treno è stato un 19enne

ITALIANO PESTATO DA 10 PICCOLI IMMIGRATI AFRICANI

Una decina di ragazzini in branco prima hanno aggredito e picchiato il nipote di un negoziante a Olgiate Molgora vicino alla stazione, poi hanno minacciato e rapinato un coetaneo su un treno della Milano – Lecco. Si tratta di minorenni stranieri di colore, che sono entrati in azione nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì.

OLGIATE MOLGORA – A Olgiate Molgora se la sono presi con un 22enne, pestato a sangue sotto gli occhi della fidanzata, la cui unica “colpa” è stata quella di aver difeso il negozio dello zio, titolare di uno spaccio di alimentari di via Stocksmoor, appena fuori dalla stazione ferroviaria . I componenti della baby gang sono arrivati in paese in treno e volevano entrare nel negozio che però era chiuso. Nonostante la saracinesca abbassata si sono accaniti contro la porta del negozio per cercare di sfondarla. Il nipote del proprietario quando si è accorto di quanto stava accadendo è intervenuto, chiedendo loro di andarsene ma questi per tutta risposta lo hanno circondato, insultato e infine sono passati alle mani e ai piedi, colpendolo ripetutamente con pugni e calci. Solo quando il 22enne, che ha tentato di difendersi come poteva, è crollato a terra se ne sono andati. La vittima del pestaggio da Arancia meccanica è stato soccorso dai sanitari del 118 e ricoverato in osservazione all’ospedale di Merate.

LECCO – Dopo il primo raid gli adolescenti sono risaliti sul primo treno per scappare verso Lecco, da dove poi hanno preso un’altra coincidenza per tornare indietro verso Milano. Proprio durante il viaggio verso Milano, tra Lecco e Calolziocorte, in carrozza hanno preso di mira un 16enne di Monza che si trovava sul loro stesso vagone, obbligandolo con la forza a consegnare il suo smartphone. Il malcapitato, solo, in inferiorità numerica, senza nessuno nei paraggi che potesse aiutarlo, non ha potuto altro che cedere alle minacce. I ragazzini, una volta ottenuto quello che volevano, sono scesi infine dal treno su cui viaggiavano teatro della rapina alla stazione di Calolzio, dileguandosi nel nulla.

INDAGINI – Su quanto è accaduto indagano adesso i carabinieri, che fin dalle prime battute hanno organizzato un’imponente battuta di caccia ai giovanissimi in tutta la zona e soprattutto lungo la linea Milano – Lecco via Carnate. Il branco potrebbe essere stato immortalato dalle telecamere del sistema di videosorveglianza installate in stazione sia a Olgiate Molgora sia a Lecco. Solo settimana scorsa i carabinieri di Vimercate hanno arrestato otto ragazzi, di cui sei minorenni, perché ritenuti responsabili di una ventina di rapine, alcune con pistole e coltelli, contro studenti e passeggeri dei treni della della Milano – Lecco.

https://www.ilgiorno.it/lecco/cronaca/aggressioni-rapine-treno-1.3882228