Category: Imperia

Imperia: romeno ubriaco picchia donna di fronte al figlio


SanremoNews.it
Imperia: ubriaco picchia la moglie di fronte al figlio minorenne
SanremoNews.it
Un 20enne romeno, totalmente ubriaco, ha picchiato la moglie davanti agli occhi del figlioletto minore ma, fortunatamente, il tempestivo intervento degli Agenti di Polizia della Questura di Imperia in servizio alla Squadra Volante, ha consentito il suo
IMPERIA. UBRIACO, PICCHIA LA MOGLIE SOTTO GLI OCCHI DEL IMPERIAPOST
Picchia la moglie davanti al figlio, arrestato 29enne romenoPrimocanale
Aggredisce la moglie a schiaffi e pugni, arrestato marito padroneRiviera24.ittutte le notizie (9) »

Eritreo semina panico in stazione: “Sono profugo, no bisogno biglietto”

Imperia. Resistenza, minacce, violenza a pubblico ufficiale, ma anche interruzione di pubblico servizio. Sono i reati contestati ad un cittadino eritreo di 33 anni arrestato dalla polizia questo pomeriggio a Imperia.
L’uomo, irregolare sul territorio nazionale, viaggiava senza biglietto sul treno partito da Ventimiglia e diretto a Genova. Alle 17,30 il convoglio è stato costretto a fermarsi alla stazione di Oneglia perché l’uomo ha iniziato a dare in escandescenza. Prima ha urlato contro il personale viaggiante che lo aveva fermato, quindi contro alcuni passeggeri del treno e dopo con gli agenti della squadra volante.

http://www.riviera24.it/2015/08/eritreo-semina-il-panico-sul-treno-e-in-stazione-a-oneglia-arrestato-dalla-polizia-203185/

Assessore fotografa campo nomadi abusivo: aggredita da zingari


IMPERIAPOST
IMPERIA. PARCO URBANO. CAMPO NOMADI, TENSIONE
IMPERIAPOST
Pomeriggio alquanto movimentato quello di ieri, lunedì 13 luglio, per l’assessore all’arredo urbano del Comune di Imperia Maria Teresa Parodi. L’assessore, infatti, recatasi presso il campo nomadi attiguo al parco urbano, mentre stava scattando alcune …altro »

Capotreno pestato da ‘profugo’: è emergenza su treni

Molti sedicenti profughi tentano di raggiungere la Francia col treno. Vengono respinti dalla polizia francese e loro, arrabbiati e delusi, se la prendono con il capotreno ed i controllori.

E’ accaduto stavolta ad un capotreno residente a Quiliano che nei pressi di Diano Marina ha incontrato un nordafricano senza biglietto, probabilmente un profugo.

Il capotreno lo ha invitato a scendere alla prima stazione, lui si è alzato, il capotreno lo ha seguito attraverso due carrozze e poi in un punto dove non c’erano altri passeggeri, è scattata l’aggressione con pugni e spintoni.

Il nordafricano a quel punto è sceso dal treno e si è dileguato.

Il dipendente delle ferrovie è stato trasportato al San Paolo dove è stato giudicato guaribile in sette giorni.

Secondo il racconto dell’iuomo, lo stesso extracomunitario nei giorni precedenti aveva tentato un approccio con un controllore donna.

Già lo scorso 4 maggio un altro capotreno era stato aggredito: più volte i dipendenti delle ferrovie hanno chiesto di essere affiancati da agenti della Polfer almeno sui treni giudicati più a rischio.

http://www.rsvn.it/capotreno-aggredito-da-nordafricano-sul-thello.lits2c57745.htm

Aggrediti da clandestino che deve essere espulso

Aggrediti in aeroporto da un nordafricano mentre quest’ultimo veniva accompagnato da Imperia al centro di identificazione e espulsione di Caltanisetta. È successo nei giorni scorsi a Fiumicino. Sfortunati protagonisti due agenti di polizia in servizio presso la Questura di Imperia.

L’aggressore è un cittadino di origine marocchina, pluripregiudicato (per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti in provincia di Imperia), espulso dall’Italia in quanto irregolare. I due agenti hanno iniziato il loro viaggio da Imperia. Prima il trasferimento in auto a Genova, poi un aereo da Genova a Fiumicino, poi un altro aereo da Fiumicino a Palermo. L’aggressione si è consumata all’aeroporto di Roma Fiumicino, in attesa dell’imbarco per Palermo. L’uomo prima ha iniziato a dare segni di sofferenza, poi si è scagliato contro i due agenti che, solo dopo una violenta collutazione, sono riusciti a immobilizzarlo. Gli agenti, rimasti entrambi contusi, tanto da rimediare una lussazione alla spalla e un brutto ematoma al volto, hanno comunque portato a termine l’accompagnamento a Caltanisetta e hanno fatto ritorno a Imperia nelle scorse ore.

ImperiaPost ha contattato il capo di Gabinetto della Questura di Imperia Alessandro Asturaro per commentare l’accaduto. “Purtroppo non è la prima volta che si verificano episodi simili. Normalmente questi soggetti fanno di tutto per evitare l’espulsione. La Questura si occupa ormai da tempo del servizio di accompagnamento nei centri di identificazione e espulsione, dove il soggetto viene identificato e, una volta ottenuto il permesso provvisorio dal Consolato, viene rimpatriato. Siamo gli unici ad occuparci di questo servizio, impegnati su questo fronte in modo massiccio. Si tratta, infatti, di pratiche di competenze dell’ufficio immigrazione. Basti pensare ai dati definitivi del 2013 (quelli del 2014 non sono ancora disponibili, ndr). Nel 2013 abbiamo accompagnato 68 persone nei centri di identificazione e espulsione e 16 alla frontiera, per un totale di 84 servizi di questo genere in un anno. Un impegno importante, non c’è dubbio“.

http://www.imperiapost.it/100520/agenti-della-questura-di-imperia-aggrediti-in-aeroporto-da-un-nordafricano-durante-il-trasferimento-in-un-centro-di-espulsionela-ricostruzione

Minaccia passanti e mostra genitali ai bambini

Imperia – Nella serata odierna a seguito di chiamata al 112 per segnalare una persona che disturbava all’interno dell’Oratorio Giuseppini interveniva la pattuglia dell’Aliquota Radiomobile.

I Carabinieri, prontamente giunti sul posto scovavano H.P. classe 1990 il quale dava in escandescenza. All’intervento dei militari, anche a causa dell’alterato stato psico-fisico, il soggetto minacciava e opponeva resistenza violentemente causando lesioni ad uno degli operanti. Nonostante ciò, grazie alla loro preparazione e sangue freddo, riuscivano a trarre in arresto il malvivente senza causargli alcuna ferita. Secondo alcuni testimoni, il giovane stava mostrando i genitali ai passanti.

http://www.imperiapost.it/88401/imperia-mostra-i-genitali-in-pubblico-e-aggredisce-i-carabinieri-arrestato-un-24enne-ecco-dove-e-successo

“Questo edificio è mio”: e aggredisce agenti

IMPERIAPOST
IMPERIA. VUOLE PASSARE LA NOTTE IN UN EDIFICIO PUBBLICO IMPERIAPOST Cinque persone sono state denunciate dagli uomini della Polizia di Stato nella giornata di ieri nel corso dei servizi di controllo del territorio disposti in ambito provinciale, che hanno visto coinvolti gli agenti delle squadre volanti e delle

Tunisino prima le sfigura la gamba, poi ruba borsa e infine sfonda parabrezza

Ortovero. Un pregiudicato tunisino di 34 anni è stato arrestato in un’operazione dei carabinieri di Villanova d’Albenga e Pieve di Teco (Imperia) per aver rubato la borsetta alla compagna, di 39 anni, che stava cercando di scappare in auto dopo essere stata da lui aggredita e ferita con una lama alla gamba sinistra. Il fatto era avvenuto intorno alle 18 di ieri a Ranzo, nell’entroterra imperiese.
All’origine dell’aggressione una lite per motivi passionali. La donna, che è stata malmenata, è riuscita a divincolarsi e a scappare da una vicina ma il compagno, prima di scappare verso il Savonese, in sella ad uno scooter rubato, ha infranto il vetro dell’auto della donna, portando via la borsetta, contenente anche il cellulare.
L’uomo è poi stato fermato ad Ortovero dai militari: dovrà rispondere di furto e lesioni. La donna, per fortuna, non è stata ferita in modo grave.

http://www.ivg.it/2014/08/picchia-e-accoltella-la-compagna-lei-fugge-e-lui-le-ruba-la-borsetta-in-manette-34enne-tunisino-di-ortovero/

Colombiano pluriomicida arrestato ad Imperia

I militari della Guardia di Finanza di Genova hanno arrestato ieri ad Imperia il colombiano Mancusi Hoyos Domenico Antonio, 49 Anni, capo paramilitare e narcotrafficante, ricercato nel suo paese di origine per omicidio aggravato (130 omicidi secondo fonti giudiziarie), associazione a delinquere, sovversione e banda armata.

Dopo una complessa attività di intelligence condotta dall’Interpol, il ricercato, anche grazie all’apporto assicurato da altri reparti del corpo, è stato individuato nell’imperiese ed è stato arrestato in forza di un ordine di cattura internazionale, a fini estradizionali, emesso dal tribunale della Colombia.
L’uomo era in Italia da circa due anni quando, nel mese di maggio di quest’anno, è stato emanato dalle autorità sudamericane l’ordine di carcerazione nei suoi confronti.

L’arresto è avvenuto ad opera di unità specializzate del corpo, normalmente impiegate nella lotta alla criminalità organizzata in Liguria e con l’ausilio di mezzi aerei (l’elicottero della Guardia di Finanza ha sorvolato la città di Imperia per molte ore, prima di atterrare nell’eliporto adiacente il parco urbano e ripartire dopo circa un’ora).
http://www.imperiapost.it/58131/narcotrafficante-colombiano-accusato-di-decine-di-omicidi-arrestato-a-imperia-dalla-guardia-di-finanza-di-genovai-dettagli

Uno dei tanti sud-americani venuti in Italia per fuggire alla galera, e per portare anche qui le bestiali usanze delle gangs di mestizos.
E’ l’immigrazione.

Pesta a sangue la moglie e quasi le stacca retina: fermato albanese


IMPERIAPOST
DIANO SAN PIETRO. PICCHIA A SANGUE LA MOGLIE, FERMATO
IMPERIAPOST
Diano San Pietro – Il Nucleo Radiomobile dei Carabinieri di Imperia ha fermato un trentenne albanese che questa mattina, nella sua abitazione di Diano San Pietro, ha malmenato violentemente sua moglie. A chiedere l’intervento dei militari sarebbe stata 
Picchia così violentemente la moglie che quasi le stacca la retina Riviera24.ittutte le notizie (2) »