Category: Catania

Scicli. Tunisino arrestato per rapina – Ondaiblea (Blog)


radiortm.it

Scicli. Tunisino arrestato per rapina
Ondaiblea (Blog)
Scicli, 26 dicembre 2013 – Nel pomeriggio del 24. dicembre i Carabinieri della Tenenza di Scicli, nel corso di un particolare servizio sul territorio dell'intera provincia per la prevenzione e repressione dei reati soprattutto di tipo predatorio nelle
Scicli. I Carabinieri arrestano un cittadino tunisino per rapina.radiortm.it
In 2 derubano giovani: uno viene arrestato, l´altro fuggeCorrierediRagusa.it
Arrestato un tunisino per rapinaTelenova Ragusa

tutte le notizie (5) »

Clandestini bloccano strada, sassaiola contro agenti: vogliono tredicesima di 500€

Circa 200 extracomunitari ospiti del Cara di Mineo, in provincia di Catania, hanno occupato questa mattina all’alba la strada statale Catania-Gela, bloccando il traffico. Per protestare contro il ritardo, dopo l’ottenimento dello status di asilo, nella consegna del denaro per poter partire. Tafferugli si sono verificati tra alcuni degli immigrati e la polizia all’ingresso dell’abitato di Palagonia. Da un gruppo di dimostranti è partita una sassaiola contro i mezzi delle forze dell’ordine, che hanno risposto con il lancio di lacrimogeni. Gli immigrati hanno scagliato grosse pietre anche contro alcuni giornalisti.

Nel Cara vivono circa 4.000 profughi clandestini, ma a protestare sono soltanto quelli ai quali è imposto l’obbligo di soggiorno, che sono approssimativamente 350. Tra i motivi del loro malcontento, anche il fatto di non aver ricevuto il pagamento dell’indennità di 500 euro prevista per la loro particolare condizione.
Nei giorni scorsi, uno dei profughi clandestini del Cara, un ragazzo di 21 anni, si era suicidato.

Problemi questa mattina anche al Cie di contrada Milo nel Catanese. Il ventenne senegalese Mass Ndiaye ha tentato la fuga ed è stato arrestato. Lo straniero aveva chiesto ai carabinieri di parlare con personale del Centro per motivi suoi personali, quindi ha cercato di imboccare uno dei corridoi che portano fuori ma è stato trattenuto dai militari e ha reagito colpendo uno di loro con un pugno in faccia. Ha poi impugnato uno strumento trasformato in rudimentale coltello ma è stato immobilizzato prima che potesse usarlo. Adesso è accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

http://www.si24.it/2013/12/19/i-migranti-del-cara-di-mineo-occupano-la-statale-chiedono-i-soldi-per-poter-andare-via/24227/

Non bastano loro 45€ al giorno, vogliono la ‘tredicesima’, o definitela come vi pare, ma la sostanza è questa. Di una cosa potete stare certi: non andrà in onda al Tg2.

Nicolosi, arrestato cittadino dell’Albania per immigrazione clandestina – CataniaToday

Nicolosi, arrestato cittadino dell'Albania per immigrazione clandestina
CataniaToday
I carabinieri di Nicolosi hanno arrestato un 29enne albanese, domiciliato a Nicolosi per immigrazione clandestina e inosservanza del decreto di espulsione. Ieri sera, l'uomo è stato fermato, durante un controllo alla circolazione stradale, mentre era

Operazione Maghreb 2013: altro arresto – Ondaiblea (Blog)

Operazione Maghreb 2013: altro arresto
Ondaiblea (Blog)
Ragusa, 14 novembre 2013 – Nel corso della giornata odierna è stato rintracciato e tratto in arresto Mahmoud Mohamed, nato in Tunisia nel 1966, raggiunto dall'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa da Giudice per le indagini preliminari del 

altro »

Rissa tra marocchini, un arresto per tentato omicidio


BlogSicilia.it (Blog)

un arresto per tentato omicidio
BlogSicilia.it (Blog)
Una lite per futili motivi o per questioni legate al mondo sommerso del lavoro nero. Sarebbero queste le cause dell’aggressione ad un marocchino avvenuta ieri ad Adrano, in provincia di Catania, che ha portato all’arresto di Abdelfattah Laaoiuna
Lite finisce nel sangue Un arresto per tentato omicidioLive Sicilia

tutte le notizie (3) »

Mineo, sommossa immigrati: sassaiola contro polizia, auto e bus distrutti, strada statale bloccata

Catania 22 ottobre 2013 – Sempre più delicata la situazione al Centro accoglienza richiedenti asilo di Mineo. Un’altra mattina all’insegna della protesta con alcuni immigrati che hanno lanciato pietre contro l’auto di servizio della polizia stradale di Caltagirone. Dalle prime ore di questa mattina, hanno bloccato la strada statale 417. Il motivo della protesta è sempre lo stesso: la lunga attesa per il riconoscimento della concessione dello status di rifugiato. Hanno anche assalito un’area di servizio, dove i lavoratori si sono asserragliati dentro il bar. Nel parcheggio del distributore di benzina sono stati distrutti i vetri di un’auto in sosta e di autobus di linea. “Questa volta ho avuto veramente paura, non era mai accaduto una cosa del genere”. Ha dichiarato Leonardo Silva, titolare della stazione di servizio presa d’assalto da una decina di migranti del Cara di Mineo. “Li abbiamo visti arrivare – ricostruisce – abbiamo visto che erano particolarmente arrabbiati. Abbiamo bloccato le pompe e ci siamo chiusi nel bar, abbassando la saracinesca. Diversi sono passati senza fermarsi, ma un gruppo con bastoni e pietre ha assalito un’auto posteggiata, distruggendo i finestrini”.

Nella stazione di servizio è anche entrato, per evitare i massi sulla strada, un bus di linea extraurbano. “Si sono scagliati contro il pullman dell’Ast – ricorda Silva – e hanno rotto qualche finestrino laterale. L’autista è ripartito subito”. Il gestore dell’area di servizio riconosce che “non è mai accaduta una cosa del genere”. “In passato – osserva – ci sono state proteste, ma la nostra stazione e’ sempre stata lasciata ‘tranquilla’. Adesso siamo seriamente preoccupati…”. Al momento non si registrano feriti. Già ieri sera c’ erano state tensioni all’interno della struttura che ospita circa 4mila migranti. A gruppi di 10-15 numerosi extracomunitari camminano sulla strada statale Catania-Gela, in entrambe le direzioni. Per precauzione è stato deciso il divieto di transito. Sul posto sono stati inviati rinforzi delle forze dell’ordine.

http://www.cataniatoday.it/cronaca/cara-mineo-protesta-22-ottobre-2013.html

 

Catania: centinaia di immigrati fuggono, situazione fuori controllo

Catania 13 ottobre 2013 – Migranti in fuga dal Palaspedini di Cibali. Sono centinaia di siriani arrivati 5 giorni fa dopo essere stati recuperati a 60 miglia dalle coste siracusane da un mercantile battente bandiera panamense, il ‘Begonia G.’. Tra loro anche 63 e 79 minorenni. Sono usciti dalla struttura, scavalcando cancelli e saltando da finestre e hanno chiesto ai passanti indicazioni per potere raggiungere la stazione ferroviaria. Il loro obiettivo è raggiungere paesi del Nord Europa.

http://www.cataniatoday.it/cronaca/palaspedini-cibali.-migranti-fuga