Ucraina “integrata” era in realtà un’assassina, arrestata

04-09-2013

Motta Visconti, 3 settembre 2013 – Ha ucciso, aiutata da due complici ancora in fuga, un anziano nel 2004. Lo aveva fatto per prendere possesso dell’appartamento di Odessa occupato dall’uomo. Una 58enne ucraina è stata arrestata dai carabinieri, a Motta Visconti. Alina B. era destinataria di un ordine di cattura internazionale emesso il 17 ottobre 2012 e ricercata dall’Interpol.La donna aveva cercato di fuggire in Italia con la figlia (che ora ha 33 anni) rifacendosi una vita con un nuovo lavoro e una nuova residenza a Besate. Una vita tranquilla fino a quando gli agenti dell’Interpol non sono risaliti a un indirizzo in Lombardia e dopo accertamenti dei carabinieri, è stata individuata in un appartamento di Motta Visconti.

http://www.ilgiorno.it/sudmilano/cronaca/2013/09/03/944207-Motta-Visconti-Omicidio.shtml

Quella che ai più doveva sembrare un’immigrata “integrata”.

Crimini Immigrati

RSS Feed Widget

Lascia un commento