Venditore di rose stupra ragazzina ritardata

27-11-2014

Venditore di rose stupra 17enne poi le ‘regala’ una Coca Cola: inchiodato

La prova sul Dna trovato sui suoi vestiti accusa l’ambulante:
l’aveva attirata nel suo garage con una scusa

PADOVA – Il 23 maggio, nel garage della sua abitazione, aveva abusato di una ragazzina di 17 anni affetta da un ritardo mentale di media gravità. Ancora in carcere a Verona, la posizione del venditore ambulante di fioriZahirul Zahirul di 40 anni, nato in Bangladesh, si è aggravata. La biologa Luciana Caenazzo, consulente tecnica per conto della Procura, ha dimostrato che sui pantaloni della minorenne c’era il Dna del bengalese. 

La ragazzina, residente nella Bassa padovana, ma ospite in quei giorni dei nonni, che risiedono in città, ha portato il cane a fare una passeggiata. Si è però allontanata dall’abitazione dei nonni che l’hanno persa di vista. Il bengalese l’ha adocchiata. Con un pretesto l’ha convinta a varcare la soglia del suo garage. Al riparo da occhi indiscreti ne avrebbe abusato. Una volta consumata la violenza, il quarantenne le ha fatto un doppio regalo. Le ha messo tra le mani un barattolo di Coca Cola e un mazzo di fiori. Quando l’hanno vista tornare con l’omaggio floreale i familiari si sono insospettiti. La ragazzina ha confermato che nel garage era accaduto qualcosa di brutto. I nonni non hanno esitato ad allertare la polizia. 

http://www.ilgazzettino.it/NORDEST/PADOVA/padova_venditore_fiori_stupro_17enne_inchiodato_dna/notizie/996927.shtml

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA

RSS Feed Widget

Lascia un commento