Un immigrato è ‘per sempre’: pestata a sangue

11-04-2014

In meno di ventiquattro ore l’ha afferrata al collo due volte, in due circostanze diverse, minacciandola di morte, prendendola a schiaffi e colpendola con un pugno sul naso. L’apice dopo quasi sei mesi di persecuzioni, appostamenti, pedinamenti al punto da costringerla a cambiare casa. La mattina del 7 aprile scorso i carabinieri di Faenza hanno arrestato un 37enne albanese accusato di stalking, rapina e lesioni personali ai danni dell’ex fidanzata 20enne.
Il primo intervento del nucleo operativo radiomobile (Norm) della compagnia manfreda, al comando del tenente Carmelo Carraffa, è avvenuto verso le 23.30 del 6 aprile. Nei pressi di un’abitazione nel centro storico di Faenza il 118 stava medicando una ragazza che riferiva di essere stata aggredita dall’ex fidanzato suo connazionale: dopo averla picchiata le aveva strappato la borsa contenente il telefonino cellulare, le chiavi dell’abitazione e altri effetti personali. La giovane è stata portata in ospedale dove ha trascorso la notte in osservazione. Il mattino successivo è stata dimessa con una prognosi di dodici giorni e quando è rientrata a casa con un’amica sulle scale si è trovata di fronte di nuovo il 37enne che si entra introdotto nella casa con le chiavi rapinate la notte precedente: l’uomo l’ha afferrata al collo minacciandola di morte prima di fuggire spaventato quando l’amica ha chiamato il 112. Da una fotografia mostrata dalla vittima sono partite le ricerche immediate dei militari. In piazza Martiri della Liberta l’hanno trovato: addosso aveva il telefono cellulare, le chiavi dell’appartamento e una cintura rapinati alla vittima la sera prima.
Persecuzioni e vessazioni erano cominciate a ottobre 2013 quando la giovane decise di interrompere la loro relazione sentimentale proprio per l’indole violenta dell’uomo. Da quel momento la ragazza ha allacciato una relazione con un nuovo compagno: l’ex l’aveva ripetutamente minacciata di morte qualora non fosse tornata con lui, appostandosi di continuo nei luoghi da lei frequentati e costringendola ad alterare le proprie abitudini di vita e addirittura a cambiare abitazione. Anche la sera del 6 aprile era stata aggredita subito dopo essere rientrata a casa con il fidanzato.
I carabinieri del Norm, vista l’evidenza dei fatti accaduti e valutando estremamente pericoloso e preoccupante per l’incolumità della donna il tipo di persecuzione messo in atto dallo stalker, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato. lo stesso naturalmente dovrà rispondere anche dei reati di rapina e lesioni personali per i fatti commessi la sera precedente. L’uomo è in carcere in attesa dell’interrogatorio di convalida. La vittima, così come previsto dalla vigente normativa, è stata messa in contatto con il centro antiviolenza Sos donna di Faenza per un sostegno psicologico.

http://www.ravennaedintorni.it/ravenna-notizie/41621/in-24-ore-minacciata-di-morte-due-volte-rapinata-e-picchiata-arrestato-l-ex.html

ARTICOLI CORRELATI

EVIDENZA, Ravenna

RSS Feed Widget

Lascia un commento