Uccide la moglie con un’accetta e poi decapita la figlia: arrestato

15-04-2015

PORDENONE- Un uomo di nazionalità marocchina ha ucciso la moglie e la figlia di 7 anni con un’accetta, e poi ha chiamato la polizia, che lo ha arrestato. Il fatto è accaduto attorno alle 3 di questa notte in un’abitazione di via San Vito a Pordenone. La famiglia protagonista della tragedia è composta da persone originarie del Marocco.L’uomo, immigrato regolare, era al momento disoccupato. I due litigavano da tempo.

LA DINAMICA
La donna è stata presa ad accettate e sul suo corpo ci sono vari fendenti di coltello.
La bambina è stata quasi decapitata.
Gli inquirenti arrivati sul posto hanno definito la scena all’interno dell’appartamento di San Vito una “mattanza”. Secondo una prima ricostruzione degli investigatori della Polizia, che si sono avvalsi della collaborazione del medico legale Lucio Bomben, l’uomo avrebbe dapprima ucciso la moglie e poi la piccola.
La donna sarebbe stata afferrata e spinta sul letto nella camera da letto matrimoniale, poi colpita con un’accetta per una decina di volte.
Subito dopo l’uomo è andato nella cameretta dove dormiva la bimba e l’ha sgozzata nel sonno utilizzando un coltello. Secondo quanto si è appreso come gesto di pietà nei confronti della figlia, l’assassino avrebbe preso un lenzuolo e con quello le avrebbe coperto il volto.

http://www.ilgazzettino.it/NORDEST/PORDENONE/marocchino_pordenone_uccide_moglie_figlia_accetta/notizie/1297376.shtml

ARTICOLI CORRELATI

Crimini Immigrati, Pordenone

RSS Feed Widget

Lascia un commento