Tag: umbria

TERNI: ALBANESE ARRESTATO PER FURTO – Terni in rete


Terni in rete

TERNI: ALBANESE ARRESTATO PER FURTO
Terni in rete
Si tratta di un 19enne albanese, un moldavo di 16 anni ed un bielorusso di 17, tutti con numerosi precedenti a loro carico. Perquisiti, indosso avevano gli abiti appena rubati, per un valore di circa 150 euro. Il 19enne è stato arrestato e i suoi amici
Terni, tentano di rubare abiti in un negozio: 19enne arrestato e due Terni Oggi
Terni, la polizia ferma tre baby-ladri di vestiti: manette per il più Umbria 24 News
Rubano vestiti, nei guai tre giovanissimiGiornale dell’Umbria
tuttoggi.info
tutte le notizie (5) »

Avevano ‘sete’: rubano 20.000 euro in bottiglie di vino


La Goccia

20.000 euro in bottiglie di vino rubate: arrestati tre romeni
La Goccia
Erano nascoste in alcune valige, all'interno di una vettura controllata nella zona di Moiano, da una pattuglia di Carabinieri di Paciano, centocinquanta bottiglie di vino per un valore di circa ventimila euro. I tre fermati, tutti romeni trentenni
Ladri sì, ma col palato fine: rubano 150 bottiglie di vino, valore La Nazione
Città della Pieve, rubano bottiglie di vino per oltre venti mila euro: tre Umbria 24 News

tutte le notizie (5) »

Terni, arrestato albanese spacciatore di eroina: adesso rischia l … – Umbria 24 News


Il Messaggero

Terni, arrestato albanese spacciatore di eroina: adesso rischia l
Umbria 24 News
Gli agenti della squadra mobile lo conoscono bene, visto che lo avevano già arrestato – nel giugno 2012 con oltre 15 grammi di stupefacenti ed identificato nell'ambito di un operazione antidroga svolta a Collestatte lo scorso novembre. E quando lo
Terni: fermato mentre spaccia eroina arrestato un albanese di 30 anniIl Messaggero
TERNI/ BORGO BOVIO: ARRESTATO SPACCIATORE ALBANESETerni Magazine
TERNI: QUESTURA, ARRESTATO SPACCIATORE ALBANESEAgenParl – Agenzia Parlamentare
Terni Oggi –tuttoggi.info –ANSA.it
tutte le notizie (7) »

Perugia: marocchino tenta di stuprare studentessa

Perugia, studentessa aggredita e ferita con con un coltello
Il Messaggero
Un marocchino di 30 anni è stato fermato dalla polizia di Perugia che lo ritiene responsabile di un tentativo di violenza sessuale ai danni di una studentessa venticinquenne ferita al braccio da una coltellata. L’episodio è avvenuto nella notte
Perugia, tenta di violentare una studentessa per strada Umbria 24 Newstutte le notizie (11) »

Nocera Umbra, rissa a bastonate tra tre giovani marocchini: tutti feriti … – Umbria 24 News


ANSA.it

Nocera Umbra, rissa a bastonate tra tre giovani marocchini: tutti feriti
Umbria 24 News
Si sono presi a bastonate, ferendosi l'un l'altro fino all'arrivo dei carabinieri che li hanno fatti curare e poi li hanno arrestati. E' successo domenica notte a Nocera Umbra, quando i carabinieri sono intervenuti a seguito di una violenta rissa
Tre arresti per rissa in strada a NoceraANSA.it
Bastonate per vecchie ruggini: rissa choc per le strade di NoceraIl Messaggero
Rissa a Nocera Umbra, tre arrestiLa Goccia
Corriere Nazionale –tuttoggi.info
tutte le notizie (7) »

Perugia: nuovi scontri tra spacciatori, è assedio

Perugia, 11 agosto 2013 – Un’altra rissa nel triangolo dello spaccio. Stavolta in Corso Garibaldi. E’ accaduto ieri notte, domenica, verso le 2. A chiamare i carabinieri alcuni residenti della zona svegliati dalle urla in strada. La gente ha segnalato persino un uomo che veniva trascinato da altre persone perché ferito. I militari al loro arrivo hanno trovato infatti numerose tracce di sangue, alcuni fazzolettini sporchi. Ma degli stranieri neanche l’ombra: si erano dileguati. E’ l’ennesimo episodio in quella zona.

Nel giro di poche ore infatti si sono scatenate numerose risse tra stranieri, con la polizia arrivata in massa, ma costretta ad andarsene a ‘mani vuote’ vista la furbizia e gli stratagemmi che questa gente mette in pratica. “Non vorrei essere ripetitivo e noioso – afferma Antonio, un commerciante della zona – ma venerdì noi commercianti abbiamo trascorso l’ennesima giornata di passione, conclusasi con l’ennesima rissa tra spacciatori a Piazza Grimana”. Tutto secondo Antonio, a cui si aggiunge anche la testimonianza di un altro commerciante, Giordano, succede intorno alle tre e mezzo del pomeriggio all’incrocio tra la piazza e Corso Garibaldi.

“E’ SCOPPIATA una mega rissa tra stranieri, erano almeno in 25 – raccontano -. Presi dal panico, noi e i turisti che assistevano increduli a questa scena, abbiamo chiamato la polizia che è arrivata prontamente con ben cinque volanti a sirene spente”. Antonio dice addirittura di aver visto uno degli spacciatori mettere le mani al collo di un poliziotto, mentre tutti gli altri tunisini ridevano e sventolavano i loro permessi di soggiorno, obblighi di dimora. “Ad un certo punto – affermano – ho visto una straniera che penso fosse la fidanzata o la moglie di uno di questi, scagliarsi contro un agente-donna per spintonarla affinchè lasciasse in pace il suo compagno… Poi alle 21, tanto per cambiare, ancora una rissa con gli stranieri che si sono dileguati prima che arrivassero le Volanti”.

LE DOMANDE che si fanno coloro che hanno un’attività economica o vivono in quella zona sono numerose:  “Perché dobbiamo sempre chiamare sempre noi le autorità quando c’è una telecamera ben funzionante proprio all’incrocio con Corso Garibaldi?”. Poi la solita amara considerazione. “La sera, quando andiamo ad abbassare le serrande non ci sentiamo più tranquilli, perchè queste ‘persone’ si permettono pure di minacciarci perchè abbiamo chiamato la polizia o i carabinieri. Molti di noi ormai rischiano. Non sono di Perugia – conclude Antonio -, ormai ci vivo da 14 anni, ho studiato, mi sono laureato, sto lavorando e sono grato a questa città di avermi ‘adottato’, ma se continua così non penso che rimarrà qualche attività che non sia collusa con ‘loro’ nella zona di Piazza Grimana”.

Perugia, beccati a rubare in un cantiere: arrestati due … – Umbria 24 News

Perugia, beccati a rubare in un cantiere: arrestati due
Umbria 24 News
Stavano tentando di forzare un container porta-attrezzi di un cantiere edile in via Cimarosa, San Sisto. E' così che due pluripregiudicati romeni sono stati arrestati dalla squadra volante della questura di Perugia. La chiamata Una chiamata al 113 ha

altro »

“Sono immigrato, non uso il biglietto”: sudamericano pesta controllore, denti rotti

Perugia 25 luglio 2013 – Sono le 7.40 di giovedì mattina, l’autobus della linea L di Umbria Mobilità partito da Montelaguardia arriva al capolinea di piazza Partigiani, a Perugia. A bordo un autista che come i suoi colleghi vive la difficilissima situazione dell’azienda e un controllore. Proprio a Montelaguardia è salito un ragazzo di circa 20 anni, sudamericano: indossa jeans e una maglietta bianca, sulle spalle ha uno zainetto e insieme a lui ci sono altri ragazzi. Uno di questi, con il biglietto in mano, viene controllato, scende e aspetta. Il controllore, 59 anni, chiede ad un altro di mostrare il biglietto che non ha e intanto si accorge che l’altro giovane a terra lo passa a quello a bordo. La multa scatta inevitabile.

Fra le mani il 59enne ha la tessera sanitaria del ragazzo, questo gliela chiede indietro ma serve per il verbale. Vista l’insistenza il controllore urla al collega autista di chiamare i carabinieri. E’ la molla che fa scattare i secondi di follia dentro l’autobus: il sudamericano spinge il controllore, che non cade, si avventa sui pantaloni per recuperare il documento tanto che questi si rompono fino al ginocchio. Il controllore, stavolta a terra, acciuffa il giovane per lo zaino e arriva il primo pugno in faccia ma al ventenne non basta per liberarsi, così arriva pure il secondo. Poi la fuga. A terra rimane il 59enne con ferite al volto e due denti rotti mentre ora, dopo la denuncia fatta ai carabinieri, è caccia all’aggressore.

Un giovedì che, secondo il racconto che il 59enne decide di fare a Umbria24, è di ordinaria follia per i pochi, pochissimi controllori chiamati a combattere, è il caso di dirlo, l’evasione sugli autobus di Umbria Mobilità: «Faccio questo lavoro da dieci anni – dice – e questa non è di certo la prima aggressione che subisco. Facciamo 15-16 verbali al giorno ma ogni settimana che passa diventa sempre più difficile». A dividersi la giornata sono solo quattro controllori: due la mattina e altrettanti il pomeriggio in un comune con la superficie tra le più grandi d’Italia. Dalle sette di sera non c’è più nessuno a controllare: «Da quell’ora in poi – continua – sanno che non ci siamo e sugli autobus si viaggia praticamente gratis. Così come la  domenica».

Un esempio: «L’altra sera – racconta – ho fatto un controllo per caso alle 8 di sera e sulla linea D ho trovato dodici persone senza biglietto. Dodici». E poi gli insulti e le minacce che fanno somigliare la giornata di lavoro ad un piccolo inferno: «Ci insultano – dice – ci prendono in giro, ci sputano. Qualche anno fa mi hanno buttato giù con l’autobus in corsa e mi hanno detto “conosciamo tuo figlio”, così non ho fatto nulla. Per fortuna che quella volta non ho battuto la testa». In altre occasioni dalle tasche dei controllati spuntano fuori le lame. «Una volta – ricorda – un ragazzo a cui ho chiesto il biglietto ha tirato fuori un coltello e mi ha detto: “Vuoi questo?”». Alle forze dell’ordine il 59enne fa un appello, chiedendo «maggiore supporto perché – conclude amaro –  il nostro è un lavoro rischiosissimo».

http://www.umbria24.it/perugia-il-controllore-picchiato-racconta-sputi-insulti-e-coltelli-e-dalle-7-di-sera-viaggiano-gratis/196694.html

Arrestati per furto tre albanesi – La Nazione


La Nazione

Arrestati per furto tre albanesi
La Nazione
Empoli, 25 luglio 2013 – Ieri, mercoledì24 luglio 2013, i Carabinieri della Stazione di Fucecchio, a conclusione di complesse indagini di Polizia Giudiziaria, hanno arrestato Taga Met albanese classe 1986, Kulla Saimir, albanese del 1985 e Kulla
Rapinarono in una villetta in Umbria, ma il giorno prima colpirono in gonews

tutte le notizie (2) »

Massacra la ex: era libero non ostante clandestino e recidivo


NON ERA LA PRIMA volta che la picchiava. Schiaffi, calci e spintoni, ancora una volta, all’ex convivente. Un incubo per la donna, che è stata finalmente liberata dalla polizia. Un tunisino di 35 anni senza fissa dimora, pregiudicato con svariati “alias” e precedenti specifici nei confronti della medesima vittima nonché per violazioni alle norme sugli stupefacenti , è  stato arrestato ieri all’interno del suo appartamento nella zona di Via del Macello.

IL FATTO. Ieri pomeriggio , verso le 17, è arrivata la richiesta di aiuto alla Sala Operativa della Questura, attraverso segnalazione telefonica al 113. Gli operatori della Squadra Mobile – Sezione Criminalità Diffusa, con estrema tempestività, dato che si trovavano in zona per accertamenti antidroga, hanno raggiunto l’appartamento  guidati dalle grida di una voce femminile e dai rumori che già si udivano dalla strada.

IL BLITZ. Gli agenti hanno constatato direttamente che era in corso un’aggressione e dopo una breve resistenza da parte dell’uomo presente in casa ad aprire la porta di accesso, sono riusciti ad entrare nell’appartamento, dove hanno trovato una donna in forte stato di agitazione a causa delle molestie e delle violenze subite. Intanrto l’’aggressore si è rifugiato all’interno della camera da letto, non avendo a disposizione altre possibili vie di fuga.
LA DONNA, trentacinquenne di origine colombiana, dopo essere stata medicata al Pronto Soccorso (le sarà data una prognosi di 7 giorni per le botte subite),  successivamente si recava in Questura per sporgere denuncia-querela. L’uomo è stato arrestato.

Aggressione in via del Macello: tunisino picchia la sua ex fidanzata Corriere dell’Umbria
Arrestato 35enne mentre picchia volta l’ex conviventeGiornale dell’Umbria

tutte le notizie (4) »