Tag: tricarico

90enne malata d’Alzheimer pestata dalla badante

BOLZANO. Immagini di una violenza inaudita quelle che nel quartiere Gries-San Quirino hanno incastrato una badante moldava di 54 anni. La donna, infatti, picchiava selvaggiamente l’anziana pensionata di 90 anni, affetta da demenza senile, per la quale lavorava da quattro anni. I maltrattamenti andavano avanti sicuramente da diversi mesi, ma solo ieri la polizia è riuscita ad arrestare la badante. Le mini camere installate in tutte le stanze dell’appartamento dimostrano come l’anziana venisse trattata in modo disumano, da chi in realtà avrebbe dovuto prendersi cura di lei. Venerdì mattina, alle 11, la situazione si fa insostenibile e gli agenti della Squadra Mobile, coordinati da Giuseppe Tricarico, devono intervenire. La moldava deve rispondere di maltrattamenti. Viveva insieme al compagno e al figlio nell’appartamento della donna e riceveva uno stipendio di 1.800 euro al mese.
Prima immagine. L’anziana fa fatica a mangiare. Mastica lentamente. La badante le siede accanto. Tiene in mano il cucchiaio. Poi succede qualcosa che è difficile da descrivere. La badante vuole che l’anziana si sbrighi. Le tappa il naso con una mano, mentre con l’altra le infila la zuppa in gola. La vittima quasi soffoca. Parte del cibo finisce sui vestiti. Inizia a piangere. Ma le lacrime non fermano la crudeltà della donna. Anzi, viene colpita con uno schiaffo al volto: «Sbrigati. Ti ho detto di mangiare. E stai zitta. Guarda che schifo che hai combinato».
Seconda immagine. L’anziana deve essere lavata. Oramai non è più in grado di farlo da sola. Ha bisogno di un’assistenza costante. La badante la prende per le braccia e poi la spinge con un calcio sulla sedia. Invece di accompagnarla alla toilette per farle un bagno, prende uno straccio bagnato e si limita a “pulire” un po’ la faccia e sotto le ascelle. L’anziana si lamenta. Si capisce che è sofferente. Arriva un altro schiaffo. Gli schiaffi, infatti, in questa casa non mancano. La badante ne fa molto uso, così come dei calci e degli insulti. La moldava fa alzare la novantenne, che pensa di poter tornare a letto. Ma la crudeltà della 54enne non ha limiti. Le dà una spinta per farla cadere. Ride. Si prende gioco di lei. Questa situazione va avanti per ore.
Terza immagine. È ora di pranzo. La badante porta l’anziana in salotto. La prende come se stesse sollevando un sacco di patate, che viene gettato sul divano. Accende la televisione e poi sparisce. La donna, di madrelingua tedesca, viene abbandonata così per diverse ore. La moldava è in cucina con il compagno italiano e il figlio 21enne (entrambi disoccupati). Poi esce e va a divertirsi. Torna nel cuore della notte. L’anziana è ancora seduta lì, dove l’aveva lasciata. E come avrebbe potuto allontanarsi, visto che non può camminare da sola. Per tutto il pomeriggio e tutta la sera ha pianto. Ma nessuno ha potuto aiutarla.
Quarta immagine. La badante dà da mangiare al pappagallo. Se ne prende cura come fosse un bambino. L’anziana è stata spinta su una sedia. È stata schiaffeggiata. È stata presa a calci. Adesso, per la crudele moldava, è il momento degli insulti. Parla al pappagallo: «Guarda quella vecchia. Vedi come si diventa quando passano gli anni? Ci si trasforma in pazzi e animali». In realtà, neanche le bestie tratterebbero quella povera anziana così come la tratta l’assistente moldava. Lunedì mattina, finalmente, i vicini di casa vanno in Procura. Dicono di sentire le urla e i lamenti dell’anziana. Dicono che ultimamente è trascurata. La polizia scoprirà di più. Scoprirà le vessazioni, i maltrattamenti, la violenza psicologica. Ora la vittima si trova in ospedale. Le sue condizioni psicologiche sono gravi.

http://altoadige.gelocal.it/cronaca/2013/07/06/news/anziana-picchiata-arrestata-la-badante-1.7380195

Data alle fiamme da immigrato romeno

BOLZANO  magg 2013 – Una bottiglia di alcol sul corpo e un fiammifero per darle fuoco. E’ stata questa la sorte toccata a una ragazza romena di 24 anni romena, punita così dal compagno che aveva deciso di lasciare per smettere di prostituirsi. A salvarla dal fuoco sono state alcune prostitute vicino alla stazione ferroviaria, che hanno sentito le urla. L’hanno trovata come una torcia umana e le hanno gettato addosso delle coperte. Quando è arrivata in ospedale, in condizioni gravissime, la ragazza ha parlato di un incidente, per la paura solo dopo è riuscita ad ammettere l’aggressione. Ha ustioni sul 30 per cento del corpo, ferite che s’infettano di continuo, e ha perso la vista da un occhio.

La vicenda risale a prima di Pasqua, ma la polizia l’ha tenuta nel riserbo per ragioni investigative. L’uomo è stato infatti individuato e condotto in carcere solo venerdì. E’ accusato di lesioni gravissime, tentato omicidio e sfruttamento della prostituzione. La Squadra mobile, coordinata da Giuseppe Tricarico, l’ha individuato perché aveva trovato un lavoro come stagionale e l’ha arrestato su ordinanza del sostituto procuratore di Bolzano Luisa Mosna. La ragazza era arrivata in Italia un anno fa per sfuggire alla miseria, con la promessa di vivere in casa di lui, che aveva riferito di lavorare. A Bolzano però si era ritrovata a ripararsi sotto ponti o in baracche, costretta alla prostituzione e picchiata, sempre controllata, gelosamente. Aveva quindi deciso di lasciarlo. Ma la sua reazione è stata violentissima.

“Il fuoco è stato appiccato ai vestiti che indossava, ma non ci sono elementi per parlare di acido gettato addosso”, ha precisato il capo della Squadra mobile, Giuseppe Tricarico smentendo le prime notizie che parlavano anche di un contenitore di acido che l’uomo le avrebbe gettato sul volto. “Si tratta di ustioni deturpanti al viso, al collo e alle spalle che riguardano il 30 per cento del corpo, causate dal fuoco appiccato agli abiti”. L’acido di cui qualcuno ha parlato invece non corrisponde a verità, anche se i segni che la donna ha riportato sono davvero importanti. Sarebbero stati provocati proprio per impedirle di proseguire a fare la prostituta”. Il dirigente parla di una vicenda di “forte degrado e specifica che non viene fornito il nome dell’uomo per non mettere a rischio la giovane di essere riconosciuta. Per questo i particolari della vicenda li conosce solo chi ha condotto direttamente le indagini. Del resto l’uomo in carcere è ancora da sentire”. “Si tratta – dice il capo della Mobile – di un senzatetto che aveva trovato un lavoro saltuario come bracciante e che avremmo dovuto sentire per l’interrogatorio di garanzia domani. Interrogatorio che ora è stato rimandato per le precarie condizioni di salute del romeno”.

http://www.repubblica.it/cronaca/2013/05/19/news/bolzano_prostituzione_ustione-59175478/

Irsina, i Carabinieri arrestano romeno colpito da mandato di arresto … – Millemedia

Irsina, i Carabinieri arrestano romeno colpito da mandato di arresto
Millemedia
Nel primo pomeriggio odierno, in Irsina (Mt), i Carabinieri della locale Stazione congiuntamente a personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tricarico (Mt) hanno tratto in arresto un 22enne di nazionalità romena, colpito da un

altro »