Tag: Risse

Agenti selvaggiamente aggrediti da marocchini

Quattro marocchini sorpresi dalla polizia municipale , in una roulotte in localita’ Montachiello, ( Pisa ), nella zona artigianale, mentre dormivano nella loro roulotte, hanno aggredito gli agenti, lussando la spalla ad uno di essi che ne avra’ per un mese. Tre dei quattro marocchini sono stati poi arrestati mentre un quarto e’ riuscito a fuggire. Gli stesso extracomunitari, pruripregiudicati, clandestini hanno poi continuato a dare in escandescenza nel carcere Don Bosco di Pisa. Il sindaco Filippeschi ha espresso solidarieta’ agli agenti selvaggiamente feriti, da quelle che possiamo definire tranquillamente definire belve. Crediamo che la situazione a Pisa, sia oggettivamente fuori controllo, con una presenza di clandestini magrebini, tutti puscher stimata in migliaia di unita’. Risse, spaccio, accoltellamenti, furti, scippi , rapine, Pisa ha paura, ed il governo, il ministro dell’ Interno, sono vivamente cercati dalla …Sciarelli a ” Chi l’ ha visto ? “

http://voxnews.info/2013/07/05/montachiello-pisa-selvaggia-aggressione-agli-agenti-della-polizia-municipale-di-pisa/

Cinghiate tra bande in via Sicilia Rissa nel bar . I residenti … – Il Messaggero

Cinghiate tra bande in via Sicilia Rissa nel bar . I residenti
Il Messaggero
Domenica notte, la rissa. L'ennesima maxi rissa a base di cinghiate e bottigliate, con un locale ancora tirato in ballo. Possono essere i gestori responsabili delle risse fra balordi che affollano la stazione? Spesso divisi in bande ed etnie rivali per

Lecce, scontri etnici in centro: afghani contro pakistani

LECCE 27 magg 2013 – La scena che s’è schiusa davanti agli occhi di sanitari del 118 e agenti delle volanti di polizia sembrava tratta da una pellicola ambientata nel Bronx dei rabbiosi anni Settanta. Giovani barcollanti di botte, profondi squarci nella pelle provocati da vetri taglienti, schizzi di sangue ovunque, sull’asfalto nudo. Giusto lo sfondo non era a stelle e strisce, ma quello in penombra di un amorfo spicchio di centro di Lecce: via Duca degli Abruzzi, palazzi moderni di fronte ai vicoli più nascosti del borgo antico. Non meno di quattro i feriti, due afghani e altrettanti pakistani. Uno dei contendenti, costretto a farsi suturare una ferita dietro all’orecchio sinistro nel reparto di chirurgia plastica. Troppo profonda perché potesse essere ricucita nel pronto soccorso del “Vito Fazzi”.

In questo crocevia fra la stazione ferroviaria e i primi locali della “movida”, le lamentele dei residenti non sono una novità. Schiamazzi, deiezioni negli angoli al riparo dei vicoli, risse, sono cronaca frequente degli ultimi anni. E pensare che la sede della questura è quasi dietro l’angolo, e non per modo di dire. Neanche questo serve da deterrente. Ben tre le volanti dirottate sul posto e addirittura quattro le ambulanze. Alcuni, al suono delle prime sirene, probabilmente si sono dileguati. Ed è quindi possibile che la mischia contasse in origine più partecipanti. Di certo, non sono facili le ricostruzioni. I poliziotti, prima di tutto, hanno dovuto soccorrere il giovane che in apparenza ne aveva più necessità. Si tratta di un 20enne originario dell’Afghanistan, che vive da circa un anno nel centro storico. L’ambulanza è partita alla volta dell’ospedale in codice giallo.

Come il 20enne sia finito nella rissa, non è chiaro: se istigatore, sfortunato paciere, vittima che ha cercato di difendersi. Tutto è da ricostruire, come anche il ruolo degli altri tre contusi, a loro volta in via d’identificazione in queste ore, le cui condizioni sembrerebbero meno gravi. Due sono finiti a loro volta al “Fazzi”, per farsi medicare, un altro è stato trasportato presso il nosocomio di Galatina.   E’ possibile che la rissa sia stata alimentata anche dai fumi dell’alcool. Nella via vi sono alcuni locali commerciali gestiti da cittadini extracomunitari frequentati fino all’ora di chiusura e non di rado, proprio qualche bicchiere di troppo, già in passato ha amplificato diverbi che magari si sarebbero potuti stroncare sul nascere con un po’ di buon senso, invece di degenerare nello scontro fisico. E stasera, anche con l’uso di armi improprie. Il 20enne ha subito un colpo violento con una bottiglia rotta ed ha perso molto sangue. Un po’ più giù, quel taglio, e ora ci si troverebbe davanti ad una tragedia.

I potenziali testimoni sono diversi, ma sono soprattutto le telecamere installate nella via e quelle di alcuni condomini che potrebbero aiutare la polizia a ricostruire meglio l’accaduto, attribuire più precise responsabilità, e magari individuare anche eventuali altri partecipanti alla furibonda zuffa riusciti a sgattaiolare via. Tutto questo, mentre diversi residenti già vociavano nella via, questa sera, contrariati dall’ennesimo fra i vari episodi (molti dei quali, raccontano, neanche finiscono nelle cronache). E mentre nel frattempo, per altri motivi, che riguardano sempre la vivibilità nel centro storico nelle ore notturne, altri cittadini si stanno già muovendo da settimane, con una campagna a tappeto che coinvolge le istituzioni locali, e che ha portato a un’intensificazione dei pattugliamenti, culminato anche con l’arresto da parte della polizia di alcuni presunti spacciatori. Intanto, accertati meglio i fatti, nella notte in tre sono stati tratti in arresto. Un quarto uomo è stato ritenuto estraneo ai fatti.

http://www.lecceprima.it/cronaca/lecce-rissa-via-duca-degli-abruzzi-27-maggio-2013.html

E’ la società multietnica: violenza, degrado e scontri tra etnie diverse. Come sono arretrati questi cittadini, non riescono ad apprezzare la modernità, non sono “avanti”.

 

 

Integrazione: Latina in balìa delle risse etniche

LATINA – Due risse notturne a distanza di appena una settimana. Dopo qualche mese di relativa tranquillità, la zona dei pub di Latina torna a vivere momenti di tensione per colpa di qualche cliente piuttosto agitato.
L’ultimo episodio nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 2,30. In via Cesare Battisti sono volati pugni e calci, ma quando sono arrivati i carabinieri i protagonisti dell’ennesima rissa erano già fuggiti, dileguandosi nel buio. Stando alle poche testimonianze raccolte, si sarebbero affrontati due gruppi di uomini, tutti più o meno sulla trentina. Forse in preda ai fumi dell’alcol, forse per qualche motivo banale, i due gruppi se le sono date di santa ragione, tra urla e schiamazzi in piena notte.

Solo una settimana prima un altro grave episodio di violenza, sempre in via Cesare Battisti nel cuore della zona dei locali notturni. In questo caso la rissa sarebbe scoppiata tra ventenni stranieri. Un giovane tunisino si è fatto medicare in ospedale mentre tutti gli altri sono riusciti a fuggire prima dell’arrivo della polizia.

Il copione è sempre lo stesso e i residenti ormai sono stanchi anche di denunciare quanto accade, sfiduciati dalle tante parole che non hanno portato a nulla di concreto. «E’ inutile – commenta amareggiato un abitante della zona dei pub – il Comune si continua a disinteressare di noi, della sicurezza di un quartiere intero e di una città intera visto che sono migliaia i giovani che vengono qui rischiando di essere coinvolti in episodi di violenza. Dove sono le telecamere di sicurezza promesse dal Comune? Dove sono le pattuglie che dovevano vigilare regolarmente nella zona? Nulla è stato fatto, a parte la Ztl gestita in modo piuttosto discutibile visto che molte auto entrano ed escono senza problemi». Questioni note ormai da anni, ma a quanto pare finite nel dimenticatoio.

Firenze: chiuso per violenze il circolo dei Sudamericani

Due risse in pochi giorni, il Questore ordina la chiusura del circolo
Il sito di Firenze
Dopo il grave episodio di domenica scorsa, quando la polizia arresto‘ 5 sudamericani coinvolti in una rissa scoppiata all’esterno di un circolo di Via delle Porte Nuove, il Questore di Firenze ne ha sospeso per 15 giorni l’efficacia dell’autorizzazione altro »

Disordini etnici a Milano: agenti feriti a coltellate

Pisapia: "nessun problema sicurezza"

MILANO – Due distinte e violente risse, che hanno coinvolto un numero elevato di persone, si sono verificate la scorsa notte a Milano. In uno dei due episodi sono rimasti feriti duecarabinieri. Lo ha comunicato il Comando provinciale dell’Arma. I due militari non sono gravi. Secondo quanto si è appreso i due militari feriti hanno riportato uno la frattura di un braccio e l’altro una coltellata non profonda a una gamba. I carabinieri del Nucleo radiomobile, intervenuti in forze, hanno arrestato in tutto 14 persone, prevalentemente nordafricani. I due episodi si sono verificati intorno all’una e alle 4, nella zona tra la Stazione Centrale e viale Monza.
http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_marzo_24/risse-carabinieri-feriti-nordafricani%20-212320355139.shtml
Le chiamano “risse”: sono disordini etnici in stile banlieus. Per gli agenti è tempo di sparare ad altezza uomo.

Rapina al Cocoricò: due marocchini arrestati – Romagna Noi


AltaRimini

Rapina al Cocoricò: due marocchini arrestati
Romagna Noi
Portati all'esterno dal personale della sicurezza, i cinque hanno proseguito fino all'arrivo dei Carabinieri. In considerazione dell'accaduto i carabinieri hanno restitutio il cellulare e arrestato per rapina aggravata in concorso due marocchini
Riccione: notte in disco tra risse, rapine e furti, tre…AltaRimini
Risse, rapine e furti: una notte di arresti al “Cocoricò”RiminiToday
Marocchini terribili. Furti di telefonini e rissa nella notte al CocoricòNews Rimini

tutte le notizie (4) »

Rissa tra tribù rivali: somala accoltellata al Cara di Mineo – BlogSicilia.it (Blog)


BlogSicilia.it (Blog)

Rissa tra tribù rivali: somala accoltellata al Cara di Mineo
BlogSicilia.it (Blog)
L'accoltellamento della venticinquenne africana è avvenuto a distanza di pochi giorni da svariate risse che hanno coinvolto altri somali e ripropone con forza la questione del sovraffollamento della struttura che ospita al momento quasi tre mila persone.
Romeo e Giulietta in salsa somala lei ospite del Cara viene La Sicilia

tutte le notizie (2) »

Il bar degli immigrati è pieno di spacciatori e delinquenti? Lo chiudono fino al 12-2 e poi?

«Troppi pregiudicati» tra i frequentatori
Chiuso fino al 12 febbraio un bar a Corsico
La decisione dopo le continue lamentele dei cittadini

MILANO – Troppi pregiudicati: con questa motivazione la Questura ha sospeso fino al 12 febbraio l’attività del bar El Dorado, in via Montello, a Corsico. Il locale era diventato da tempo un luogo di ritrovo per personaggi noti alle forze dell’ordine. Pregiudicati per rapine, furti, spaccio che si incontravano nel bar in uno dei quartieri popolari di Corsico. Continue le telefonate ai carabinieri da parte dei residenti della zona, svegliati da risse, schiamazzi e preoccupati dalla presenza di personaggi sospetti. Il provvedimento è stato notificato al gestore dai carabinieri che da alcuni mesi, insieme alla polizia locale, tenevano sotto controllo il locale, identificando le persone che lo frequentavano.

DISTURBO DELLA QUIETE – Sono così riusciti a raccogliere gli elementi necessari per far assumere dalla questura di Milano un provvedimento esemplare. «Avevamo chiesto – precisa l’assessore alla polizia locale Livio Colombo – un intervento che fosse anche un monito per altri locali pubblici cittadini. In quella zona, più volte ho avuto modo di confrontarmi con i residenti e con l’amministratore dello stabile. E la polizia locale, insieme ai carabinieri della stazione, è intervenuta diverse volte per identificare i clienti, soprattutto nelle ore pomeridiane e serali, quando maggiori erano le segnalazioni di disturbo della quiete pubblica. La chiusura dimostra che i controlli continui portano a risultati significativi. E non intendiamo fermarci qui». Il bar è gestito da ottobre da una persona di origine asiatica residente a Milano.

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_gennaio_31/corsico-bar-chiusura-pregiudicati-2113791729348.shtml

Risse "di fine anno" al campo nomadi di via Candoni – Abitare a Roma

Risse "di fine anno" al campo nomadi di via Candoni
Abitare a Roma
“Al campo nomadi attrezzato di via Candoni sono tornati gli scontri tra opposte fazioni". Dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del Municipio XV. Stavolta si tratta di risse di fine anno che hanno visto per tutta la giornata di ieri e per l

altro »