Tag: regolamento

Bergamo, furiosi scontri fra immigrati: uccisa dottoressa italiana

Bergamo 09 settembre 2013 – Far west ieri sera attorno alle 22.30 sull’ex provinciale 91 a Chiuduno. Una rissa, poi la strage: un indiano e un medico di 44 anni, di Trescore – la ginecologa Eleonora Cantamessa – sono stati falciati e uccisi dall’auto su cui c’erano tre, forse quattro immigrati, che prima avevano accoltellato l’indiano, lasciandolo gravemente ferito a terra.

Eleonora Cantamessa, la dottoressa uccisa

Eleonora Cantamessa, la dottoressa uccisa

Poi, mentre la dottoressa, che si era fermata per prestare soccorso, era china sul ferito, l’auto degli aggressori è tornata indietro, forse per «finire» l’indiano e ha falciato entrambi, schiantandosi contro altre auto, tra cui l’Audi A2 su cui c’erano due giovani che lavorano in un bar di Grumello e che stavano tornano a casa.

Secondo le ricostruzioni, pare che ci fosse anche una terza auto con a bordo altri indiani coinvolti in quello che dovrebbe essere stato un tragico regolamento di conti, e che quest’auto sia fuggita. Come sono fuggiti gli uomini che hanno ucciso l’indiano e la dottoressa, ginecologa alla clinica Sant’Anna di Brescia, con studio anche nel centro di Trescore. Ferito, gravemente, anche un giovane di Trescore: pure lui si era fermato per soccorrere l’accoltellato. In ospedale anche un amico di Eleonora Cantamessa che era sulla Golf con lei, tornando a casa dopo un aperitivo insieme. A terra anche il giovane indiano che guidava l’Audi su cui viaggiava anche l’amico ucciso. I feriti sono stati portati in ambulanza negli ospedali di Bergamo (Papa Giovanni e Humanitas Gavazzeni), Seriate, Chiari.

http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/393082_incidente/

E’ morta tragicamente, mentre prestava soccorso a un ferito in una rissa, ieri sera a Chiuduno (Bergamo),  un medico 44enne di Bergamo che lavora all’Ospedale S.Anna di Brescia e che passava con un amico. Un’auto con a bordo quattro connazionali del ferito, i suoi aggressori, ha falciato entrambi, forse con l’obiettivo di ‘finire’ l’indiano ferito a sprangate poco prima. Sul posto sono giunti anche il padre e il fratello della donna, disperati, e i carabinieri, che si occupano del caso.

E’ stato identificato l’uomo, uno straniero, che era alla guida dell’auto cha investito e ucciso la dottoressa e il cittadino indiano che la donna stava soccorrendo, hanno confermato i carabinieri. Con lui sono stati portati in caserma anche altri connazionali.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2013/09/09/Rissa-bergamasco-dottoressa-muore-mentre-soccorre-ferito_9268925.html

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2013/09/09/Rissa-Bergamasco-preso-investitore_9269312.html

Società multietnica: scontri a sciabolate tra zingari e bengalesi

Cittadinanza ai figli degli immigrati

Cittadinanza ai figli degli immigrati

MARGHERA. Rissa in strada tra venti persone ieri sera a Marghera: bastoni, spranghe e persino una sciabola. Una donna è rimasta ferita alle gambe, proprio per un colpo di arma da taglio. È accaduto attorno alle 22, quando molte persone erano appena uscite dalla proiezione del cinema all’aperto in piazza Mercato. Sono intervenute diverse pattuglie di polizia e carabinieri che sono riusciti a sedare la rissa. Alla fine sono stati arrestati quattro sinti appartenenti alla famiglia Hudorovic, mentre quattro stranieri sono stati denunciati.

Secondo una prima ricostruzione all’origine della rissa ci sarebbe un «regolamento di conti». Una settimana fa infatti i Sinti si sono presentati nella pasticceria gestita da un bengalese in via Stefani chiedendo una birra. Ma qualcosa è andato storto. Forse un’occhiata o una parola «sbagliata». Il titolare della pasticceria ha cacciato i clienti, che sono tornati dopo poche ore devastando una parte del locale. E minacciando il proprietari: «Se ci denunci sarà peggio per te».

Il bengalese non si è fatto intimidire ed è andato a denunciare l’accaduto. Gli Hudorovic sono tornati ieri sera con la volontà di «regolare i conti». Ma hanno dovuto vedersela con gli «amici» del titolare della pasticceria che non si sono fatti trovare impreparati. Ne è scaturita una rissa tra una ventina di persone in cui ad avere la peggio è stata una donna della famiglia di Sinti, ferita alle gambe.

 

Rissa con coltelli e sciabole a MargheraCorriere della Sera

Regolamento di conti in strada, maxi-rissa tra 20 persone in via Stefani

tutte le notizie (2) »

Assalto a colpi di roncola: se sei immigrato, magistrato ti assolve

VIADANA. Sono stati tutti assolti dall’accusa di rissa i sette immigrati, due indiani e cinque pakistani protagonisti del regolamento di conti a roncolate di martedì sera in via Argine Oglio a Viadana. Soltanto uno, Singh Suring Derjit, è stato condannato ad un anno per lesioni, ma la pena è stata sospesa. Il porto abusivo d’armi sarà invece trattato separatamente più avanti.
Sono tutti liberi, quindi. E il fatto non ha mancato di scatenare polemiche sia fra la cittadinanza che fra le diverse forze politiche. La Lega, in particolare, punta il dito verso le politiche sull’immigrazione dell’amministrazione, in particolare «sul regolamento di una consulta rimasta lettera morta e su mozioni simboliche senza costrutto, se non quello di aizzare sterili battaglie ideologiche».

La lite, molto accesa e nel corso della quale è stata usata anche una roncola, pare sia nata da futili motivi, probabilmente per un diverbio tra due donne, una pakistana e una indiana. Da lì una serie di scontri fisici molto concitati, che hanno spinto i vicini di casa delle due famiglie a chiamare i carabinieri.

I carabinieri si erano ritrovati davanti a una scena tutt’altro che rassicurante, con i sette che continuavano a darsele di santa ragione. Calci, pugni, urla e una roncola, attrezzo agricolo con la lama a forma di punto interrogativo che avrebbe potuto ferire gravemente qualcuno. Quattro di loro erano finiti in ospedale.

Notte di sangue con arresti e feriti – Brescia Oggi


BresciaToday

Notte di sangue con arresti e feriti
Brescia Oggi
Bastonate e coltellate, una violenta rissa tra immigrati ha movimentato la notte nelle vicinanze dell'oratorio di Costorio di Concesio. Duello all'arma bianca tra due gruppi rivali composti da pakistani, quattro residenti a Concesio, uno a Gardone
Rissa in strada con mazze e lame Regolamento di conti, 6 in manetteIl Giorno

tutte le notizie (7) »

Regolamento di conti tra cinesi finito in sangue: arrestato un 31enne – RiminiToday


RiminiToday

Regolamento di conti tra cinesi finito in sangue: arrestato un 31enne
RiminiToday
Un cinese di 31 anni, Jantang Lin, è stato arrestato dagli agenti dell'Ufficio Immigrazione della Questura di Rimini con l'accusa di omicidio volontario. All'origine del sanguinoso episodio ci sarebbe un regolamento di conti tra bande cinesi residenti
Uccise un connazionale, arrestato un cinese a RiminiNQ News
Ricercato per omicidio, rintracciato grazie alla domanda di sanatoriaNews Rimini
Omicida catturato grazie ad una pratica burocraticaRomagna Noi

tutte le notizie (5) »

Padova: Il Bronx in via Fra Eremitano,rissa con l’acido tra venti nigeriani


Mattino Padova

Il Bronx in via Fra Eremitano: rissa con l'acido tra venti nigeriani
Mattino Padova
Ancora una rissa tra immigrati africani. L'altra notte il regolamento di conti è stato in via Fra Eremitano e i contendenti sono arrivati al punto di lanciarsi addosso acido corrosivo: due sono finiti in ospedale con ustioni chimiche. L'allarme è

Roma multietnica: Nordafricano sgozzato da Gambiano

 Roma, nordafricano ucciso a coltellate
 Un cittadino nordafricano, ferito in
 modo grave a coltellate, al quartiere
 Pigneto a Roma, è morto poco dopo il
 ricovero all'ospedale San Giovanni.    

 L'uomo è stato sgozzato. I Carabinieri,
 che indagano sulla vicenda, ipotizzano
 un regolamento di conti per questioni
 legate allo spaccio di droga.          

 Fermato un 24enne del Gambia,fortemente
 indiziato dell'omicidio.
 http://www.televideo.rai.it/televideo/pub/notiziasolotesto.jsp?id=888854&pagina=801&sottopagina=7