Tag: posto

Profugo devasta il centro per disabili che lo ospitava

Il profugo devasta il centro disabili a Mantova

MANTOVA. Due euro e cinquanta: il pocket money, la paghetta giornaliera per i profughi. Diciassette e cinquanta ogni sette giorni, anche se i vertici della cooperativa sociale Isidora di Largo 1° Maggio agli Angeli di euro gliene sganciavano almeno venti a settimana. Evidentemente non gli sono bastati e il 31 dicembre quando l’emergenza profughi è scaduta portandosi via anche la diaria giornaliera si è trovato senza un euro in tasca. Un pasto e un letto garantiti grazie alla convenzione rinnovata tramite la prefettura, ma senza più soldi. Così ha visto il baratro davanti a sè e si è abbandonato alla disperazione, oltre che all’alcol. Ventinove anni, del Niger, ospite da mesi nella struttura della cooperativa a Curtatone in via Parri, è piombato come una furia alla trattoria Isidora agli Angeli, gestita dai soci disabili e dai volontari su iniziativa dell’associazione DonneExtrà. Lì, ha raccolto i sassi dal parcheggio e li ha scaraventati contro la vetrata del locale. Brandendo una scopa come arma ha finito per infrangere tutti i vetri, ha danneggiato il furgoncino per il trasporto dei bimbi disabili e ha rotto il parabrezza dell’auto della presidente della cooperativa, Monica Perugini. Lei è fuggita, mentre i soci e i volontari che ogni giorno lavorano nella trattoria si sono barricati dentro la cucina. Voleva altri soldi, nonostante gli avessero garantito un altro posto dove andare, la struttura di Buscoldo, dove in passato era già stato e dove aveva avuto un diverbio con altri migranti fuggiti dalla Libia. «Lì non voglio tornare – ha detto – mi prendono in giro e voglio altri soldi, datemeli e me li gestisco io». Niente da fare: ci hanno provato tutti a riportarlo alla ragione, ma la disperazione e l’alcol hanno avuto il sopravvento. E ad un certo punto è stato necessario far intervenire la forze dell’ordine. «Le abbiamo provate tutte – racconta Monica Perugini, sull’auto della quale è finita anche una mountain bike scagliata dal profugo – qualche giorno fa gli abbiamo proposto di gestire noi i 17,50 euro che gli davamo a settimana, in modo da creare un piccolo gruzzolo da utilizzare nel momento in cui sarebbe scaduta la convenzione, ma lui non ne voleva sapere». La trattoria Isidora ha subito danni per migliaia di euro. Con l’anno nuovo è chiusa per lavori di ristrutturazione (ampliamento e rifacimento del bagno) che dureranno un paio di mesi, ma ora ai soldi già accantonati per l’intervento occorrerà aggiungere anche quelli per riparare la vetrata, la porta e il furgoncino. «Non sappiamo che cosa gli abbia preso – raccontano la vicepresidente della cooperativa Aysha Dominelli e il cuoco Dino Carasi – in precedenza si era sempre comportato bene. Gli abbiamo sempre assicurato tutto quello che gli serviva per vivere in maniera decorosa e quando gli abbiamo comunicato che la convenzione con noi era scaduta e che doveva andare a Buscoldo è andato su tutte le furie». La polizia lo ha rintracciato poco distante dalla trattoria ancora su di giri e lo ha portato in questura. Qui è stato denunciato a piede libero e poi rilasciato.

«Ci dispiace tantissimo per quello che è successo – conclude la Perugini – ma noi con le scarse risorse che abbiamo non potevamo più ospitarlo nella nostra struttura, trovandogli comunque un’alternativa tra la Caritas e Buscoldo. Ora ci restano tutti i danni da pagare e per questo lanciamo un appello alla popolazione. Chi vuole darci una mano può rivolgersi alla Cassa Padana, filiale di Curtatone presso la quale abbiamo aperto un conto corrente».

Link : http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2013/01/03/news/profugo-devasta-la-trattoria-dei-disabili-1.6291972

Due fermi a carico di due cittadini rumeni diretti in Slovenia

Due cittadini rumeni, F.P. di anni 33 e .F.M. di anni 20, sono incappati ieri in minuziosi controlli che era stati predisposti dalla locale Questura in tutta la provincia finalizzati al contrasto dei reati predatori. In particolare i due sono stati bloccati dal personale del Commissariato di Duino-Aurisina mentre transitavano, a bordo di un vecchio furgone con targa bulgara, sul raccordo autostradale in direzione della Slovenia. A bordo è stata rinvenuta un’ingente refurtiva che, così come accertato, era il provento di un furto perpetrato il giorno di Natale in Lombardia nei confronti di una ditta che opera nel settore delle pulizie.

All’interno del mezzo vi erano diversi computer, attrezzi di lavoro, due biciclette ed altro materiale di provenienza sospetta di cui i due rumeni non erano in grado di giustificare la provenienza.

Le modalità del furto erano state particolarmente invasive; i ladri avevano, infatti, divelto una cassaforte a muro, messo fuori uso l’impianto di allarme e il sistema di videosorveglianza rubando anche un furgone e un’autovettura le cui chiavi erano custodite all’interno dell’azienda. Le due biciclette erano, invece, state rubate da un negozio di Milano.

I due rumeni sono stati associati presso la locale Casa circondariale, mentre il furgone sul quale viaggiavano è stato posto sotto sequestro unitamente alla refurtiva.

I controlli effettuati ieri, che hanno visto impegnati più di quaranta operatori, hanno consentito, inoltre, di identificare una cinquantina di automobilisti e una trentina di mezzi.

[Categoria: I fatti del giorno]

Pubblicato il: 10 January 2013 Documenti Link

Rubano, danneggiano la stazione ferroviaria e aggrediscono i carabinieri: arrestati tre marocchini

Fornaci di Barga (LU) – Comando Provinciale di Lucca – 09/01/2013 Ore 15:40 I Carabinieri della Compagnia di Castelnuovo di Garfagnana, hanno arrestato tre cittadini marocchini, già conosciuti alle Forze dell’ ordine. I predetti, nel tardo pomeriggio di ieri a Fornaci di Barga, hanno rubato tre giacconi esposti al pubblico all’esterno di un negozio per il periodo dei saldi, allontanandosi velocemente verso la stazione ferroviaria. Grazie alla segnalazione di alcuni cittadini, la Centrale Operativa della Compagnia di Castelnuovo ha inviato sul posto una pattuglia dell’aliquota Radiomobile e quella della Stazione di Camporgiano che si trovava in zona per un altro servizio. Alla vista dei militari, i tre extracomunitari, che nel frattempo erano giunti alla stazione ferroviaria di Fornaci, hanno cercato di sottrarsi al controllo insultando e aggredendo i carabinieri con calci e pugni. I tre giovani, hanno quindi infranto il vetro di una porta nella sala di attesa della stazione al fine di procurarsi delle ferite e simulare un’aggressione. Grazie all’intervento di altri militari della Stazione carabinieri di Fornaci di Barga i tre sono stati bloccati e arrestati. I reati contestati, per i quali si svolgerà nella mattinata odierna il rito direttissimo davanti al Tribunale di Lucca, sono quelli di furto aggravato, danneggiamento aggravato, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni personali.

Firenze: 86enne picchiata e rapinata da due Africani

Il Renzi ha altri "impegni"

Gettata a terra e scippata della borsa da due nordafricani che si sono dati alla fuga a piedi. La vittima dello scippo, avvenuto ieri intorno alle 16,30 in via del Palazzo Bruciato a Firenze, è una donna di 86 anni: soccorsa da alcuni passanti e da personale del 118, è stata portata all’ospedale di Careggi dove l’hanno giudicata guaribile in 25 giorni per trauma cranico, lussazione di una spalla e escoriazioni alla testa e agli arti.

Sull’episodio indaga la polizia. Secondo quanto riferito, nella borsa che le è stata portata via l’anziana aveva un telefono cellulare, 40 euro in contanti e i documenti. Ad avvisare gli agenti è stato un nipote della donna, residente nella zona, che si è recato sul posto dopo essere stato avvisato da alcuni passanti.

http://voxnews.info/2013/01/09/rapina-violenta-a-firenze/

Immigrato violento non paga il biglietto del bus, agenti lo arrestano

Si è scatenato il caos ieri mattina, poco prima delle 10, in via Roma a Treviso: un nordafricano, pizzicato senza biglietto mentre viaggiava su un bus dell’Actt, è stato costretto a scendere.

Ma della multa non voleva nemmeno sentir parlare: è stato necessario quindi chiamare la polizia locale. Una volta visti gli agenti lo straniero ha dato in escandescenza, ribellandosi. Inutili i tentativi di identificarlo o portarlo in caserma. L’uomo ha reagito con forza contestando le accuse e l’atteggiamento dei vigili. A quiel punto sono intervenuti altri 5 agenti, nel parapiglia l’uomo- che gli agenti tentavano di chiudere nel furgone – pare abbia anche spaccato un vetro del mezzo dei vigili urbani costringendo gli agenti a farlo scendere. Lì, ancora scontro, spinte e grida sotto gli occhi dei passanti, atterriti.

Sul posto è arrivata una terza pattuglia a sirene spiegate e i vigili sono diventati cinque. L’uomo è stato atterrato e arrestato come si vede nel video. Ammanettato, è stato portato in caserma.

Il servizio nell’edizione de La Tribuna in edicola mercoledì 9 gennaio.

Ladri nella notte nella villa dell’imprenditore: arrestati in due – PrimaDaNoi.it

Ladri nella notte nella villa dell'imprenditore: arrestati in due
PrimaDaNoi.it
I due ladri hanno tentato la fuga mentre l'imprenditore ha subito allertato i carabinieri che giunti sul posto hanno inseguito e arrestato i ladri. L'accusa per i due arrestati in flagranza di reato è di tentato furto in abitazione in concorso e

altro »

Rissa in un locale di via Emilia immigrata aggredisce gli agenti – La Repubblica Parma.it

Rissa in un locale di via Emilia donna aggredisce gli agenti
La Repubblica Parma.it
La donna aveva partecipato a una rissa scoppiata nel locale, probabilmente a causa dell’abuso di alcolici. La zuffa aveva richiesto l’intervento di una squadra Volanti, arrivata sul posto alle 5. Fuori dal locale gli agenti hanno visto la giovane  

Muore in bordello cinese

Muore nel centro massaggi cinese

Vittima un 55enne dell’entroterra. I carabinieri sul posto: salma a disposizione del giudice per l’autopsia

Pesaro, 15 agosto 2012 – Lo hanno trovato morto, all’interno di un centro estetico di massaggi gestito da cinesi, ieri pomeriggio, in via degli Abeti, intorno alle ore 17. Solo l’autopsia potrà chiarire le cause del decesso di un 55enne residente in un Comune dell’entroterra, che ieri pomeriggio era venuto appunto a Pesaro per sottoporsi a un trattamento di massaggi in quel centro.

Quando l’ambulanza del Potes è giunta sul posto per l’uomo non c’era più nulla da fare. Una prima sommaria diagnosi indica un infarto, ma la salma è a disposizione del giudice per l’autopsia. Sul posto anche i carabinieri di Pesaro, che stanno facendo accertamenti. Non è chiaro ancora se l’uomo soffrisse di patologie che potevano fare prevedere quell’esito fatale, e al vaglio dei militari c’è anche il materiale — medicine o simili — trovato nella stanza in cui è avvenuto il decesso. Risulta al momento che l’uomo fosse in pantaloncini quando è avvenuto il decesso. Sarà ovviamente sentita anche la persona che gli stava eseguendo il massaggio.

http://www.ilrestodelcarlino.it/pesaro/provincia/2012/08/15/758737-muore-centro-massaggi-cinese.shtml

Maltrattamenti e stalking: 52enne arrestato dai carabinieri sul posto … – Riviera24.it


Riviera24.it

Maltrattamenti e stalking: 52enne arrestato dai carabinieri sul posto
Riviera24.it
Un uomo di 52 anni, Hamid benatia, nato in Algeria, ma da anni ormai abitante a Poggio di Sanremo, è stato arrestato dai carabinieri con le accuse di maltrattamenti in famiglia e stalking nei confronti della moglie italiana. Oggi, davanti al giudice
Sanremo: stalking sull'ex compagna, 52enne algerino condannato Sanremonews

tutte le notizie (2) »

Rissa tra “vu’ cumprà” per il posto: bastonate e lancio di pietre in mezzo ai passanti

FIRENZE, 13 LUG – Rissa tra venditori abusivi immigrati nel parcheggio di un supermercato in viale Talenti, a Firenze, dove ieri mattina intorno alle 11 alcuni nordafricani si sono affrontati con pietre e bastoni per contendersi il posto.
All’arrivo della polizia, avvisata da alcuni clienti, si sono dati alla fuga: due di loro, un nigeriano di 27 anni e un senegalese di 18, sono stati bloccati nelle vicinanze e denunciati.

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/toscana/2012/07/13/Rissa-abusivi-posto-vendita_7183146.html