Tag: pochi passi

‘Operaio’ marocchino trovato con un chilo e mezzo di droga in garage

Operaio trovato con un chilo e mezzo di droga in garage
http://tribunatreviso.gelocal.it/
Quello strano via vai vicino al suo appartamento, che si trova a pochi passi dall’ospedale Ca’ Foncello, la convinzione che, nonostante un arresto a curriculum, il giovane marocchino non avesse abbandonato il “giro” della droga. Giovedì è scattato il  

Roma: zingare derubano turisti, ai domiciliari nel campo nomadi comunale!

ROMA 22 settembre 2013 – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, nel corso di un normale servizio, hanno arrestato una 28enne, zingara, nata in Francia, ma domiciliata presso il campo nomadi di via Pontina, già nota alle forze dell’ordine con l’accusa di furto con strappo in concorso e denunciato per lo stesso reato un 13enne, ‘nomade’ proveniente dallo stesso campo nomadi. I due ieri mattina in via del Teatro Marcello, a pochi passi dal Campidoglio, nell’asportare il portafogli ad una turista, della Corea del Sud, in Italia per turismo, sono stati sorpresi da quest’ultima ed inseguiti, con la collaborazione della guida turistica. I militari in transito in via del teatro Marcello, notata la scena, sono intervenuti immediatamente riuscendo a bloccare la nomade nel momento in cui stava per consegnare il portafogli al 13enne. Portati in caserma sono stati successivamente riaccompagnati presso il campo nomadi dove solo la 28enne è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari, in attesa di essere sottoposta al rito direttissimo mentre, il minorenne non imputabile, è stato segnalato al Tribunale per i Minorenni di Roma.

http://www.mnews.it/2013/09/turista-e-guida-turistica-inseguono.html

Svuotacarceri all'opera

Svuotacarceri all’opera

Sono arrivati i nomadi, ma se ne andranno presto – Varese News


Varese News

Sono arrivati i nomadi, ma se ne andranno presto
Varese News
I nomadi sono arrivati a Bodio Lomnago. Nel piccolo centro affacciato sul lago di Varese non si parla d'altro: in via Acquadro, nel parcheggio a pochi passi dal pontile con vista mondiali di canottaggio, dalla pista ciclabile, da ville prestigiose e da

altro »

Vicenza: nordafricani seminano terrore, sangue e feriti

VICENZA 31 agosto 2013 –  Prima le provocazioni, poi gli spintoni, i pugni e i coltelli. Torna la paura in viale Milano, dove ieri a tarda ora una rissa tra cinque nordafricani è finita nel sangue. Teatro dell’episodio il Bar Gioia, a un centinaio di metri da Campo Marzo, invaso dalle giostre e dai bambini, e a pochi passi di distanza dal futuro ufficio dell’assessorato alla sicurezza del Comune.

Sindaco di Vicenza festeggia la rielezione, i Vicentini sono soddisfatti del degrado.

Sindaco di Vicenza festeggia la rielezione, i Vicentini sono soddisfatti del degrado.

Tutto accade poco prima delle 22. I cinque nordafricani sono seduti all’interno del bar. Chiacchierano, ridono e discutono. La situazione, secondo quanto raccontano i testimoni, improvvisamente inizia a scaldarsi. I cinque escono dal bar, si spintonano ma è solo l’inizio. Poco dopo, schiaffi e pugni: la rissa si sposta nuovamente all’interno del locale. Qui uno dei cinque tira fuori un coltello e colpisce al braccio un compagno. I titolari del bar cercano di dividerli ma non c’è niente da fare. Vengono coinvolti anche loro; nel frattempo qualcuno tenta di scappare all’esterno del locale. Ma non riesce ad andare troppo distante. Ancora una volta un nordafricano sfodera un coltello e colpisce con decisione il connazionale, scaraventandolo su un furgone parcheggiato in via Firenze. 

I titolari del bar Gioia chiamano la polizia. In via Milano arriva anche l’ambulanza del San Bortolo ma in quattro riescono a darsi alla fuga. Solo un nordafricano viene trovato fuori dal locale; ha una ferita lieve al braccio e viene trasportato al pronto soccorso. Ma non è finita. Poco dopo un’altra telefonata al Suem: un uomo barcolla sanguinante in via Gorizia con un taglio profondo alla coscia e uno alla guancia. Ancora una volta l’ambulanza torna dalle parti di Campo Marzo e porta il giovane nordafricano in ospedale. 

Fonte: ilgiornaledivicenza.it

Milano: romene accendono falò in piazza Duomo e picchiano carabinieri

Milano 27 agosto 2013 – Due romene di 28 e 29 anni sono state arrestate dai carabinieri, a Milano, per danneggiamento, violenza e resistenza dopo aver acceso un falò all’interno della Loggia dei Mercanti, a pochi passi da piazza Duomo. Le due donne, visibilmente ubriache, attorno alle 23 di lunedì 26 agosto hanno dato fuoco a un ammasso di cartoni e abiti, provocando delle fiamme che hanno in parte annerito il soffitto della Loggia. Alla vista dei militari, inoltre, hanno reagito con violenza. La 28enne ha precedenti per furto.

http://www.milanotoday.it/cronaca/incendio-piazza-mercanti-arrestate.html

 

Oristano, furto nella casa del parroco Nella banda di nomadi anche … – L’Unione Sarda


L’Unione Sarda

Oristano, furto nella casa del parroco Nella banda di nomadi anche
L’Unione Sarda
Approfittando della celebrazione della messa domenicale, tre ragazzi nomadi hanno preso di mira la casa parrocchiale. Hanno forzato una finestra e in pochi secondi sono entrati indisturbati nell'abitazione a pochi passi dalla chiesa. Hanno rovistato un

Nella banda di nomadi anche un 14enne – L’Unione Sarda


L’Unione Sarda

Nella banda di nomadi anche un 14enne
L’Unione Sarda
Approfittando della celebrazione della messa domenicale, tre ragazzi nomadi hanno preso di mira la casa parrocchiale. Hanno forzato una finestra e in pochi secondi sono entrati indisturbati nell'abitazione a pochi passi dalla chiesa. Hanno rovistato un

altro »

Immigrato brandisce coltello, rapina 77enne e minaccia passanti

CITTADELLA. Passeggia lungo via Palladio a Cittadella e viene aggredita da un giovane che le strappa due catenine d’oro; due giovani cercano di bloccare il malvivente e si ritrovano un coltello puntato contro.

Il violento scippo è accaduto verso le 13 di ieri a pochi passi dal centro. La vittima è una cittadellese di 77 anni. Camminava con il fratello, quando è stata avvicinata da un extracomunitario che, con un gesto deciso, le ha sottratto le due catenine che aveva addosso.

La casalinga, colta decisamente alla sprovvista, non ha avuto il tempo di reagire. Il fratello ha fatto il possibile per cercare di difendere la donna, ma nella foga è inciampato procurandosi alcune abrasioni, per le quali comunque non è stato necessario ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Ad assistere alla scena c’erano due testimoni che, di fronte alla violenza subita dall’anziana, si sono messi a rincorrere in auto il malvivente, cercando di raggiungerlo. Il delinquente, che nel frattempo aveva recuperato una bici, si è garantito la fuga puntando contro di loro un coltello. Il fatto è stato denunciato ai carabinieri di Cittadella.

http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2013/06/23/news/dopo-lo-scippo-la-fuga-brandendo-il-coltello-1.7309551

Zingare aggrediscono suora: faceva la spesa per loro!

NUORO, 28 MAGGIO 2013 – Siamo a Nuoro. In via Manzoni. Quando un’anziana suora è stata aggredita e spintonata da tre ragazze rom. La religiosa, tra le altre cose, una volta alla settimana si occupava di fare la spesa proprio per i rom. Un episodio che lascia veramente l’amaro in bocca.

I tre la conoscevano veramente molto bene ma non avrebbero esitato ad aggredirla: solo grazie alla testimonianza di un passante la suora facente parte della casa d’accoglienza San Giuseppe di Nuoro, è riuscita a trovare protezione e poi le tre ragazze sono scappate via.

Secondo una prima ricostruzione, la povera anziana religiosa stava rientrando nella struttura affaticata dal peso delle buste della spesa, quando a pochi passi dall’ex mercato civico, un gruppetto di ragazze rom, tre per l’esattezza, le sono andate incontro. Una di loro, sigaretta in mano, e teneva anche un neonato all’interno del marsupio, si sarebbe avvicinata con fare minaccioso. Inizialmente l’avrebbe spintonata e poi con la complicità dell’amica la suora sarebbe stata insultata; mentre una terza componente del gruppetto cercava di toglierle il velo.

Però solo grazie all’intervento di un passante che ha assistito alla tragica scena ha permesso alla religiosa di arrivare in piena sicurezza alla struttura dove alloggia.

http://www.infooggi.it/articolo/nuoro-anziana-suora-aggredita-verbalmente-e-fisicamente-da-tre-ragazze-rom/43240/

Lecce, nigeriano ricomincia a perseguitare gli automobilisti

LECCE 13 mag 2013 – Non contento, ci ha riprovato ancora. Fino a questo pomeriggio, quando gli agenti delle volanti lo hanno fermato e arrestato. Moritz Ifeanyi Ehiejilikwe, nigeriano di 24 anni, è finito in manette intorno alle 18, 30, mentre si trovava, ancora una volta, in viale Gallipoli dove, all’incrocio con viale Oronzo Quarta, all’altezza di un bar, stava tentando di fermare i conducenti, per farsi consegnare loro del denaro. Con nonchalance. A pochi passi dalla sede della questura.

Fermato già lo scorso 8 aprile , mentre si aggirava nei pressi dello stesso semaforo, il 25enne era stato colto sul fatto mentre minacciava una donna al volante, impedendole di camminare e consigliandole di non passare più da quella zona, altrimenti avrebbe già saputo “come fargliela pagare”. Bloccato dalla sezione volanti con l’accusa di lesioni, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, fu anche sanzionato per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità e per non osservare alcune disposizioni contenute nell’ordinanza sindacale che vieta l’accattonaggio in prossimità dei semafori.

Davanti alla reiterazione del reato, e alle numerose segnalazioni giunte alla questura leccese, gli agenti hanno provato ad esortarlo di seguirli presso gli uffici. Ma il ragazzo ha tentato di allontanarsi, inveendo contro i poliziotti e opponendo ancora una volta resistenza per sfuggire ai controlli fino a quando sono scattate le manette, come stabilito dal magistrato di turno che ne ha disposto l’arresto.

http://www.lecceprima.it/cronaca/arresto-nigeriano-viale-stazione-lecce-13-maggio-2013.html