Tag: pene

Torna in carcere il rom dell’omicidio Fadani, cumulo di pene mentre … – abruzzo24ore.tv


abruzzo24ore.tv

Torna in carcere il rom dell'omicidio Fadani, cumulo di pene mentre
abruzzo24ore.tv
Ieri, i carabinieri della stazione di Alba Adriatica (Teramo) hanno arrestato Sante Spinelli, 34 anni, il rom coinvolto nell'omicidio Fadani, avvenuto a novembre del 2009. Spinelli stava scontando agli arresti domiciliari la sentenza di secondo grado
Alba Adriatica, arrestato il rom specializzato nei furti in abitazioneCityRumors.it

tutte le notizie (9) »

Ad Albenga esiste un giudice: 10 anni ad algerino spacciatore

Albenga 18 luglio 2013. Dieci anni e dieci mesi di reclusione, oltre a 50 mila euro di multa. E’ questa la maxi condanna inflitta questa mattina in tribunale a Rihad Maroufi, 39 anni, algerino, che doveva rispondere dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo era finito in manette lo scorso 13 giugno durante un blitz del Nucleo Operativo e Radiomobile dei carabinieri della Compagnia di Albenga nell’ex sede dell’Ortofrutticola, in via Dalmazia.

I militari avevano fatto irruzione nella struttura, da tempo utilizzata come bivacco clandestino, per identificare eventuali clandestini e lì avevano trovato Maroufi ed altri tre connazionali. Secondo quanto gli veniva contestato, all’arrivo dei militari, l’algerino aveva gettato da una finestra qualcosa. L’oggetto misterioso si era poi rivelato un calzino contenente 22 grammi di eroina suddivisa in 57 dosi pronte da smerciare. Per Maroufi, già arrestato nel 2008 per reati simili e da poco tempo fuori dal carcere, era così scattato l’arresto. I carabinieri nella stanza dove alloggiava avevano trovato anche, nascosti all’interno di un tubo, 700 euro ritenuti provente dell’attività illecita.

L’algerino era poi finito a giudizio per direttissima: in aula, assistito dall’avvocato Nazareno Siccardi, si era difeso con decisione. L’uomo aveva negato che lo stupefacente fosse il suo e di essersene disfatto all’arrivo dei militari. Una tesi sostenuta anche dal difensore: “In quella stanza c’erano quattro persone, non c’è la prova che la droga fosse del mio assistito. E’ improbabile poi che chi l’ha gettata dalla finestra lo abbia fatto davanti ai carabinieri visto che, per poter entrare nell’edificio, hanno impiegato alcuni minuti e gli occupanti si erano accorti del loro arrivo”. All’imputato sono anche state inflitte una serie di pene accessorie: l’interdizione (perpetua dai pubblici uffici e lagale) e l’espulsione dal territorio italiano.

http://www.ivg.it/2013/07/maxi-condanna-per-algerino-arrestato-durante-blitz-nellortofrutticola-10-anni-e-10-mesi-di-reclusione-per-spaccio/

Evade le tasse ma difende il rom assassino (e ci denuncia) – il Giornale (Blog)

Evade le tasse ma difende il rom assassino (e ci denuncia)
il Giornale (Blog)
Ricordate? Un giovane rom senza patente alla guida di un suv investì volontariamente e uccise un vigile urbano di Milano. Era il 12 gennaio del 2012. Poche settimane fa il ragazzo è stato condannato a 15 anni di reclusione, una pene lieve se paragonata

Compra merce: Africano la perseguita per mesi

Un extracomunitario residente a Cagliari è stato arrestato per stalking nei confronti di una donna di Sanluri. L’ha perseguitata per mesi.

Luisa Mattana, 57 anni, per mesi ha subito le molestie di Daouda Pene, 30 anni, residente a Cagliari. Il giovane la chiamava in continuazione al telefono, di giorno e di notte e le chiedeva soldi. Tutto era iniziato da quando lei aveva acquistato della merce.
Il giovane da allora l’avrebbe sottoposta anche a pedinamenti sul tragitto che percorreva per andare da casa alla farmacia in cui lavorava. Alcuni giorni fa la violenta reazione: la donna è stata aggredita e ha riportato anche diverse lesioni.
L’extracomunitario è stato quindi arrestato. Sarà processato col rito direttissimo il prossimo 19 aprile.

L’articolo completo sull’Unione Sarda in edicola è firmato da Santina Ravì.

http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/311685

La prossima volta ci penserà, prima di acquistare merce, magari contraffatta, da un immigrato.

OPERAZIONE “CAUCASO”. SENTENZA PER I COMPONENTI DI … – MNews.IT


MNews.IT

OPERAZIONE “CAUCASO”. SENTENZA PER I COMPONENTI DI
MNews.IT
Cinque cittadini georgiani e un ucraino, che vennero arrestati a novembre del 2011 dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati a seguito di una laboriosa attività d'indagine, sono stati condannati a pene che vanno dai 4 agli 8 anni di

altro »

Marocchino si masturba all’Oratorio: ha già precedenti

Riccardi si complimenta con il 'migrante'

LUCCA, 5 marzo – Erano da poco passate le 17 ieri sera quando in centro storico nei pressi di Porta San Pietro l’attenzione di una pattuglia della Polizia è stata attirata dal comportamento di un ragazzo. Incredibilmente il giovane, un marocchino di 28 anni che è stato visto dagli agenti ancora col pene fuori dai pantaloni, si stava masturbando dietro l’Oratorio della Madonnina di Porta San Pietro, dove ha sede il coro di S.Cecilia della Cattedrale di Lucca. Svolti gli accertamenti sul suo conto è emerso che a suo carico pendevano già precedenti furto, rapina impropria e rissa. Adesso al suo curriculum si aggiunge anche una denuncia per atti osceni in luogo pubblico con tanto di foglio di via da Lucca.

http://www.loschermo.it/articoli/view/50950

Foglio di via? Ridicolo.