Tag: nuca

Padova assediata: emergenza rapine ad anziane

PADOVA – Ancora un’anziana aggredita con violenza. Ieri sera poco dopo le 19 una donna di 75 anni è stata presa a pugni alla nuca da uno straniero che poi è fuggito, strappandole di dosso la collana. La donna è stata soccorsa sul posto dal personale del 118 e portata in ospedale, non è in pericolo di vita.

Soltanto tre settimane fa, sempre di sabato, si era verificata un altra rapina ai danni di una signora anziana in pieno centro. Una donna di 78 anni poco dopo le 22 in piazzetta Conciapelli era stata strattonata e spinta con violenza contro un muro, sotto i portici, da due immigrati che le avevano rubato la borsetta prima di fuggire.

http://voxnews.info/2013/06/16/padova-ennesima-aggressione-in-centro/

La procura ha altri impegni. E anche il sindaco part-time.

Roma, evadono dal carcere e prendono a martellate uno xenofilo

Sono evasi dall’istituto penale minorile di Casal del Marmo dopo aver colpito un volontario alla testa con un martello, ma sono stati bloccati poco dopo dalla polizia penitenziaria con l’aiuto di un carabiniere fuori dal servizio. A tentare la fuga sono stati due giovani romeni, entrambi maggiorenni (negli istituti penali minorili sono presenti detenuti fino a 21 anni di età). I due sono stati arrestati per evasione e lesioni, ma l’accusa potrebbe aggravarsi per tentato omicidio dopo il referto medico del volontario ferito. La vittima ha perso conoscenza per diversi minuti ed è poi rinvenuto nel pronto soccorso dell’ospedale San Filippo Neri. Ha riportato un trauma cranico alla nuca e una profonda ferita al volto, sotto lo zigomo.I due giovani romeni sono scappati intorno alle 12, mentre erano impegnati all’interno del carcere in un’attività rieducativa: dopo aver ferito alla testa il volontario con un martello, hanno scavalcato un muro. Gli evasi sono stati bloccati in due diversi momenti nei pressi della stazione Monte Mario, poco distante dal luogo della fuga. Probabilmente, erano intenzionati a salire su un treno. Decisivo ai fini dell’arresto, l’aiuto di un carabiniere in borghese che si trovava sul posto.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/01/29/news/evadono_da_carcere_minorile_presi-51528886/

Il “volontario” avrà imparato la lezione? La xenofilia può portare anche alla morte.

Massacro Capello: è stato un Romeno

Svolta nell’omicidio di Michael Capello, il giovane accoltellato lo scorso 11 dicembre nel suo appartamento di Caselle Torinese. In serata i carabinieri hanno fermato Ciprian Prihoanca, romeno di 24 anni, arrestato pochi giorni dopo il delitto per il possesso di 80 grammi di droga. Ancora non chiarito il movente del delitto. La vittima colpita con 55 coltellate.
Le manette sono scattate dopo il lungo interrogatorio in procura nel corso del quale è stato sentito anche l’ex convivente romeno della vittima. Quest’ultimo, indagato quale atto dovuto per consentire agli investigatori di svolgere gli accertamenti del caso, sarebbe estraneo al delitto. Prihoanca, già sottoposto all’obbligo di firma per reati contro il patrimonio e per spaccio di stupefacenti, era noto a Caselle, dove è avvenuto il delitto, per il suo carattere violento.

Alcuni degli amici della vittima, carrozziere che aveva 22 anni, lo avevano indicato tra i principali sospettati. Ora è accusato di avergli inferto 55 coltellate, le prime delle quali alla nuca, probabilmente dopo averlo sorpreso nel sonno, tra l’1 e le 4 della notte dell’11 dicembre.

La mattina successiva, la sorella della vittima, lo ha trovato in casa. La porta era chiusa dall’interno e non c’era alcun segno di effrazione, segno che l’assassino era conosciuto dalla vittima oppure che era in possesso delle chiavi.

Le indagini si erano concentrate fin da subito sull’ex convivente, un panettiere, e sull’amico comune, Prihoanca, che proprio nel corso dei controlli per l’omicidio era stato sorpreso con la droga e per questo arrestato. Entrambi erano stati indagati quale atto dovuto. Prihoanca si è sempre difeso sostenendo che la notte dell’omicidio si trovava in casa col padre.

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/piemonte/articoli/1076185/caselle-torinese-risolto-il-caso-del-22enne-massacrato-in-casa-arrestato-un-romeno.shtml