Tag: Matrimonio

Pesta la moglie perché incinta di femmina: condannato con ‘calma’, ora è latitante

Picchia la moglie perché incinta di una Femmina: condannato ma non si trova

E’ stato condannato ad un anno e mezzo di carcere il siriano che picchiava la moglie perché “rimaneva incinta di sole femmine”. Adesso bisogna trovarlo. E’ latitante. Auguri.

Nel 2001 il matrimonio: una ragazza italiana sposa Hulmi S.. Tutto sembrava potesse andare per il meglio. Ma il matrimonio si è trasformato rapidamente in un inferno per la ragazza costretta a subire vessazioni continue e persistenti da parte dell’uomo. La donna, che ha avuto due bambine dall’uomo, è stata insultata e maltrattata anche per non aver partorito un figlio maschio.

Durante il processo la donna ha raccontato che il marito “non voleva una femmina perché sarebbe stata una poco di buono come me… una merdaccia”. Dopo che la prima figlia muore ancora neonata, a causa di una malformazione, la donna rimane incinta di un’altra bambina. E l’uomo riprende a picchiare la donna.

Un giorno, durante una delle tanti liti, l’uomo ha detto alla donna: “Io sono dio, anche se arrivano i carabinieri non possono farmi nulla”. A quel ponto la donna lo lascia, fa la denuncia e torana a vivere dai genitori. L’ex marito non si dà per vinto e minaccia di dare fuoco a lei e ai suoi genitori.

Poi, d’improvviso, l’uomo torna in Siria. E ora non si trova.

 

Potrebbe interessarti:http://www.milanotoday.it/cronaca/picchia-donna-incinta-femmina.html

Fugge da tunisino: la pestava e faceva mangiare in ciotola cane perché impura

Parmigiana scappa dal marito tunisino: la costringeva a mangiare nella ciotola del cane

Ha subito violenze ed umiliazioni per anni ma alla fine una ragazza parmigiana di 35 anni è riuscita a fuggire dall’incubo durato anni. Il marito, un tunisino di 45 anni, dopo il matrimonio l’ha tenuta in una condizione di sottomissione estrema, costringendola anche a mangiare nella ciotola del cane.

Dopo il trasferimento a Tunisi è iniziato l’incubo. Secondo quanto ricostruito dall’associazione Stop Femminicidi alla quale la donna si è rivolta in cerca di aiuto, il marito l’ha costretta in più occasioni ad avere rapporti sessuali con altri uomini e ad ospitare nella loro casa le sue amanti. Una condizione che la donna ha subito per molto tempo ma dalla quale ha avuto il coraggio di uscire. Un turbinio di violenza che ha reso la 35enne non in grado di reagire. Un marito padrone che la soggiogava continuamente e non la lasciava uscire di casa. “

Potrebbe interessarti: http://www.parmatoday.it/cronaca/parmigiana-scappa-dal-marito-tunisino-la-costringeva-a-mangiare-nella-ciotola-del-cane.html

“Questo matrimonio non s’ha da fare!”: blitz dei carabinieri durante … – OnTuscia.it

“Questo matrimonio non s'ha da fare!”: blitz dei carabinieri durante
OnTuscia.it
SUTRI – (m) I carabinieri della compagnia di Ronciglione, a termine di attività d'indagine iniziata nel mese di ottobre, hanno tratto in arresto 3 persone, di cui 2 di nazionalità marocchina, autori di tentata circonvenzione di persona incapace

altro »

Rissa al matrimonio: 200 immigrati distruggono tutto. Tra loro il calciatore Omolade

Tipici "festeggiamenti" africani

Rissa al matrimonio: 200 invitati al ricevimento nuziale distruggono

PALERMO – Mega rissa tra Africani in quello che doveva essere un matrimonio e, nelle migliori tradizioni “migranti”, si è trasformato in un inferno di botte con tre commensali in manette. E’ accaduto a Palermo dove duecento invitati a un ricevimento nuziale hanno
Rissa al ricevimento nuziale,3 arrestatiANSA.it
Rissa al banchetto di nozze agli arresti tre nigerianiLa Repubblica
Rissa fra nigeriani alla cena nuziale, arrestati i calciatori Omolade e Giornale di Sicilia
PalermoToday –AgrigentoWeb.it –PPN – Prima Pagina News
tutte le notizie (16) »