Tag: marsala

Rissa a Marsala, arrestati sei romeni L’accusa: tentato omicidio – Live Sicilia


Si24 – Il mondo visto da Palermo

Rissa a Marsala, arrestati sei romeni L'accusa: tentato omicidio
Live Sicilia
MARSALA (TRAPANI) – Sei romeni sono stati arrestati dai carabinieri di Marsala per tentato omicidio in concorso e porto illegale di arma da taglio. Secondo l'accusa, sono i protagonisti di una rissa avvenuta la sera di Natale in contrada Pastorella.
Marsala, in manette sei romeni per rissaSi24 – Il mondo visto da Palermo

tutte le notizie (3) »

Marocchino minaccia inquilini con l’ascia: ai domiciliari nello stesso palazzo!

L’episodio che aveva scosso l’intero quartiere intorno alle case Aler di via Marsala 64, risale al primo pomeriggio del 26 luglio. La lite era iniziata nei garage tra il 38enne italiano e il maggiore dei fratelli marocchini. Inizialmente erano volati calci e pugni. A quel punto erano intervenuti il padre dell’italiano, di 64 anni, e il fratello dell’altro, 26enne. Quest’ultimo brandendo un’ascia aveva colpito alla gamba il trentottenne. A quel punto era iniziata la fuga del ferito e l’inseguimento a piedi degli altri. L’italiano 64enne aveva invece in mano una sprangacon la quale aveva colpito il ventiseienne alla testa lasciandolo in un lago di sangue. Prima che arrivassero i carabinieri, nel parcheggio davanti alla scuola Collodi, il marocchino ha cercato di disfarsi dell’ascia, gettandola nel cortile, mentre l’anziano correva in casa a prendere una pistola scacciacani per finire l’opera. Ma lì era stato arrestato insieme agli altri.

feriti erano stati soccorsi e portati in ospedale. I carabinieri inizialmente avevano contestato il tentato omicidio per l’uomo armato di ascia e le lesioni gravissime per gli altru, ma alla fine il reato contestato è stato quello di rissa aggravata. Tre dei protagonisti della vicenda erano rimasti in carcere alcune settimane e poi inviati ai domiciliari. Proprio in quella casa dove le vecchie ruggini sono maturate in tanti anni e dove adesso rimarranno per un bel po’.

Negli stessi appartamenti, a piani diversi di quel palazzo di via Marsala dove lo scorso 26 luglio era scoppiata una rissa a colpi di ascia. I giudici hanno ridotto a rissa un episodio di violenza inaudita, dettata da vecchi rancori tra vicini e che  

Le spaccano la testa a bottigliate: folle aggressione a Roma

Quattro rapinatori sono stati arrestati dai Carabinieri, in due distinte operazioni: i primi due, di nazionalita’ indiana di 34 e 36 anni, nella Capitale senza fissa dimora e pregiudicati, sono stati sorpresi dai Carabinieri della Stazione Roma Macao in via Marsala, nei pressi della Stazione Termini, mentre stavano prendendo a bottigliate una ragazza romana di 23 anni per derubarla del telefono cellulare. Gli indiani sono stati immediatamente bloccati e ammanettati. La vittima ha riportato lesioni giudicate guaribili in 7 giorni dal personale sanitario del Policlinico Umberto I.
Gli altri due rapinatori, invece, sono stati fermati dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro sul Lungotevere della Farnesina. Si tratta di due cittadini romeni di 23 e 45 anni, anche questi nella Capitale senza fissa dimora, che sono stati “pizzicati” dai militari mentre stavano malmenando due turisti allo scopo di impossessarsi dei loro portafogli. I 4 rapinatori sono stati portati in caserma in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

Roma, rissa in via Marsala: identificate – Il Messaggero

Roma, rissa in via Marsala: identificate
Il Messaggero
ROMA – Identificati e fermati dalla Polizia altri due cittadini stranieri che la sera del 15 maggio avevano partecipato ad una rissa in via Marsala. In quella circostanza un cittadino butanese, in seguito ad una lite poi degenerata in vera e propria

altro »

Violenta rissa vicino alla stazione Termini un ferito grave, fermate … – Il Messaggero


Cinque Quotidiano

Violenta rissa vicino alla stazione Termini un ferito grave, fermate
Il Messaggero
E' il bilancio di una violenta rissa avvenuta verso le 19,30 in via Marsala, a Termini. Tre cittadini stranieri sono venuti alle mani dopo un'animata discussione. A un certo punto è spuntato un coltello e sono volati fendenti tra i passanti
Termini, rissa tra immigrati per una birra – Cinque GiorniCinque Quotidiano

tutte le notizie (4) »

Violenta rissa tra immigrati vicino alla stazione Termini un ferito grave

Violenta rissa vicino alla stazione Termini un ferito grave, fermati tre
Il Messaggero
E’ il bilancio di una violenta rissa avvenuta verso le 19,30 in via Marsala, a Termini. Tre cittadini stranieri sono venuti alle mani dopo un’animata discussione. A un certo punto è spuntato un coltello e sono volati fendenti tra i passanti

altro »

Marsala, rapina in villa: ora i criminali italiani hanno manodopera a disposizione


BlogSicilia.it (Blog)
Marsala, rapina in villa dell’ex sindaco. Arrestate altre due persone
BlogSicilia.it (Blog)
I carabinieri, infatti, hanno arrestato gli ultimi due componenti del commando che lo scorso 22 marzo fecero irruzione nell’abitazione in localita’ Bonacerami, sequestrando per qualche ora il custode dell’immobile, un immigrato da tempo alle dipendenze altro »

Spaccio, un arresto – Live Sicilia

Spaccio, un arresto
Live Sicilia
MARSALA- Un algerino, Said Ibrahim, è stato arrestato nelle campagne di Marsala dalla sezione di pg della Forestale presso la Procura di Trapani per detenzione ai fini di spaccio di 40 grammi di cocaina. Lo stupefacente è stato scoperto nell'abitazione

altro »

Marsala: tunisino tenta di stuprarla nei bagni della stazione

Marsala, 16/04/2013 – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marsala, dopo un’incessante ed ininterrotta attività investigativa, hanno proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti di HAJ Hassine Assine, 30enne tunisino senza fissa dimora, accusato di aver provato ad abusare di una ragazza palermitana poco più che maggiorenne, che si trovava per un breve soggiorno nel centro lilybetano.

HAJ Hassine Assine, immigrato a caccia di donne bianche

Nella prima mattinata di ieri stava, infatti, aspettando alla Stazione FS di Marsala il pullman che l’avrebbe riportata a casa quando, mentre era seduta su una panchina, il malintenzionato l’ha avvicinata ed ha cercato un primo approccio, provando ad intavolare una discussione ed offrendole un caffè; la ragazza, però, sin dal primo momento rifiutava ogni tipo di contatto, non prestando attenzione a quanto le veniva detto ed anzi allontanandosi per recarsi presso i vicini servizi igienici. Una volta arrivata lì, si chiudeva nella toilette, quando all’improvviso sentiva qualcuno aprire la porta d’ingresso del locale dei bagni e successivamente bussare a quella all’interno del quale si trovava; a questo punto, pensando che fosse qualcuno che aveva bisogno di una mano, con circospezione apriva la porta ma si trovava di fronte il soggetto nordafricano che poco prima aveva tentato di avvicinarla. Quest’ultimo, dunque, sbarrandole con il proprio corpo l’unica eventuale via di fuga, la aggrediva spingendola contro il muro e cercando di violentarla. Il sangue freddo della ragazza, però, le permetteva di reagire a tale atteggiamento violento, riuscendo a divincolarsi ed a far desistere dal proprio intento libidinoso il soggetto, che si dava ad una precipitosa fuga. In lacrime, allora, chiedeva aiuto e subito dopo giungeva sul posto una gazzella dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Marsala e l’ambulanza del 118, allertata dai militari della Centrale Operativa.

Immediatamente, quindi, grazie ai particolari circa la fisionomia e gli abiti indossati dall’aggressore, forniti dalla vittima e da alcuni testimoni oculari, iniziavano le ricerche del soggetto che veniva fermato poco distante da militari in borghese del Nucleo Operativo, che dopo averlo individuato ed essersi qualificati, lo bloccavano interrompendo sul nascere un ulteriore tentativo di fuga e portandolo in caserma per gli accertamenti del caso. Dopo aver, allora, ascoltato la dettagliata ricostruzione dei fatti raccontata dalla vittima, sentita in ospedale anche con l’ausilio di personale femminile, rilevati a carico di HAJ Hassine Assine gravi indizi di colpevolezza circa l’evento delittuoso e costatando altresì un reale pericolo di fuga, poichè non risultava avere fissa dimora, i Carabinieri lo hanno dichiarato in stato di fermo di indiziato di delitto. Per il tunisino si sono, di conseguenza, aperte le porte del carcere di S. Giuliano in attesa della convalida del fermo prevista nei prossimi giorni. 

http://www.marsala.it/cronaca/item/67843-marsala-tentata-violenza-sessuale-alla-stazione-ferroviaria-arrestato-laggressore.html

 

In carcere algerino – TrapaniOk


TrapaniOk

In carcere algerino
TrapaniOk
Dopo il primo arresto effettuato dalla Stazione di S. Filippo per il reato di evasione da una comunità terapeutica di Marsala, dove era ospite agli arresti domiciliari per aver commesso reati in materia di armi e stupefacenti, l'Autorità Giudiziaria

altro »