Tag: mamme e bambini

Il Romeno che ha travolto mamme e bambini di nuovo libero?

AOSTA – L’istinto di una madre. Con il cuore che quasi non batteva più dall’ansia Elisabetta ha preso da terra il suo bambino e lì, in mezzo alla strada e al freddo, ha cominciato ad allattarlo. Il piccolo si è attaccato al seno, segno che aveva voglia di vivere. Un minuto prima dormiva tranquillo nella carrozzina, poi lo schianto, il volo, e quel fagottino sull’asfalto che non si muoveva né piangeva più. «La macchina è arrivata a velocità folle e ci ha preso in pieno» racconta sua madre davanti alla porta della divisione di Neurochirurgia dell’ospedale Regina Margherita di Torino. Il bimbetto è ricoverato lì: ha un ematoma alla testa che aveva fatto temere il peggio, un braccino e il femore rotti. Ma i medici dicono che se la caverà e se la caverà la bambina di Caterina che è l’altra mamma investita dalla vecchia Audi A3 di Marius Pohrib, romeno, 21 anni, un lavoro da metalmeccanico all’acciaieria Cogne.

FUORI DI TESTA – Giovedì pomeriggio, nel centro di Aosta, Marius li ha centrati tutti e quattro come fossero birilli, ha tranciato di netto la parte d’acciaio delle due carrozzine, ha fatto volare per qualche metro i piccoli e le loro mamme e si è schiantato contro un muretto. «L’ho visto scendere e ho capito subito che non era un tipo a posto – ricorda Elisabetta -, aveva gli occhi da uno fuori di testa e se ci penso… è mancato poco che ci ammazzasse tutti e quattro. Io voglio che sia fatta giustizia per il mio bambino perché non trovo giusto che a persone come queste venga consentito di andare in giro ad ammazzare la gente». Dice tutto d’un fiato, Elisabetta, stretta nella sua felpa rosa dalla quale spunta un collare ortopedico. 27 anni, maestra elementare, se ne sta accanto al marito che non dice una parola e prova a tornare alla scena dell’incidente. «Io mi sono precipitata verso il mio bambino, questo lo ricordo bene. E ricordo il rumore del botto e la gente vicino a me venuta ad aiutarmi».
LA RAPINA – Lei e Caterina sono amiche recenti. Si sono conosciute in ospedale e i loro figli sono nati a un giorno di distanza l’una dall’altro, due mesi fa. Giovedì erano state assieme alla Fiera di Sant’Orso, artigiani di ogni genere e grado in esposizione per la mille-e-tredicesima volta in città. Quel ragazzo, Marius, dice di aver perduto il controllo della sua Audi per recuperare un pacchetto di sigarette cadute vicine ai pedali. E dice che ogni tanto fuma hashish. Ma non è né per l’incidente né per gli spinelli che da due giorni è in carcere. E venerdì c’è voluta tutta la pazienza del procuratore capo Marilinda Mineccia per spiegare a una selva di telecamere e blocchetti d’appunti come mai Marius è stato fermato per rapina soltanto dopo l’incidente. Dopo e non quattro giorni prima, quando si è presentato in Procura per confessare di aver partecipato a una rapina in tabaccheria. Incensurato, con un lavoro fisso e dei genitori in grado (erano convinti) di farlo rigare dritto. Aveva ammesso tutto, si era detto pentito, aveva collaborato per rintracciare i complici e non c’era pericolo di fuga: davanti a tutto questo la Procura aveva deciso di escludere il carcere.

PERICOLO DI FUGA – E pazienza se era chiaro a tutti che fosse andato a costituirsi perché il giorno prima la squadra mobile (che lo aveva identificato per la rapina) aveva perquisito casa sua trovando una pistola giocattolo senza il tappino rosso. Probabilmente ha giocato d’anticipo proprio per evitare l’arresto ma la faccenda della rapina non poteva non riemergere adesso, dopo lo schianto. Perché ora sì, è diventato un «pericolo sociale», date «le concrete attuali modalità del suo comportamento» e «la grave condotta tenuta a breve distanza dalla commissione dell’altrettanto grave fatto». E adesso c’è anche il pericolo di fuga visto il «tentativo di linciaggio di alcune persone presenti al momento dell’incidente» (l’ha salvato la polizia, ndr). «Io sono scioccato» dice di tutto questo Maurizio, il marito di Caterina e papà della bimba investita (dimessa venerdì sera).

http://www.corriere.it/cronache/13_febbraio_02/voglio-giustizia-per-il-mio-bambino-fasano_c07868dc-6d03-11e2-8cda-116f437864e3.shtml

Intanto, dopo avere rapinato una tabaccheria – e chissà quante altre – e avere travolto mamme e bambini, il Romeno è ancora libero.

Secondo altre fonti, l’immigrato dovrebbe trovarsi ancora – momentaneamente – in carcere. Il solito avvocato ne chiede la scarcerazione “perché i bimbi stanno meglio e non sussiste più il rischio di fuga”. Sul secondo punto non vale la pena soffermarsi, sul primo: la gravità del fatto non dipende dall’esito dell’azione, ma dalla volontà o dall’irresponsabilità di chi la compie. Questo dice la morale, se la legge dice diversamente, allora deve essere cambiata.

Chi si mette drogato alla guida – come nel caso di questo Romeno – deve essere punito con il carcere perché il suo atto è in “potenza” un’azione omicida.

Intanto, il Gip Maurizio D’Abrusco, ha convalidato la richiesta di fermo per Marius Pohribche dovrà dunque momentaneamente rimanere al Carcere di Brissogne dove è già stato interrogato sulla vicenda della rapina a alla tabaccheria di Sarre. L’avvocato del giovane, Corinne Margueret, tuttavia ha chiesto la scarcerazione del suo assistito “perché i bimbi stanno meglio e non sussiste più il rischio di fuga”.

Il procuratore capo di Aosta, Marilinda Mineccia, già ieri aveva ampiamente motivato la richiesta di custodia cautelare in carcere : “abbiamo valutato che l’imputato poteva avere il timore di subire una condanna grave perché si potevano sommare le pene per la rapina, per l’incidente colposo e, in ipotesi, per l’omicidio colposo e poteva prendere corpo un pericolo di fuga. La richiesta di fermo tiene conto anche del comportamento successivo dell’imputato rispetto all’accusa della rapina”.

http://edizioni.lastampa.it/aosta/articolo/lstp/32485/

 

Marocchino si spoglia davanti a donne e bambini: bastonate ad 83enne che lo affronta

Italiani di merda… meritate di essere ammazzati tutti!

 

Stanno creando una società caotica

Monza, 24 gennaio 2013 – “Quando mi ha dato uno spintone, non ci ho visto più. Perché è vero che lui aveva oltre cinquant’anni di meno, ma io sono ancora forte…”. E forte Nicola Scalise, 83 anni, lo è davvero, nel corpo e soprattutto nello spirito. La sua energia gli ha permesso di tener testa l’altro pomeriggio a un energumeno di 30 anni, un marocchino senza fissa dimora e con il permesso di soggiorno bell’è scaduto, che ha scelto proprio la persona sbagliata per fare il gradasso: ha picchiato infatti il padre di Francesco Scalise, attuale vicequestore e primo dirigente del «Commissariato di Polizia di Monza, per farsi giustizia di quel «vecchietto» che aveva osato protestare quando aveva visto un altro giovane marocchino mettersi a urinare senza alcun senso del pudore in mezzo ai giardinetti pubblici di via Azzone Visconti, a due passi dal centro di Monza. Davanti a mamme e bambini, che tutti i giorni accorrono numerosi a giocare e a passare qualche ora di svago all’aperto. Nicola  Scalise, che è uomo tutto d’uno pezzo, ex tramviere in pensione, ex attivista politico (per cinque anni è stato consigliere comunale a Monza eletto in una lista civica di destra ma a sostegno dell’allora sindaco di sinistra Michele Faglia), non è stato a guardare. Non ne è proprio capace. E così di fronte «all’atto vergognoso» – sono parole sue – andato in scena martedì intorno alle 17 è andato a rimproverare il marocchino, che si trovava ai giardinetti con un amico connazionale. Quello che non si aspettava è che proprio quest’ultimo, mentre il responsabile del gesto incivile si allontanava, gli si scagliasse contro. «Prima – è il racconto dello stesso Nicola Scalise – si è messo a urlare insulti contro di me: “Italiani di merda… meritate di essere ammazzati tutti!”. Poi, mi è venuto addosso e mi ha spintonato. Allora io mi sono divincolato e l’ho spinto via a mia volta». Il giovane marocchino ingaggia però una colluttazione e finisce addirittura col buttare per terra il malcapitato. «Sono caduto come uno straccio» ammette Scalise. Non è però finita lì. Visto che Scalise si rialza subito, il marocchino afferra un bastone e gli si butta nuovamente addosso. «Mi ha spinto contro un palo puntandomi il bastone al collo – prosegue Scalise – ma sono riuscito a liberarmi». Nel frattempo, sul posto arriva una Volante della Polizia che blocca il nordafricano e lo arresta. Al processo per direttissima di ieri al Tribunale di Monza, il giudice ha convalidato l’arresto, anche se l’udienza è stata rinviata. Intanto l’83enne Nicola Scalise, graffiato e tumefatto, è stato medicato al pronto soccorso, dove gli sono stati riscontrati lesioni al polso e un trauma alle gambe giudicati guaribili in 15 giorni. «Ce ne sono troppi di personaggi del genere in giro – commenta ancora Scalise -, quando lavoravo sugli autobus ne ho incontrati tanti. Mettersi a far pipì davanti a tutti, incurante di donne e bambini, proprio non lo potevo sopportare e dovevo reagire. Mica mi pento di quello che ho fatto…».

http://www.ilgiorno.it/monza/cronaca/2013/01/24/834933-monza-giardini-urinare-francesco-nicola-scalise-marocchino-botte.shtml