Tag: luci

Raid nei cimiteri, polizia e carabinieri non trovano nulla nei campi..troppo tardi

Raid nei cimiteri, polizia e carabinieri non trovano nulla nei campi
Il Gazzettino
I CAMPI NOMADI – Tra la notte e le prime luci dell'alba di ieri carabinieri, polizia, Guardia di Finanza e agenti municipali hanno controllato diciassette campi nomadi. Gli uomini dell'Arma si sono concentrati sul territorio della provincia e hanno
Furti nei cimiteri, al setaccio campi nomadi e autodemolizioniCorriere della Sera

tutte le notizie (3) »

Capaccio: rubano benzina agricola e scappano ai militari, arrestato … – Salernonotizie.it


Salernonotizie.it

Capaccio: rubano benzina agricola e scappano ai militari, arrestato
Salernonotizie.it
I Carabinieri della Compagnia di Agropoli, alle prime luci dell'alba, hanno tratto in arresto un 30enne di origini marocchine già conosciuto alle Forze dell'Ordine, con l'accusa di furto aggravato e danneggiamento. Durante il servizio di controllo del

altro »

Sesto San Giovanni: arrestati, rubavano dalle tombe del cimitero – MilanoToday


MilanoToday

Sesto San Giovanni: arrestati, rubavano dalle tombe del cimitero
MilanoToday
Sono 3 stranieri di origine romena gli arrestati dai carabinieri alle prime luci dell'alba di venerdì 19 aprile. I ladri asportavano vasi, decorazioni, oggetti e fioriere in rame dalle tombe dei defunti del cimitero nuovo di Sesto San Giovanni
Ladri sacrileghi in azione al cimitero Traditi dalla «pausa sigaretta»Corriere della Sera
Danneggiano e razziano tombe Tre ladri beccati al cimiteroIl Giorno

tutte le notizie (3) »

Pescara, derubavano e rapinavano anziani italiani: arrestati 14 Zingari

Pescara, 19/03/2013 – Avevano commesso furti anche in Ciociaria le 14 persone tratte in arresto, alle prime luci dell’alba, dalla Polizia di Pescara. Una vera e propria organizzazione specializzata nella commissione di furti e rapine ai danni di anziani. Le modalità di “approccio” erano sempre le stesse: si fingevano falsi assistenti sociali, impiegati comunali, dipendenti dell’Enel, amici di famiglia e addirittura medici. “Erano queste – si legge in una nota della Questura di Pescara – le mentite spoglie sotto le quali un’organizzazione criminale, formata da zingari residenti tra Pescara e Chieti, usava presentarsi, con fare rassicurante e confidenziale, presso le abitazioni di persone sole ed in età avanzata, che venivano poi immancabilmente derubate dei risparmi di una vita. Con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine in abitazione ai danni di persone anziane sono finiti in carcere 12 nomadi abruzzesi del clan Spinelli-Bevilacqua, già noti alle forze dell’ordine. Ai domiciliari, invece, sono finiti 2 ricettatori, padre e figlio, che ricompravano i preziosi razziati dalla banda per rivenderli tramite le loro due gioiellerie, una nel pieno centro di Pescara e l’altra a Chieti, ora sottoposte a sequestro preventivo. Questi ultimi devono rispondere, oltre che della partecipazione all’associazione per delinquere, del reato previsto dall’articolo 648 ter del Codice Penale che punisce, con una pena che va un minimo di quattro anni ad un massimo di dodici, chi impiega nelle proprie attività economiche beni di provenienza illecita”.  “Gli Zingari, che colpivano in formazioni di volta in volta diverse secondo un copione ben congegnato e rodato da anni di consumata esperienza criminale – chiariscono dalla Questura – solevano partire da Pescara, per raggiungere le abitazioni delle loro prede. Per rendere ancora più credibile la “sceneggiata”, specie le donne si presentavano alle vittime in abiti per così dire “civili”, evitando accuratamente di indossare capi di abbigliamento e accessori che potessero in qualche modo tradire la loro origine “zingaresca”. Sono ben tredici i casi scoperti nel corso delle indagini, compreso un episodio in cui, di fronte alla reazione di due anziani coniugi che avevano scoperto l’inganno, quattro degli arrestati hanno agito in maniera violenta per impedire alle due vittime di chiamare le forze dell’ordine e per guadagnare la via di fuga, meritandosi così la più grave accusa di tentata rapina. Chieti, Teramo, Frosinone e Rieti: queste, oltre a quella pescarese, le province colpite dalle scorrerie degli insaziabili ladri, che hanno fruttato ragguardevoli cifre all’associazione criminale, considerato il valore dell’oro e dei monili trafugati e del contante sottratto”.

http://ciociaria.ogginotizie.it/225647-furti-e-rapine-ai-danni-di-anziani-ciociari-sgominata-organizzazione-rom/#.UUiJBhw08uA

Sanremo: arrestato un marocchino per detenzione di arma … – Sanremonews


Sanremonews

Sanremo: arrestato un marocchino per detenzione di arma
Sanremonews
Questa mattina, alle prime luci dell'alba, il Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Sanremo ha concluso una delicata attività d'indagine arrestando Hamid Sobhi, marocchino 43enne da anni residente in Italia, in esecuzione di Ordinanza di

altro »

Roma – Maxi operazione dei Carabinieri, 27 arresti – Roma.OggiNotizie.it


Roma.OggiNotizie.it

Roma – Maxi operazione dei Carabinieri, 27 arresti
Roma.OggiNotizie.it
Roma – Dalla serata del 5 e fino alle prime luci dell'alba del 7 febbraio, i Carabinieri del Gruppo di Frascati hanno condotto un'articolata operazione per reprimere il crescente fenomeno dei reati contro il patrimonio, la quale ha avuto come teatro la

altro »

Prima aggressione dell’anno: la ‘palma’ va ad un Albanese

Albanese rapina “nonnina”: beccato mentre dà il bottino ad una ragazzina

Stanno creando una società caotica

Aggredita e rapinata della borsa. Brutto spavento alle prime luci dell’alba di lunedì per un’anziana riminese di 80 anni. Erano circa le 6, quando la donna ha dato l’allarme al 112 spiegando di esser stata caduta malamente per terra dopo esser stata rapinata. In pochi istanti i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno individuato il responsabile in via XXIII settembre: si tratta di D.H., un albanese di 24 anni già noto alle forze dell’ordine per precedenti specifici.

Con lui si trovava una romena di 17 anni, E.G. le sue iniziali, denunciata per ricettazione poiché trovata in possesso di parte della refurtiva, ovvero un telefono cellulare e denaro contante. L’anziana signora è stata medicata dai sanitari del pronto soccorso per lesione al rachide cervicale e dimessa con una prognosi di 12 giorni.

Potrebbe interessarti: http://www.riminitoday.it/cronaca/rimini-anziana-rapinata-31-dicembre-2012.html

Savona, sigilli al centro massaggi a luci rosse di via Verzellino … – Il Vostro Giornale


Genova OggiNotizie

Savona, sigilli al centro massaggi a luci rosse di via Verzellino
Il Vostro Giornale
Savona. Il “Paradiso” per i clienti in cerca di relax a luci rosse era doppio. A Genova in via della Libertà e a Savona in via Verzellino. I centri massaggi individuati dalla polizia, infatti, dove si esercitavano prestazioni sessuali a pagamento
Centro massaggi cinese a luci rosse, 3 arresti: i dettagliGenova OggiNotizie
Criminalità a Savona: continuano i controlli della Polizia, un arrestoSavona news
Sfruttamento della prostituzione in Liguria: arrestati tre cinesiLibero News
Genova24.it –Primocanale –PuntoAlbenga
tutte le notizie (14) »