Tag: ingi

Tunisino aggredisce anziano e agenti

Prima l’aggressione ad anziano, poi agli agenti di polizia, e ancora il finestrino della Volante sfondato con un calcio e infine l’arresto per lesioni finalizzate alla resistenza, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

Una nottata di follia per M.L., cittadino tunisino di 38 anni già conosciuto alle forze dell’ordine. Tutto è cominciato in via Cesare Battisti, all’altezza del chiosco, dove era scoppiato un acceso diverbio tra l’uomo e un anziano residente, probabilmente esasperato dagli schiamazzi provenienti dalla strada. La discussione è presto degenerata, le voci si sono alzate e insieme a loro la tensione. Preoccupati, alcuni vicini di casa hanno deciso di chiamare il 113 e poco dopo sul posto si è portata una Volante di polizia. Alla vista degli agenti, il 38enne ha cercato di scappare ma è stato bloccato. In quel momento l’anziano, provato dal violento scontro verbale, ha accusato un malore e si è accasciato. Il tunisino ha pensato bene di approfittare del successivo trambusto, e mentre arrivava l’ambulanza ha cercato di allontanarsi di nuovo spintonando a terra una poliziotta e prendendo a calci e pugni gli altri tre agenti. Bilancio: dieci giorni di prognosi per la poliziotta che nella caduta ha battuto la testa e cinque per i suoi colleghi. Non contento, una volta agguantato (e arrestato) l’uomo continuava a offendere e minacciare gli operatori. Nemmeno a bordo della Volante si è calmato. Anzi: durante il tragitto verso la questura riusciva a mandare in frantumi il vetro della portiera posteriore dell’auto di servizio colpendola con un calcio.

Portato negli uffici di corso Ercole I d’Este, l’uomo veniva tratto in arresto per i reati di lesioni finalizzate alla resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e ingiurie e minacce a pubblico ufficiale. Ora si trova rinchiuso nel carcere ferrarese dell’Arginone, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’anziano colpito da malore è stato sottoposto ai necessari accertamenti che a quanto sembra, per fortuna, non avrebbero riscontrato niente di preoccupante.