Tag: e domenica

Rissa a coltellate tra immigrati

Rissa, coltellate e manette
La Prealpina
Buguggiate – La serata di musica e divertimento è finita nel sangue, con un giovane di 23 anni trasportato in ospedale per medicare alcune coltellate, fortunatamente non profonde. L’allarme è scattato poco dopo le 2 della notte tra sabato 8 e domenica  

Rimini: sudamericani aggrediscono e feriscono poliziotti a coltellate

Un poliziotto accoltellato, l’altro preso a pugni. Paura sul lungomare: presi due sudamericani

Due poliziotti aggregati da Torino a Rimini come rinforzi estivi , liberi dal servizio, sono stati aggrediti nella nottata tra sabato e domenica a Rimini

Due poliziotti aggregati da Torino a Rimini come rinforzi estivi , liberi dal servizio, sono stati aggrediti nella nottata tra sabato e domenica a Rimini. Un agente di 32 anni è stato accoltellato a un fianco ed è ricoverato in ospedale, ma non in pericolo di vita. Il collega di 43 anni è stato invece colpito a un occhio con un pugno. L’episodio si è consumato intorno alle 4.30 a Marina Centro, nel parco che circonda la fontana dei Quattro Cavalli, vicino al Grand Hotel

I due poliziotti avevano appena trascorso la serata in un locale del lungomare e mentre stavano attraversando la piazza sono stati aggrediti da alcuni stranieri sbucati fuori all’improvviso da un cespuglio. L’agente più giovane si è preso una coltellata a un fianco, il collega invece diversi pugni al volto. Le indagini lampo della Squadra Mobile ha permesso in tempi rapidi di fermare due sudamericani. Si tratta di due giovani di 30 e 31 anni, residenti fuori provincia e con precedenti specifici. Entrambi sono ora detenuti nel carcere dei Casetti a Rimini.
http://www.riminitoday.it/cronaca/rimini-poliziotti-aggrediti-notte-sabato-14-luglio-2013.html

Presi in piena notte due topi d’auto. Sono già a piede libero – Il Resto del Carlino

Presi in piena notte due topi d'auto. Sono già a piede libero
Il Resto del Carlino
A finire in manette, nella notte tra sabato e domenica, sono stati un marocchino e un algerino, entrambi di 41 anni, arrestati per furto aggravato e ricettazione. I DUE, entrambi già noti alle forze dell'ordine, uno per furto e l'altro per violazione

Genova: immigrato lancia panchina sui carabinieri, feriti

Genova 23 giugno 2013 – Vero e proprio gesto di follia a Sampierdarena, in via di Francia. Un uomo di 33 anni, ecuadoriano, non contento di aver dato un cazzotto a un carabiniere, ha proseguito la colluttazione tirando ai militari addirittura una panchina. L’episodio è avvenuto tra la notte di sabato 22 e domenica 23 giugno. Non senza difficoltà i militari sono riusciti a bloccarlo, identificarlo e arrestarlo per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I due carabinieri sono stati poi refertati in ospedale.

Si tratta del secondo episodio del genere in due giorni: nella notte tra venerdì 21 e sabato 22 infatti il custode di un bar del Porto Antico, richiedeva la presenza di una pattuglia dell’Arma, poiché  a dissidio con un cittadino straniero. Sul posto un equipaggio del Nucleo Radiomobile, individuava il soggetto, che  allo scopo di sottrarsi al controllo, si scagliava colpendo con calci e pugni i militari operanti, che lo bloccavano definitivamente dopo una violenta colluttazione.

Identificato in John Fernando R. O. ecuadoriano di 33 anni, è stato tratto in arresto per  “resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate”, nonché deferito in stato di libertà per “oltraggio a Pubblico Ufficiale”. Nell’occorso i militari riportavano lesioni giudicate guaribili 10 e 7 giorni.

http://www.genovatoday.it/cronaca/aggressione-carabiniere-francia-porto-antico.html

 

 

Milano: accerchiato e accoltellato da 10 immigrati

Milano 09 giugno 2013 – Un ragazzo di 26 anni è stato accoltellato nella notte tra sabato e domenica in via Breda, alla periferia di Milano, in zona Precotto. Il giovane, italiano, stava rincasando quando, secondo quanto riferito alla polizia, è stato avvicinato da una decina di persone di probabile origine nordafricana che gli avrebbero intimato di consegnare loro il portafoglio.

Al rifiuto del ragazzo, uno degli aggressori lo ha accoltellato all’addome. Sul posto, insieme a una volante, è intervenuto il 118, che ha portato la vittima in codice rosso all’ospedale San Raffaele, dove è stato curato e dimesso con una prognosi di 10 giorni.

http://www.milanotoday.it/cronaca/rapina-via-breda.html

 

Spari sulla Togliatti: controlli nei campi nomadi della Capitale – RomaToday


RomaToday

Spari sulla Togliatti: controlli nei campi nomadi della Capitale
RomaToday
Controlli a tappeto in vari quartieri e in alcuni campi nomadi della Capitale per stanare i responsabili che nella notte tra sabato e domenica scorsa hannosparato contro due auto con al volante donne. Proseguono leindagini delli investigatori alla
Spari contro auto,controlli in campi romANSA.it

tutte le notizie (61) »

Integrazione: Latina in balìa delle risse etniche

LATINA – Due risse notturne a distanza di appena una settimana. Dopo qualche mese di relativa tranquillità, la zona dei pub di Latina torna a vivere momenti di tensione per colpa di qualche cliente piuttosto agitato.
L’ultimo episodio nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 2,30. In via Cesare Battisti sono volati pugni e calci, ma quando sono arrivati i carabinieri i protagonisti dell’ennesima rissa erano già fuggiti, dileguandosi nel buio. Stando alle poche testimonianze raccolte, si sarebbero affrontati due gruppi di uomini, tutti più o meno sulla trentina. Forse in preda ai fumi dell’alcol, forse per qualche motivo banale, i due gruppi se le sono date di santa ragione, tra urla e schiamazzi in piena notte.

Solo una settimana prima un altro grave episodio di violenza, sempre in via Cesare Battisti nel cuore della zona dei locali notturni. In questo caso la rissa sarebbe scoppiata tra ventenni stranieri. Un giovane tunisino si è fatto medicare in ospedale mentre tutti gli altri sono riusciti a fuggire prima dell’arrivo della polizia.

Il copione è sempre lo stesso e i residenti ormai sono stanchi anche di denunciare quanto accade, sfiduciati dalle tante parole che non hanno portato a nulla di concreto. «E’ inutile – commenta amareggiato un abitante della zona dei pub – il Comune si continua a disinteressare di noi, della sicurezza di un quartiere intero e di una città intera visto che sono migliaia i giovani che vengono qui rischiando di essere coinvolti in episodi di violenza. Dove sono le telecamere di sicurezza promesse dal Comune? Dove sono le pattuglie che dovevano vigilare regolarmente nella zona? Nulla è stato fatto, a parte la Ztl gestita in modo piuttosto discutibile visto che molte auto entrano ed escono senza problemi». Questioni note ormai da anni, ma a quanto pare finite nel dimenticatoio.

Disordini etnici a Milano: agenti feriti a coltellate

Pisapia: "nessun problema sicurezza"

MILANO – Due distinte e violente risse, che hanno coinvolto un numero elevato di persone, si sono verificate la scorsa notte a Milano. In uno dei due episodi sono rimasti feriti duecarabinieri. Lo ha comunicato il Comando provinciale dell’Arma. I due militari non sono gravi. Secondo quanto si è appreso i due militari feriti hanno riportato uno la frattura di un braccio e l’altro una coltellata non profonda a una gamba. I carabinieri del Nucleo radiomobile, intervenuti in forze, hanno arrestato in tutto 14 persone, prevalentemente nordafricani. I due episodi si sono verificati intorno all’una e alle 4, nella zona tra la Stazione Centrale e viale Monza.
http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_marzo_24/risse-carabinieri-feriti-nordafricani%20-212320355139.shtml
Le chiamano “risse”: sono disordini etnici in stile banlieus. Per gli agenti è tempo di sparare ad altezza uomo.

Forlì, barista 67enne pestato a sangue da due Marocchini: è grave

Noi siamo la Resistenza

Brutale aggressione nella notte tra sabato e domenica ai danni di uno dei gestori del Caffè Cavour, di via Achille Cantoni, che stava aprendo il bar, intorno alle 4.30. L’uomo, 67 anni,si sarebbe accorto che due marocchini stavano danneggiando una vetrina, è uscito ed è stato aggredito. La vittima è stata picchiata senza ritegno, per cause ancora sconosciute. Il gestore del bar è stato portato all’ospedale di Forlì ed è ricoverato in prognosi riservata, per le gravissime ferite riportate. La squadra mobile della questura di forlì sta conducendo le indagini.  I due immigrati marocchini sono stati fermati dalla polizia. Secondo una prima ricostruzione, i due aggressori probabilmente erano ubriachi, e davanti al bar avevano già litigato con altre due persone, che poi se ne sono andate. I due marocchini sono rimasti davanti al locale e hanno anche danneggiato una vetrina. Il barista è uscito e a quel punto è scattata l’aggressione nei suoi confronti.

http://www.forlitoday.it/cronaca/aggressione-gestore-caffe-cavour-forli-notte-sabato-domenica-stanotte.html

Come dice Laura Boldrini, la terza carica dello Stato: “Bisogna valorizzare la figura del migrante come portatore del sapere e della conoscenza“.

Milano: il video che incastra l’assassino albanese

Video di Albanese che ammazza Rumeno per 30 euro – Avrebbe ucciso un uomo e ne avrebbe ferito un altro per 30 euro Bledar Marini, un albanese di 34 anni fermato per omicidio in un Mc Donald’s in corso Lodi a Milano. L’omicidio – ripreso dalle tecamere di sicurezza – avviene a Bergamo tra sabato 2 e domenica 3 marzo, in un’area di servizio che di notte diventa luogo di incontri fra prostitute e clienti. Anche il romeno Stefan Burcuta, la vittima, assieme al cognato è in cerca di una prestazione a pagamento. La scelta cade su una moldava. I tre contrattano e si accordano per 30 euro da pagare in anticipo. Ma qualcosa deve essere andato storto, visto che al termine del rapporto i due uomini si dichiarano insoddisfatti e pretendono di avere indietro i soldi versati. Complice l’alcol, la discussione si accende. La ragazza chiede rinforzi e con il cellulare chiama Marini, il suo fidanzato, che interviene nella lite estraendo un coltello e ferendo al collo il cognato di Burcuta, prima di colpire mortalmente la vittima al petto.

http://video.repubblica.it/edizione/milano/bergamo-uccide-per-30-euro-il-video-che-lo-incastra/121774/120261