Tag: dimostra

“Sono immigrato, non devi rivolgermi la parola”: e accoltella passante a spalla e addome

Un trentenne di Canonica d’Adda è stato accoltellato nella notte a Castel Cerreto. È successo all’una e trenta all’esterno del Bar Mauro, in via Piazzoni Contessa. A.B.48 anni, marocchino senza fissa dimostra, ubriaco si è avvicinato al trentenne, che era in compagnia di due amici, e senza nessun motivo ha estratto un coltellino multiuso e lo ha ferito alla spalla sinistra e all’addome. Il giovane si è accasciato in una pozza di sangue.

Immediato l’intervento di un’ambulanza che ha trasportato il 30enne all’ospedale di Treviglio dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Anche se le sue condizioni non sono gravi, i medici non hanno sciolto la prognosi. Sul posto anche i carabinieri di Treviglio che hanno bloccato il 49enne marocchino e lo hanno arrestato. In tasca l’immigrato aveva un altro coltello, un paio di forbici e un cacciavite.

A dare l’allarme ai carabinieri era stata la barista del bar, una trentenne di Treviglio, che era stata infastidita dall’immigrato già da alcune ore. Pare che il 48enne, cliente non abituale del locale, avesse bevuto diversi alcolici a partire delle 19 di giovedì. Il pm Di Mauro ha firmato l’ordine di arresto per il maghrebino per tentato omicidio in attesa dell’udienza di convalida.

Marocchino la sfigura a coltellate e le taglia i capelli

Ha trascorso la notte con una 40enne colombiana, poi l’ha aggredita con un coltello e sfigurata. L’ha ferita al volto e le ha tagliato i capelli, per abbandonarla chiusa in bagno con i polsi e le caviglie legate. L’uomo, un marocchino 25enne, Lachen El Mansour, di Brindisi, è stato arrestato per sequestro di persona, tentata rapina e lesioni aggravate dall’uso di armi. Lei è riuscita a dare l’allarme solo perché l’uomo, forse ubriaco, si era addormentato.

Il gesto che più dimostra disprezzo per una donna: tagliarle i capelli. Per dirle che è “nulla”.