Tag: Crimini

Parma,poliziotti intendono armarsi di pistola elettrica contro aggressioni di slavi albanesi

Poliziotti picchiati da 3 albanesi, Orlandini: “Diamogli la pistola elettrica Taser”

Cinque agenti della Polizia di Stato sono stati aggrediti nei giorni scorsi da tre albanesi fermati per un controllo stradale. L’episodio, che si è verificato venerdì mattina, è venuto alla luce solo in questi giorni. Sotto gli occhi di alcuni passanti tre uomini di nazionalità albanese hanno sferrato calci e pugni i poliziotti che avevano fermato i tre per un semplice controllo stradale. Simone Orlandini, consigliere provinciale di Forza Italia, interviene sulla vicenda.

“Esprimo la mia personale solidarietà -si legge in una nota- ai cinque agenti di polizia di Parma vittime della brutale aggressione subita da tre stranieri nei giorni scorsi. Ho ritenuto di dovermi attivare immediatamente con i nostri parlamentari di riferimento per sollecitare un intervento immediato al fine di incrementare la tutela e la sicurezza dei nostri agenti nella fase dei controlli e degli arresti. Difronte alla violenza di questi balordi è necessario consentire ai nostri agenti di potersi difendere in modo adeguato, sia con le pistole di ordinanzasia con l’ausilio di nuovi strumenti, come potrebbe essere la pistola elettrica taser. La cosiddetta microcriminalità è il termometro della sicurezza di un paese, oggi la temperatura di quel termometro è bollente, per questo è fondamentale un intervento forte e puntuale da parte delle Istituzioni. Il nostro partito, Forza Italia, da sempre è in prima linea per migliorare la sicurezza delle nostre città”.

Potrebbe interessarti:http://www.parmatoday.it/cronaca/poliziotti-aggrediti-albanesi-polemiche.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/ParmaToday

 

 

Albanese espulso dopo 23 anni di crimini

Todi 04 luglio 2013 – Un altro pericoloso criminale che da anni risiedeva regolarmente a Todi è stato rimpatriato dagli Agenti dell’Ufficio Immigrazione, diretto dal Commissario Capo Claudio Giugliano, in collaborazione con la Compagnia Carabinieri Tuderte.

Si tratta di M. A.  del ’69, albanese, è arrivato in Italia da clandestino nel ’90 , e dopo avere vissuto , con due falsi nomi, nel Nord Italia, nel 2005 si è trasferito a Todi ove ha ottenuto, regolarizzando la sua posizione, un permesso di soggiorno.Da allora ha vissuto con moglie e figli con permesso di soggiorno periodicamente rinnovato.

Lo straniero ha subito molte condanne per traffico e produzione di stupefacenti nel 2007 – 4 anni di reclusione – due denunce per rissa a Todi e da ultimo un altro arresto a Todi nel 2011 sempre per droga. Un curriculum criminale che ha indotto l’Ufficio Immigrazione a proporre alla Prefettura un provvedimento di espulsione per pericolosità sociale .

Nei giorni scorsi, dopo essere stato rintracciato dai Carabinieri a Todi, in Questura si è provveduto alla notifica della revoca del permesso di soggiorno e  del provvedimento di espulsione.Nonostante la forte opposizione del suo avvocato, il Giudice di Pace che ha convalidato l’atto. In serata è stato scortato da due agenti presso l’ Aeroporto di Roma Fiumicino da dove è partito con un volo diretto a Tirana. Nonostante che a Todi viva la sua famiglia non potrà più rientrare in Italia .

http://www.perugiatoday.it/cronaca/todi-espulso-albanese-pericolosita-sociale-.html

Storia emblematica del disastro italiano in tema di immigrazione.

 

 

 

Bande di immigrati scatenate in Lunigiana: anziana trovata morta in casa

E’ un bollettino di guerra: si susseguono in Lunigiana e nello Spezzino, efferati crimini in abitazioni e villette isolate , crimini commessi ad opera di bande di criminali e nomadi di origine balcanica. E spesso le rapine in villa finiscono in tragedia, come avvenuto oggi a Castelnuovo Magra, dove una pensionata di 77 anni e’ stata trovata esanime nella propria abitazione , in un bagno di sangue. Le agenzie giornalistiche riportano che gia’ in passato l’ anziana signora aveva subito rapine nella propria abitazione, ma questa volta’ l’ esito e’ stato tragico. Anziani sempre piu’ nel mirino di queste belve feroci criminali, importate in Italia, attraverso la criminogena adesione al trattato di Schengen che consente non solo la libera circolazione di merci e lavoratori nell’ Unione Europea, ma putroppo autorizza di fatto, la libera circolazione nel nostro paese, di autentiche BELVE CRIMINALI.  E altri paesi come la Germania si accingono a mettere il veto sulla libera circolazione delle persone in Europa , perche’ reati efferati aumentano anche in Germania. Mal comune mezzo gaudio, ma che amare consolazioni.

http://ilmonitoretoscano.blogspot.it/2013/03/in-lunigiana-impervera-una-criminalita.html


Milano: è emergenza criminale – 244 furti al giorno! – Stupri: + 45%

NEL 2012 BEN 21.591 LE CASE SVALIGIATE NELLA NOSTRA CITTÀ

Mentre il Sindaco è stupito per l’allerta sicurezza lanciata dal console americano, rapine e furti non si fermano un attimo

Pisapia saluta le "tradizioni" dei fratelli "migranti"

E’ accaduto in via Chiusa, zona piazza Vetra, dove una donna di 66 anni è rincasata alle 16,45 del pomeriggio e, benché pieno giorno, si è ritrovata di fronte ad un’insospettabile sorpresa: l’abitazione a soqquadro e la cassaforte forzata.
In base a quanto denunciato alle Forze dell’Ordine, il bottino comprenderebbe un orologio Rolex del valore di alcune migliaia di euro.
Nel 2012, secondo i dati della Questura, solo gli appartamenti svaligiati sono stati 21.591, cioè 1800 furti al mese e 60 al giorno.

In tutto ciò, di 2 giorni fa la polemica tra il Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, e il Console degli Stati Uniti, “reo” di aver esortato alla massima attenzione i propri compatrioti su suolo meneghino, poiché la nostra città “non è sicura”.

I numeri, del resto, parlano da soli: secondo, infatti, i dati della Questura di Milano rispetto alla quantità di crimini compiuti, nella nostra città, nel 2012, le cifre indicano:

– stupri, nei primi 4 mesi del 2012 aumentati rispetto all’anno precedente del 45,7%.

– rapine, 4.936 (411 al mese, 14 al giorno).

– furti con strappo, 1.971 (164 al mese e 5 al giorno)

– furti in negozio 25.517 (2126 colpi al mese e 70 al giorno).

– rapine in pubblica via, 2.621 (218 rapine al mese e 7 al giorno).

– furti in auto in sosta, 28.165 (2347 al mese e 78 al giorno)

– furti con destrezza, 25.517 (2.126 al mese e 70 al giorno)

– raddoppio della presenza dei rom, con l’istituzione di un tavolo permanente da parte della Prefettura

Totale: 244 furti al giorno comprendendo tutte le varie tipologie.

http://www.cronacamilano.it/cronaca/35770-furto-in-appartamento-via-chiusa-milano-nel-2012-21591-le-case-svaligiate.html

Albanese molesta addetta Enel palpeggiandola

Palpeggia il sedere all’addetta dell’Enel

QUINTO – Tocca il sedere a un’addetta dell’Enel che aveva suonato alla porta di casa dell’uomo per proporre un nuovo contratto. Ora l’uomo 32enne di origini albanesi , residente a Quinto di Treviso è accusato di violenza sessuale.

Durante il processo che si concluderà a febbraio l’imputato ha sempre negato con forza qualsiasi approccio fisico con la giovane, sostenendo ridicolmente che lo avrebbe denunciato per non aver voluto stipulare il contratto di utenza elettrica con la sua compagnia – come riporta Il gazzettino. Opposta la versione della vittima, sentita ieri dai giudici del tribunale di Treviso.

Il fatto è avvenuto nei primi mesi del 2010. La 28enne impiegata dell’Enel, nel corso del suo giro promozionale per proporre nuovi contratti aveva suonato anche il campanello dell’imputato. Dopo la proposta per una nuova tipologia di contratto, aveva chiesto al potenziale nuovo cliente di accompagnarla nella stanza dei contatori per verificare il codice che identifica l’utenza. E proprio lì sarebbe avvenuto il palpeggiamento: secondo le dichiarazioni della giovane l’uomo, le avrebbe appoggiato una mano sul sedere “andando a fondo”, come ha ribadito durante il processo. Dopo essersi girata di scatto, avrebbe prima urlato e poi avrebbe allontanato l’uomo con uno spintone, cercando la porta d’uscita per scappare. Sconvolta per quanto accaduto, dopo aver fatto ritorno a casa, la presunta vittima aveva deciso di denunciare l’uomo alle autorità.

http://www.oggitreviso.it/palpeggia-sedere-alladdetta-dellenel-55317

I Cinesi i documenti se li fanno da soli

Scoperta fabbrica di falsi documenti per cinesi irregolari

Link: http://www.oggitreviso.it/scoperta-fabbrica-di-falsi-documenti-cinesi-irregolari-55248

Vùcumprà: “se chiudete un occhio, vi diamo tutta la merce”

CASTELFRANCO – Centinaia di pezzi tra capi di abbigliamento, scarpe, borse, profumi e occhiali, tutti con il marchio di note griffe contraffatto, sono stati sequestrati a due immigrati dai carabinieri di Castelfranco Veneto.

È stata trovata la merce i cui marchi contraffatti erano di notevole fattura, il cui valore commerciale è di decine di migliaia di euro. Dalle prime indagini la merce sarebbe stata presa in Campania e era destinata al mercato nero della Marca trevigiana.

Per la precisione sono stati sequestrati 456 pezzi, tra giubbotti, maglioni, scarpe, borse, occhiali, portafogli, cinture e profumi di note marche. I due immigrati denunciati sono un marocchino di 41 anni, individuato a Vedelago con un furgoncino, seguito e fermato a Castelfranco, ed un senegalese di 34 anni, fermato a Castelminio di Resana.

I capi venivano proposti porta a porta, perlopiù ad anziani, soprattutto ora che si sta avvicinando il Natale. I due, secondo quanto riscontrato, talvolta suggerivano agli anziani di farne dei regali per i nipoti. Dovranno rispondere entrambi di ricettazione, introduzione in Italia di prodotti con segni falsi, frode in commercio.

Uno dei due è stato denunciato anche per tentata corruzione avendo più volte offerto tutta la merce ai carabinieri se avessero chiuso un occhio, lasciandolo andare.

Link: http://www.oggitreviso.it/falsi-vestiti-griffati-se-chiudete-un-occhio-ve-li-diamo-55203

Presa banda che clonava bancomat

Arrestati specialisti clonazione bancomat

Link: http://www.oggitreviso.it/arrestati-specialisti-clonazione-bancomat-55199#.UMdvlEz7IKw.facebook

Iracheno gestiva traffico di migliaia di clandestini

Iracheno importa migliaia di clandestini in Italia.
http://www.larena.it/stories/dalla_home/442410_traffico_di_uominiuna_base_anche_a_verona/

Lancia una molotov sull’auto per vendetta

Link: http://www.oggitreviso.it/lancia-una-molotov-sull%E2%80%99auto-vendicare-l%E2%80%99amico-54614