Tag: coordinati

Responsabile di sanguinosa rapina liberata da magistrato, dopo due ore torna a rubare. Di nuovo libera!

Esce dal carcere alle 13 e alle 15 la beccano dopo un furto nel negozio Pittarello al Giulia.
Protagonista dell’episodio è stata Annamaria Tompi, 28 anni, rumena. Era stata “fermata” dai poliziotti della Squadra mobile mercoledì scorso nell’ambito delle indagini relative alla sanguinosa rapina messa a segno due giorni prima alla tabaccheria di viale D’Annunzio.
Gli agenti l’avevano raggiunta a casa in via Mulino a Vento e l’avevano perquisita trovandola appunto in possesso dello storditore che era poche ore prima stato utilizzato da due minorenni per mandare ko Maria Parenzan, 75 anni, la titolare della tabaccheria presa d’assalto. Le avevano fatto prendere la scossa e poi, siccome reagiva e cercava di ribellarsi, l’avevano picchiata sulla testa con lo storditore. In breve gli investigatori erano risaliti ai mandanti, Grigore Dorin Sima, 32 anni, e appunto Annamaria Tompi. Che – essendo stata trascorsa quella che tecnicamente viene indicata come flagranza – tre giorni dopo erano stati sottoposti al fermo di pg e accompagnati in carcere.
Ma a carico della giovane donna (non risulta avere precedenti in Italia) il gip Laura Barresi non ha ravvisato gravi indizi di colpevolezza in quanto dagli elementi acquisiti dagli investigatori coordinati dal pm Maddalena Chergia, era risultata di fatto solo la depositaria dello storditore utilizzato per mettere a segno la rapina e per questo ha respinto la richiesta di misura cautelare. Inoltre, come detto, la giovane rumena non risultava avere appunto precedenti penali in Italia.

Risorsa

Dopo l’interrogatorio alla presenza del difensore Federico Stricca, il giudice Barresi così ha disposto la liberazione. Dopo qualche formalità all’ufficio matricola, alle 13 di venerdì si sono aperte le porte del Coroneo e Annamaria Tompi è uscita libera.
Ma – come poi hanno accertato i poliziotti della Squadra volante – non è andata direttamente a casa come qualcuno poteva ragionevolmente supporre. Piuttosto, in compagnia della cognata che l’aspettava in strada, ha puntato al Giulia. Giunte nel centro commerciale le due donne si sono dirette nel negozio di scarpe Pittarello. Dove, come sempre più spesso accade in questi ultimi tempi, hanno rubato due paia di scarpe dal valore complessivo di circa cento euro. Sono state “pizzicate” all’uscita subito dopo le casse da un addetto alla sicurezza. Il quale ha chiamato subito la polizia e dopo poco è giunta una pattuglia della Squadra volante. Gli agenti hanno controllato i documenti delle due donne bloccate con le scarpe rubate. E con grande stupore hanno scoperto che una era Annamaria Tompi, quella finita in carcere due giorni prima per il coinvolgimento nella rapina di viale D’Annunzio. È stata subito accompagnata in questura e dopo poco è stata liberata. A suo carico una denuncia per il furto.

http://ilpiccolo.gelocal.it/cronaca/2013/04/14/news/esce-dal-carcere-e-va-a-rubare-scarpe-1.6875924

E poi qualcuno vuole depenalizzare alcuni reati per “sfoltire” le carceri. Ancora?

Blitz al campo nomadi di corso Savona, Cotto ed Ebarnabo puntano … – AT news


AT news

Blitz al campo nomadi di corso Savona, Cotto ed Ebarnabo puntano
AT news
Ieri sera il nucleo operativo dei carabinieri di Asti, coordinati dal comandante provinciale dell'Arma Fabio Federici, hanno messo in campo una maxi operazione di controllo e monitoraggio nel campo nomadi di corso Savona. I risultati delle operazioni

Lucca: immigati padroni dello spaccio

 

Quando all’appuntamento per lo scambio della droga hanno visto presentarsi i poliziotti hanno tentato in tutti i modi di fuggire. Uno di loro è scappato a piedi nei campi ma in pochi minuti è stato bloccato e arrestato. Insieme a lui è finito in manette anche il suo presunto complice: gli uomini della prima sezione della squadra mobile di Lucca diretti dall’ispettore capo Roberto Femia, e coordinati dal vice questore Virgilio Russo, hanno trovato quello che si aspettavano: i due avevano addosso circa 20 grammi di eroina già suddivisa in dosi e quattrocento euro che la polizia crede essere il provento dello spaccio della giornata. In carcere, dopo la convalida dell’arresto di questa mattina (26 gennaio) sono finiti Ayari Alì, 38 anni di Saltocchio, di origini tunisine, e Omer Boumardasse, 34 anni, marocchino, già arrestato nel 2009 in provincia di Pisa per un presunto giro di spaccio. I due sono finiti nei guai ieri pomeriggio a San Pietro a Vico. L’operazione della polizia è scattata dopo la segnalazione di alcuni cittadini che avevano notato l’auto dei due, una Golf, andare e venire da un piazzale vicino ad un bar della zona.

 

Gli agenti hanno sospettato da subito che si trattasse di un giro di spaccio al dettaglio ed hanno raggiunto il posto, facendo intervenire anche una pattuglia della squadra volanti. I due non hanno avuto scampo e in pochi istanti si sono ritrovati accerchiati dalla polizia. Uno dei due è stato inseguito nei campi che si trovano lungo via dell’Acquacalda. Tentava di sfuggire all’arresto ma gli uomini della squadra mobile sono stati più veloci di lui. A casa di Ayari Alì gli agenti hanno trovato un altro involuco contentente polvere bianca. Nessuna traccia di droga, ma il materiale è stato comunque sequestrato insieme allo stupefacente trovato addosso ad entrambi.

http://www.luccaindiretta.it/2011-08-07-02-51-49/item/4803-spacciano-eroina-vicino-ad-un-bar-due-pusher-in-manette.htmll

VITERBO, IN TRASFERTA DA CAMPO ROM CAPITALE PER … – La Repubblica


Tuscia Web

VITERBO, IN TRASFERTA DA CAMPO ROM CAPITALE PER
La Repubblica
I carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Viterbo, coordinati dal Maresciallo Taormina, hanno arrestato 5 cittadini stranieri di origine romena, tutti domiciliati in un campo nomadi della Capitale, sorpresi in flagranza di reato mentre
Rubano ferro al rudere di Mondo ConvenienzaTuscia Web

tutte le notizie (7) »

Viterbo: arrestati 5 romeni per furto di ferro e rame in un capannone – Occhioviterbese


Occhioviterbese

Viterbo: arrestati 5 romeni per furto di ferro e rame in un capannone
Occhioviterbese
I Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Viterbo, coordinati dal Maresciallo Taormina, hanno arrestato ieri sera 5 cittadini stranieri di origine romena, tutti domiciliati in un campo nomadi della Capitale, sorpresi in flagranza di
Rubano ferro al rudere di Mondo ConvenienzaTuscia Web

tutte le notizie (7) »

Viterbo: Viterbo: tre ragazzi romeni arrestati per furto – Occhioviterbese


Occhioviterbese

Viterbo: Viterbo: tre ragazzi romeni arrestati per furto
Occhioviterbese
I Carabinieri della Stazione di Viterbo, coordinati dal Luogotenente Iannaccone, hanno arrestato tre ragazzi di origine romena, 2 minorenni, un ragazzo ed una ragazza di 17 anni, ed un ragazzo 18enne, tutti residenti a Fabrica di Roma, per concorso in

altro »

Torino: ora gli Zingari aprono le Disco-bar nel campo nomadi

Fermiamo la violenza degli Zingari

Discoteca, bar e sala giochi all’interno di un campo nomadi abusivo. E’ quanto hanno scoperto i carabinieri di Torino che, coordinati dal pm Andrea Padalino, hanno sequestrato due baracche che erano state adibite a pubblici esercizi e denunciato quattro persone per reati che vanno dall’invasione di terreni alla costruzione di edifici abusivi. Nell’operazione sono stati sequestrati alimenti, sigarette, frigoriferi, dispositivi multimediali e tutto il necessario per il divertimento.

Mosciano, 52enne rom arrestata per evasione e furto – CityRumors.it


Il Corriere d’Abruzzo

Mosciano, 52enne rom arrestata per evasione e furto
CityRumors.it
carabinieri_arresti Mosciano. Rom di 52 anni arrestata per evasione e furto aggravato. I carabinieri di stazione di Mosciano, coordinati dal Maresciallo Aiutante Paolo Gentile, nel tardo pomeriggio di ieri, hanno arrestato in flagranza di reato Giovina
Mosciano Sant'Angelo: arrestata rom per evasione e furto aggravatoIl Corriere d’Abruzzo

tutte le notizie (3) »