Tag: cinture

Rimini: vigili costretti a usare spray urticanti per difendersi dai venditori abusivi

Rimini, 26 agosto 2013 – Si è sfiorato lo scontro fisico tra venditori abusivi e polizia municipale ieri mattina al bagno 115. Gli agenti hanno sequestrato alcuni borsoni di merce, in quattro diverse tornate. «Oltre 130 capi sequestrati — spiega l’ispettore Carla Tavella —, in parte contraffatti, soprattutto borse, portamonete, cinture di note griffe. Più altri capi rinvenuti». I venditori non si aspettavano forse ‘la mossa’ e – quando si sono accorti delle intenzioni degli agenti – hanno reagito duramente. Al che la municipale ha sfoderato non – per fortuna – le pistole Glock delle quali è in dotazione da qualche tempo (non tutti gli agenti), ma gli ugualmente micidiali spray al peperoncino urticante. Certo, strumenti difensivi meno cruenti ma molto efficaci. I venditori sono rimasti momentaneamente ‘accecati’ e gli agenti hanno avuto tempo di battere in ritirata con il malloppo di merce sequestrata. «E’ la prima volta che li vedo fare un sequestro da inizio estate — ironizza un marinaio di salvataggio — sarà una strategia». Sembra che, almeno sull’arenile, non si è puntato primariamente sui sequestri di merce.

Anche per questo ieri i venditori sono stati presi di sorpresa. Ma visto quel che era accaduto poco prima ai ‘colleghi’,molti altri vu’ cumprà se la sono data a gambe lasciando parte della merce abbandonata in spiaggia (di qui quelli che tecnicamente si chiamano ‘rinvenimenti’). Insomma, l’ultimo giorno della presenza dei 60 ‘sceriffi’ alias vigilantes, o guardie private, e di 70 su 90 agenti della polizia di Stato nel Riminese, si è contraddistinto per un intervento deciso degli agenti della polizia municipale. E adesso che succede, resterete soli o quasi a fronteggiare gli abusivi? «Le disposizioni che abbiamo — spiega un ispettore — restano al momento le stesse, concordate con la Prefettura: la nostra zona di competenza va dal bagno 90 al bagno 120. Poi vedremo se ci saranno aggiustamenti». «I vigilantes avevano le mani legate — commenta Massimo Pasini, titolare del bagno 123 — e i venditori ridono che s’ammazzano. Sono però calati i furtarelli. Serve una strategia seria, va decisa d’inverno. Se no è solo teatrino. Ho avuto clienti tedeschi e svizzeri che sono partiti in anticipo e non torneranno». «Gli italiani invece comprano — fa eco Giovanni Balducci, bagno 121 —. Anzi, chiedono dove sono oggi i vu’ cumprà se non li vedono al mattino».

http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/2013/08/26/939736-abusivi-cacciati-a-colpi-di-spray-urticante.shtml

Merce contraffatta, gli immigrati distruggono la nostra economia

Via Curreri, scoperto deposito di merce contraffatta Inserisci Link e Articolo:

Un deposito di merce contraffatta è stato scoperto all’interno di una vecchia abitazione di via Curreri, nel centro storico di Agrigento. Il blitz dei poliziotti della sezione Volanti della Questura è scattato martedì pomeriggio quando hanno fatto irruzione nell’appartamento utilizzato da alcuni ambulanti senegalesi. All’interno sono stati rinvenuti centinaia di pezzi contraffatti tra borse, cinture, occhiali, portafogli ed altro, articoli delle migliori griffe di moda: Gucci, Prada e D&G, Guess ed in procinto di essere messi in vendita.Il senegalese che ha preso in affitto la casa è stato denunciato per introduzione e commercio di prodotti contraffatti sul territorio italiano.

http://www.agrigentotv.it/via-curreri-scoperto-deposito-di-merce-contraffatta/#comment-4861

Svaligiavano negozi d’abbigliamento, arrestati tre romeni a Ragusa – BlogSicilia.it (Blog)


BlogSicilia.it (Blog)

Svaligiavano negozi d'abbigliamento, arrestati tre romeni a Ragusa
BlogSicilia.it (Blog)
Dalla perquisizione in auto è emerso che i tre giovani rumeni avevano fatto visita in ben 4 negozi, tre di un Centro Commerciale di Ragusa e uno di un Centro Commerciale di Modica ed avevano rubato cinture, pantaloni, camice, maglie, scarpe, gonne per
Ragusa: furti in centri commerciali, arrestati tre romeniLa Repubblica Palermo.it

tutte le notizie (3) »