Tag: cifra

Viareggio sotto assedio: «Prima o poi vi ammazzeremo tutti»

VIAREGGIO L’ultimo di una lunga serie di episodi è avvenuto nel tardo pomeriggio di martedì alla Pam di Viareggio, in Largo Risorgimento. Come accade da qualche tempo nel supermercato gruppetti di extracomunitari si stavano muovendo con fare sospetto tra gli scaffali. Alcuni dipendenti si sono messi a seguirli, visto che nelle ultime settimane si sono verificati diversi episodi di furti con la stessa tipologia. Gruppetti di extracomunitari che bivaccano sotto il ponte della Ferrovia bevendo alcolici entrano nel supermercato per rifornirsi. E in molti casi arraffano quello che trovano. Una pattuglia della polizia arrivata sul posto avrebbe anche impedito il furto di un paio di scarpe. I dipendenti ringraziano infatti gli agenti per i lavoro svolto. Ma chiedono comunque che la zona di Largo Risorgimento venga tenuta ancora più sotto controllo.
Anche martedì sera uno degli extracomunitari si è avvicinato alle casse e con fare minaccioso avrebbe detto. «Prima o poi vi ammazzeremo tutti». Ma non solo Viareggio è in queste condizioni. La scorsa settimana i carabinieri della stazione di Lido sarebbero infatti stati chiamati all’Esselunga per una donna rapinata.
La signora, secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe trovata nel bagno del supermercato in compagnia di un parente. All’improvviso sono arrivati due uomini che avrebbero mostrato un’arma da taglio, forse un coltello. I rapinatori, con fare minaccioso, si sono fatti consegnare del denaro, una cifra attorno ai 150 euro. Poi si sono dileguati.

http://iltirreno.gelocal.it/versilia/cronaca/2014/02/27/news/cassiera-minacciata-di-morte-cliente-rapinata-in-bagno-1.8745192

Lavoro straniero, 30 milioni all’estero – La Provincia Pavese

Lavoro straniero, 30 milioni all'estero
La Provincia Pavese
Una cifra che però, per colpa della crisi economica, è diminuita di oltre milioni rispetto al record del 2011, ma che per certi paesi non conosce battute d'arresto. «Proprio l'altro giorno parlavo con un immigrato di origine marocchina, che lavora

Prostituzione minorile: nuovo arresto per tre protettori romeni – CityRumors.it


abruzzo24ore.tv

Prostituzione minorile: nuovo arresto per tre protettori romeni
CityRumors.it
Scavando a fondo, infatti, è emerso che l'uomo aveva avuto un rapporto con una lucciola romena di 16 anni, "gestita" dai tre, concordando una cifra di 30 euro, ma pagandone appena 20. Da lì la successiva aggressione, l'arresto in flagrnza dei tre
FACEVANO PROSTITUIRE RAGAZZINA: TRE ARRESTI Abruzzoweb.it

tutte le notizie (2) »

Piacenza: dal Comune 60mila euro l’anno ai Rom

Nomadi, dal Comune 60mila euro l’anno. Unione Padana: Schiaffo
Piacenza24 (Comunicati Stampa) (Abbonamento)
Piacenza – Oltre 60mila euro all’anno per il mantenimento del campo nomadi di Torre della Razza. Lo sostiene il movimento Unione Padana. Una cifra che lascia indignato il movimento, che scrive in una nota: “Il Comune toglie risorse ai Piacentini che altro »

Rubano i soldi a un 16enne e se la spassano al bar

Hanno rapinato un 16enne per una cifra davvero di poco conto, appena 25 euro. Per questo sono finiti in manette tre cittadini stranieri, due di nazionalità rumena e uno albanese, rispettivamente di 30, 20 e 19 anni.
L’episodio si è verificato nei giorni scorsi. Verso le 22 i tre stranieri avevano preso di mira il giovane italiano che si stava intrattendo con alcuni coetanei nei pressi di un bar di San Miniato Basso. Una volta rimasto solo, mentre stava ritornando a casa, il giovane è stato avvicinato dai tre che lo hanno prima indotto a seguirli in un’area vicina poco illuminata e successivamente costretto a consegnare loro i pochi soldi che aveva in tasca, 25 euro in tutto.
I tre si sono poi allontanati, lasciando sul posto il ragazzo che, malgrado la paura e l’agitazione, ha avuto la prontezza di chiamare tempestivamente i Carabinieri per riferire quanto accaduto. I militari dell’Arma hanno così immediatamente avviato le ricerche dei tre malviventi, rintracciati poco dopo, mentre all’interno di un bar erano impegnati nella consumazione di una bevuta pagata con il bottino della rapina. Al momento dell’arresto si sono giustificati affermando di aver ricevuto i soldi in prestito e che era loro intenzione restituirli.“

Link: http://www.pisatoday.it/cronaca/rapina-ragazzo-san-miniato.html