Tag: centro accoglienza

‘Profughi’: disordini al Cara di Bari, 2 arresti e 2 ricercati, 15 gli indagati

Immigrati: disordini al Cara di Bari, 2 arresti e 2 ricercati, 15 gli indagati
La Repubblica Bari.it
Bari, 3 feb. (Adnkronos) – Due immigrati sono stati arrestati da agenti della Digos della Questura di Bari e altrettanti vengono ricercati in relazione ai disordini verificatisi il 16 dicembre nel Centro di accoglienza richiedenti asilo di Bari-Palese
Immigrazione: protesta Cara Bari,arrestiCorriere della Sera
Cara, per la rivolta di dicembre due arresti per devastazioniLa Repubblica
Immigrazione: protesta Centro accoglienza Bari, due arrestiIl Cittadinotutte le notizie (12) »

«La rissa per una partita a cricket» – Corriere della Sera


Corriere della Sera

«La rissa per una partita a cricket»
Corriere della Sera
BARI – Un litigio durante una partita di cricket, così è nata la maxi rissa nel Cara che ha causato la morte del 26enne curdo, Haimane Hajar. La Squadra mobile di Bari, coordinata nelle indagini dal pm Renato Nitti, ha arrestato i due presunti autori 
Immigrati: omicidio in Cara Bari, rissa nata da dispetti durante partitaLiberoQuotidiano.it
Immigrati: omicidio in centro accoglienza Bari, terzo fermoLa Repubblica Bari.it

tutte le notizie (4) »

Sommossa immigrati al Cara di Mineo: poliziotti feriti a sassate

Catania 14 giugno 2013 – Una ventina di immigrati originari del Mali, ospitati (sarebbe meglio dire mantenuti) nel Centro accoglienza richiedenti asilo di Mineo, ha lanciato sassi contro gli agenti di polizia. Sei agenti sono rimasti feriti. E’ stato fatto uso di lacrimogeni per mettere in sicurezza il personale della struttura, che ospita (mantiene con i soldi degli italiani) 2.800 extracomunitari in attesa dello status di rifugiato politico. I rivoltosi hanno anche danneggiato alcune strutture e dato fuoco a cassonetti dell’immondizia. Motivo della sommossa il fermo di un connazionale accusato di aver aggredito alcuni esponenti delle forze dell’ordine, i tempi lunghi di attesa per il riconoscimento dello status di rifugiato.

”La situazione oggi è ben lontana da quella esistente al momento dell’inaugurazione – ha dichiarato il rappresentante del Coordinamento per l’indipendenza sindacale delle forze di polizia (Coisp), Gaetano Anastasio –  Questa inizialmente fu infatti ben accolta dai residenti locali che speravano in vantaggi economici e di visibilità. Speranze presto infrante dal clima di vero e proprio incubo che attualmente gli abitanti del luogo stanno vivendo”.

Anastasio sottolinea come all’interno del centro Cara di Mineo ”si assista giornalmente a tantissime anomalie e situazioni illegali causate dalla mancanza di attenzione sugli ospiti” sottolineando come la maggior parte di essi ”vive nell’ozio e non viene coinvolta in attivita’ di gruppo quali sport, scambi culturali e spesso il non far nulla si traduce in momenti di tensione che sfociano in vere e proprie rivolte mettendo a repentaglio l’incolumita’ sia degli abitanti del centro che di quanti, a vario titolo, vi lavorano”. ”E’ assurdo – dice Anastasio – che per controllare una comunita’ di circa 2.800 persone siano presenti soltanto 30 operatori di Polizia. Chiaramente lo stato d’animo dei poliziotti prestanti servizio e’ a terra e la situazione avvilente, considerato che sono troppo pochi e rischiano seriamente la propria incolumita’ fisica”. ”La vita – aggiunge il sindacalista – e’ molto difficile anche per quella gran parte di ospiti che continuamente subiscono angherie e soprusi di ogni genere a parte di altri individui che con arroganza e violenza dettano legge all’interno della struttura stessa: il tutto senza che le Forze dell’Ordine se ne accorgano ad eccezione di qualche caso in cui sono stati individuati i responsabili dei reati”. ”E questo – conclude – non a causa di negligenza da parte di queste ultime, ma per via della gravissima carenza di uomini”.

http://www.cataniatoday.it/cronaca/cara-mineo-protesta-feriti-14-giugno-2013.html

Rissa nella notte tra “profughi” nel centro che ospitò Kabobo


BARI, 18 MAG – Tre persone sono rimaste ferite con colpi di coltello – una in modo grave – in una rissa avvenuta nella tarda serata di ieri nel Cara di Bari. I motivi della zuffa, che ha coinvolto un gruppo di cittadini di nazionalita’ afgana, irachena e pachistana, sono in corso di accertamento. Il piu’ grave dei tre feriti e’ ricoverato nell’ospedale San Paolo con una ferita da arma da taglio al torace; le altre due persone sono state condotte al Policlinico e al Di Venere.
Danni, costi sanitari e gli italiani pagano. Questo è il centro dove venne ospitato a 45€ di paghetta al giorno – e fu protagonista anche lui di disordini – il “picconatore” Kabobo. Dopo i disordini venne liberato. Anche questi afghani, irakeni e pakistani saranno muniti di piccone e diretti verso qualche città italiana?
Né in Irak né in Pakistan ci sono guerre, li si espella. E poi, che noi si tenga soldati in Afghanistan e si importino afghani è demenziale.

Milano: Rom schiavizzano bimbi in centro comunale gestito da xenofili

Elemosina ai Bambini: arrestati Genitori

Due genitori rom di 33 e 35 anni, Marin e Florica C.,l’altro giorno sono stati arrestati per maltrattamenti in famiglia dalla polizia locale dopo che era stato dimostrato il loro continuo uso dei figli piccoli per chiedere l’elemosina. La coppia ha sette figli, da 2 ai 12 anni. Ogni mattina sceglieva una delle gemelle di 10 anni e un altro tra gli altri 5 da mandare a fare la carità. Poi, in serata, coi pochi soldi racimolati, il padre si comprava alcol o usava il denaro per bere. Un piccolo era stato visto in un supermercato raccogliere circa 17 euro: tutti presi dal genitore.Grazie a un pool dedicato in procura – che ha seguito il caso e ha messo in atto l’arresto, più incisivo della denuncia che, solitamente, viene applicata in questi casi – i piccoli saranno affidati a una casa famiglia. 

I genitori, invece, erano ospiti del centro accoglienza di via Barzaghi, gestito dalla Fondazione progetto Arca. Dove tenevano “nascosti” i bambini, non mandandoli a scuola.

Costringono i figli a mendicare: arrestati genitori MilanoToday

tutte le notizie (2) »

Quanto ci costano gli Zingari? Loro e i loro figli, che poi divengono a loro volta gli aguzzini di altri figli e così via in un circolo infinito. Domanda: perché la Fondazione Arca non viene indagata per favoreggiamento? E il Comune che finanzia il centro non vogliamo indagarlo?

Detto per inciso: i loro figli ora, li manterrete voi. E non servirà a nulla.